Ultime recensioni

venerdì 17 maggio 2019

Review Party: TUTTO IL TEMPO CON TE di Sara Purpura



Cosa impedisce a un cuore di rompersi in mille pezzi? Dimenticare. È quello che sto cercando di fare, eppure so che il dolore continuerà a tornare a intermittenza e il mio cuore resterà lesionato per sempre.

È passato del tempo dal giorno dell'incidente, dal momento terribile che ha segnato la fine della storia d'amore tra Desmond e Anais. Da allora lui ha fatto di tutto per evitare la ragazza, anche adesso che frequentano la stessa università. Insieme al loro amore, ha messo in un angolo anche l'entusiasmo per il futuro: ha imparato a sopravvivere, tra serate con i compagni di squadra, feste ad alto tasso alcolico e nottate passate tra le braccia di ragazze prive di importanza. Come se bastassero a fargli dimenticare quanto incompleto si sente dal giorno in cui ha lasciato andare la metà della sua anima.
Anche Anais fatica ad andare avanti con la sua vita. Ora vive nel campus universitario insieme alle amiche di sempre, ma perdendo Des sa di aver perso la parte migliore di sé. E, per quanto si sforzi, il suo ricordo è ancora così forte da rubarle il sorriso.
Dopotutto insieme erano veleno. Si sono fatti del male e ne hanno fatto agli altri. Non può esserci un lieto fine per loro. Eppure una sera accade l'inevitabile. All'ennesima festa universitaria, Des e Ana si rivedono. E il loro cuore, troppo a lungo costretto al silenzio, esplode.

Ritrovarsi, sfiorarsi anche solo per pochi istanti, è per loro come liberarsi dalle sabbie mobili in cui sono sprofondati. E per quanto la loro mente urli che il loro è un legame sbagliato, non riescono a tenere a bada un cuore che è tornato a vivere.
Ma la strada per ricominciare non è affatto semplice. Forse lo sarebbe, se a rincorrerli non ci fossero i ricordi degli errori commessi e i sensi di colpa. Forse lo sarebbe, se i fantasmi del passato non tornassero a minacciarli.
La storia di Des e Ana, secondo volume della trilogia: preparatevi perché nuovi lati dei protagonisti verranno a galla, vecchie ferite si riapriranno e, soprattutto, vecchi demoni si ripresenteranno alla porta.

Avevamo conosciuto Desmond, per  gli amici Des, un po' come un cavaliere dalla scintillante armatura, un ragazzo che con Anais si sentiva pronto a combattere non solo le sue battaglie, ma anche quelle di lei, qualcosa che in pochi avrebbero fatto alla loro  età.
Quando il dramma si abbatte su di loro niente è andato come sarebbe dovuto andare ed ecco perché i DesIs ( Desmond e Anais insieme, così mi piace chiamarli) hanno preso strade diverse, obbligandosi ad andare avanti senza l'altro perché solo così, pensavano, sarebbero sopravvissuti.

Quello che ho dentro rischia di annientarmi ogni giorno. 
Sono io che ci faccio i conti.
Io che ho trovato un modo per sopravvivere.
Io che mi punisco e deciderò quando smettere

Al mondo non importa dei drammi personali, di quanto un'anima si possa spezzare, insieme al tempo loro continuano imperterriti a scorrere.
Ed è proprio così che due anni dopo ai fatti narrati ritroviamo i due nostri ragazzi, Anais e Desmond.
Lui pieno di rabbia, desideroso di dimenticare anche solo per una notte i suoi dilemmi in un modo che sembra essere solo un palliativo al vero problema. Una serie di volti senza nome di ragazze si vanno ad aggiungere ad una lista, aumentando dentro di lui il senso di insoddisfazione, quel dolore al petto che si porta dietro da quando era piccolo.

E lei, la nostra Anais...
Piegata, ma non distrutta, spezzata ma mai del tutto, con i suoi demoni che sembrano sussurrarle all'orecchio solo false promesse, modi in cui il dolore potrebbe essere reso meno forte se solo facesse ciò che sembrano cantarle, riportandola in un mondo oscuro, quello della vecchia Anais, quello dove c'era una ragazza che cercava solo di essere salvata e pensava, erroneamente, che questa salvezza fosse rappresentata da lui, dal suo amore.
Ma ora che lui non c'è più, che ogni volta che si incontrano sembra riservarle solo parole crudeli, avvicinarla col solo scopo di allontanarla, sa che per salvarsi non le servono altre persone, non le serve lui.
Ha solo se stessa, la sua forza e la sua determinazione.
Anche se lui lo vorrebbe per ben altre ragioni, per ricongiungere i pezzi del suo cuore, quello stesso che sembrava avergli affidato tempo fa.

È Des.
Accade in fretta: se ne vanno, 
lui e il suo calore.
Se ne vanno l’illusione che ha portato questa sera nella mia vita e i ricordi che mi perseguitano.
Ed è di nuovo gelo. 
Il freddo disumano che mi ha gettato addosso quell’unica parola sputata fuori
 con così tanto odio mi ha atterrito.
                                                                               Veleno.

Insieme si son convinti di essere tossici, l'uno per l'altra. Tra le loro braccia un paradiso capace di portarli nel più oscuro degli inferni. Questo è ciò che credono, perché sino ad ora nessuno dei due sembra aver parlato a cuore aperto all'altro di ciò che è stato, degli errori che hanno commesso.
Se solo lo facessero, sarebbero forse capaci di rimettere insieme i pezzi e diventare la versione migliore di prima, la più forte.
Se solo lo facessero, dovrebbero però prima imparare a scegliere loro stessi, ogni giorno, combattendo i loro personali demoni, così da poter finalmente trovare nell'altro quello che per tutta la vita hanno cercato, nonostante la loro giovane età.

Tutto il tempo con te si veste di una nuova copertina, questa volta firmata Mondadori, che ci accompagnerà per tutta la trilogia. Più scorrevole, più intenso, più bello, ecco come ho trovato questo volume. Se già la vecchia versione era piacevole, a parere mio, questa lo è di più.
Avevo conosciuto questa autrice una vita fa, per così dire, imparando ad amare i suoi personaggi che per quanto spezzati, come vediamo in quest'opera, non son mai distrutti. Son pronti a combattere, se solo sapessero che a fianco a loro ci fosse qualcuno pronto a curarne le ferite; per far ciò, però, dovrebbero però ammettere di aver bisogno dell'altro e grazie ai pov alterni capirne i pensieri risulta al lettore facile, per quanto possibile, perché di una cosa fidatevi, questi due ragazzi di facile non hanno avuto nulla.
Questo volume potrebbe essere sintetizzato da questa frase: un libro che rappresenta la battaglia di due anime, piegate ma mai spezzate, pronte per la loro rivalsa, pronta per spiccare finalmente il volo che sino a quel momento gli era stato negato.
E per chi mi conosce sa che per quanto ami i romanzi angst (entro certi limiti, ve ne prego), quel qualcosa di più che ho trovato qui me lo ha fatto amare.
Non sapevo quanto mi fosse mancata questa trilogia sino al momento in cui mi è tornata fra le mani, quasi desiderosa di essere riletta.



Nessun commento:

Posta un commento