Ultime recensioni

mercoledì 9 dicembre 2015

ALBION - OMBRE di Bianca Marconero


"Marco Cinquedraghi e i suoi amici hanno scoperto di essere portatori di una peculiarità genetica che si fonda nella leggenda. Sono le nuove incarnazioni di Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda. Ma qual è il prezzo del loro privilegio. A cosa si deve rinunciare per guadagnarsi un destino già scritto? Marco preferisce non chiederselo. Saranno gli errori commessi e le bugie a trascinarlo in una spirale che lo obbligherà ad aprire gli occhi, mentre anche l'eredità di mago Merlino si risveglia e reclama il proprio tributo. Tra amicizie che si incrinano, amori condannati per le colpe del passato, l'ombra di una fata leggendaria e un'indagine su una morte sospetta che sembra portare a una tragica verità, i ragazzi dell'Albion College proseguono il loro cammino per diventare grandi. Ma capire cos'è la vera grandezza comporta un sacrificio che ognuno di loro dovrà affrontare da solo, per salvarsi."




Avevo da pochissimo finito di leggere il primo romanzo (che per una qualche strana ragione mi ero fatta sfuggire per ben due anni), quando ho saputo che sarebbe stato pubblicato a breve il secondo.
Ero felice e in trepidante attesa, attesa che, anche se breve, è stata ampiamente ripagata.
Avevamo lasciato i nostri personaggi preferiti, Marco, Helena, Lance, Deacon e Erek, alle prese con la scoperta della verità sui loro strani poteri e sull’Albion College: sono le reincarnazioni di Re Artù e i Cavalieri della Tavola Rotonda a causa di un incantesimo operato da Merlino, in modo che la genetica sopravvivesse nel tempo. Una verità non facile da accettare, o in cui credere, ma reale.

“Ma quando scarti l’impossibile, ciò che resta, per quanto poco plausibile, è la verità”

L’apertura del romanzo vede i nostri protagonisti a Santiago de Compostela, luogo di nascita di Helena, poco prima di tornare in Svizzera all’Albion College. E’ in questo punto esatto, nella piazza principale della città, che compare il personaggio mancante per completare il quadro dell’eredità e della leggenda: Morgana. Bellissima, empatica e piantagrane, reintegrata come assistente degli insegnanti, i cui poteri si sono risvegliati molto tempo prima dell’attivazione del re in Marco, ha combinato qualcosa di talmente grave da portarla all'espulsione dall’Albion tre anni prima. Esattamente nello stesso momento in cui il fratello di Marco, Riccardo, muore di infarto sul campo da giostra. Sarà implicata in qualche modo?


Con la sua astuzia e i suoi modi di fare che riescono sempre ad incantare tutti, Lance decide di indagare su questo e sulla fin troppo misteriosa morte del maggiore dei fratelli Cinquedraghi, complici alcune videocassette che gli vengono fatte recapitare in modo misterioso.



Deacon, nel frattempo, è alle prese con un sogno ricorrente, in cui prova un forte struggimento per il lago della leggenda, attualmente “abitato”, così sembrerebbe, da un enorme e terrificante mostro che tenta di fargli del male; Erek non è ancora riuscito a perdonare del tutto il tradimento di Darlin/Samira, non dopo aver scoperto che la ragazza è in realtà un’Assassina (e io spero sotto sotto che ci sia del tenero), che ha precisi ordini su di lui; Helena continua la sua tormentata relazione affettiva/non con Marco, in un’angosciante catena di alti e bassi e Marco stesso è alle prese con la sua oscurità interiore e le sue insicurezze, in uno spiraglio che lo porterà quasi all'autodistruzione

“Quella frase la toccò in modo inaspettato e le diede il tipo di felicità che provocano le coincidenze. Come le canzoni che sorprendono, rivelandoci qualcosa che non sapevamo di noi stessi, quasi fossero specchi”


Se il primo romanzo aveva presentato i personaggi, li aveva delineati, ognuno nel suo carattere personale e quello ereditario e ci aveva portati dentro la storia, “Ombre” mi sentirei di definirlo angosciante. Un angosciante positivo, perché tutti, almeno una volta nella vita, si sono trovati a fare i conti con la propria interiorità: non sentirsi mai all'altezza della situazione, chiedersi se si ha davvero una certa libertà di scelta o c’è un destino che ci è stato prestabilito, il primo amore con le sue relative prime incertezze, il sacrificio, la rinuncia, la lealtà.

Anche quando viene meno, questi ragazzi hanno uno spirito di gruppo e una presenza molto forti, che li legano aldilà di ogni difficoltà e ostacolano che potranno mai trovare sul loro cammino. E di ostacoli ce ne sono e ce ne saranno sempre tanti, per chi porta con sé un peso così monumentale.
All'inizio, ho temuto una regressione di Marco, che accadesse qualcosa che lo facesse tornare a quel ragazzo viziato e odioso che era nelle prime pagine del primo romanzo. Fortunatamente sono stata smentita: avrei voluto prenderlo a pugni pochissime volte! Specialmente quando si trova insieme ad Helena, scoccano le scintille: i due non sono assolutamente d’accordo su nulla, o quasi, eppure sono inevitabilmente attratti l’una dall’altro, due poli opposti che per quanto possano respingersi, non ci riusciranno mai del tutto. Ma Helena è fragile, molto fragile dentro, potrebbe spezzarsi con nulla, e Marco sa di dover fare molta attenzione.

Chi invece ha perso ogni freno inibitore è Deacon, che non si fa più problemi a dire ciò che pensa, di tutto e di tutti, che non riesce a controllare bene il suo potere (che a quanto pare non dovrebbe nemmeno più esistere), che diventa sempre più scorbutico, indomabile e infinitamente adorabile. Sono convinta che dovrebbe stare più a contatto con Lance, anche se sembra che stia cominciando a cedere un po’. Continua a non voler accettare il suo potere, ma vi sarà costretto: ho come l’impressione che tutte le organizzazioni amiche dell’Albion College non lo lasceranno rinunciare così facilmente.


Non volendone sapere più niente inizialmente, Erek decide che forse non è poi così male tentare di ricucire il rapporto con Samira, soprattutto perché quest’ultima non ha nessuna intenzione di mollarlo: non solo per gli ordini, come ci è dato intuire.
Ma non vi svelo assolutamente nient’altro, ho già detto fin troppo!

Morgana. Io aspettavo il suo arrivo. La sua figura nella mitologia arturiana mi ha sempre affascinata moltissimo, e anche qui non è stata da meno: può essere la ragazza pronta a farti a pezzi pur di farti stare alle sue regole, o la persona più leale del mondo, quando si tratta di aiutare Lance a scoprire chi si cela dietro a strani personaggi col cappuccio nero, misteriosi attentatori alla vita degli studenti dell’Albion College. Sono certa che ci riserverà altre belle sorprese in futuro. E poi, con Marco che la attrae come una calamità, non si può mai dire!

In conclusione, in un’ambientazione fantasy, tra una lezione di filologia romanza, una giostra e un allenamento con la spada, ho solo una cosa da chiedere: dov’è la mia lettera di ammissione all’Albion College? 




Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore – morto in circostanze misteriose –, nel giorno del funerale dell’amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera. È infatti giunto il momento di iscriversi all’Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. 


Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell’amicizia e capirà che l’amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. 

Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell’eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all’epilogo, tra le mura di un’antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. 


Il destino di un re il cui nome è leggenda. 




DA LEGGERE DOPO ALBION!!!

Mi chiamano Samira, ho più o meno tredici anni e sono un'Assassina.

La storia del primo volume di Albion raccontata dal punto di vista di uno dei personaggi più interessanti della saga. 



E' consigliato leggere questo volume dopo avere letto Albion, perché NON è un opera a sè stante, e da per scontati sviluppi e rivelazioni del libro da cui è nato.












PIANO DELL'OPERA: 



Ciclo del Primo Anno 
Albion (Albion #1) – disponibile 
Albion – Diario di un’Assassina (Albion #1.5) - disponibile 
Albion – Ombre (Albion #2) – disponibile 
Albion – Il principe spezzato (Albion #2.5) - Dicembre 2015 

Libri della Cerca 
Albion - Eredità (Albion #3) - in arrivo nel 2016 
Albion #4 - TBA 
Albion #5 - TBA 



Laureata in Lettere con una tesi su un misconosciuto poema cavalleresco in ottave, non ha mai superato l’infatuazione per la lirica cortese.

Dal 2008 lavora come redattrice di riviste per teenagers, legate a popolari brand (Hello Kitty Magazine, Flor speciale come te, Paciocchini). Nel 2012 ha ideato e scritto i testi di una serie di libri per la prima infanzia, editi da RTI Mediaset.
Vive in una casa minuscola con una fatina, un folletto dispettoso e il principe azzurro.



Nessun commento:

Posta un commento