Ultime recensioni

venerdì 7 giugno 2019

NEL CUORE DI GINGER di Katy Regnery



Tanto tempo fa c’erano due cugini:
uno dorato come il sole,
l’altro oscuro come la notte,
uno un protettore,
l’altro un predatore,
uno un Cacciatore
e
l’altro un Lupo…
ed entrambi possedevano in maniera equa,
anche se differente,
una porzione del cuore di una ragazzina.

In questa storia d’amore contemporanea, liberamente ispirata a “Cappuccetto Rosso”, il cacciatore e il lupo sono cugini, e Cappuccetto Rosso è la ragazza della quale entrambi si innamorano.
La bellissima Ginger McHuid, figlia del più importante allevatore di cavalli del Kentucky, cresce nel ranch di famiglia, è la migliore amica di Cain Wolfram, il figlio del responsabile degli stalloni di suo padre, e del cugino di Cain, Josiah Woodman, figlio di un banchiere locale. Nel corso della sua infanzia felice, i tre sono amici inseparabili, ma mentre crescono fino a diventare adulti, sentimenti complicati minacciano di distruggere la lunga storia della loro amicizia e del loro amore.

Nel piccolo cuore di Ginger c'è sempre stato posto per due persone: Woodman e Cain. Sin dalla tenera età, ad ogni suo compleanno lei voleva compiere il tradizionale salto dal fienile, come una principessa delle favole, per finire tra le braccia dei due giovani ragazzi che l’avrebbero accolta affettuosamente, chi più per gioco chi per amore. Uno scenario del tutto innocente fino a quando lei non compie dodici anni,  le esigenze cambiano e certe intenzioni prendono contorni più precisi.
Il cuore di Ginger, che si è rotto quando era ancora una bimba ed è stato aggiustato chirurgicamente, saprà sopportare le insidie e i lancinanti dolori che comporta amare due persone contemporaneamente? 

"Scegliere, bambolina," disse la nonna. "Un giorno dovrai scegliere".

Protagonista di questo romanzo è una cappuccetto rosso in chiave moderna, ignara del suo destino: appartiene al prevedibile ma affidabile cacciatore Josiah Woodman, oppure è tra le fauci eccitanti del lupo Cain Wolfram? Come avrete capito, si tratta di una trama dai contorni triangolari, che personalmente mal sopporto, ma dai risvolti inaspettati che ne hanno arricchito la lettura.

Cain e Woodman sono cugini di primo grado, nati da due sorelle gemelle. Anche se provenienti da contesti sociali diversi, hanno condiviso così tanto da definirsi fratelli, inclusa l’amicizia con la piccola Ginger. Le loro personalità sono totalmente agli antipodi: Woodman è razionale, pragmatico e di buon carattere, ha già tracciato il suo futuro con attenta minuzia; a Cain brucia costantemente il terreno sotto alle scarpe, non sopporta le restrizioni e vive di istinto.

"Mai stata baciata?"
"Non ancora"
"Vuoi ancora quel primo bacio?"

Ginger è la cosiddetta antitesi in mezzo a loro: le piace la quotidianità ad Apple Valley-Kentucky ma desidera anche vedere altro; sogna una famiglia e dei bambini ma dopo essersi presa del tempo per se stessa; brama l’amore che fa arricciare le dita dei piedi ma che sappia donare calore nei momenti di sconforto. Anche se viene percepita da un occhio esterno come una principessa, anche in ragione del suo status sociale, non è una statuina di porcellana pronta a frantumarsi, ma una guerriera col cuore di un leone. Il punto focale è da chi dei due uomini potrà ottenere il suo lieto fine.

Tu sai quello che voglio, ma lascerò la palla in campo. Quando sarai pronta, vieni a trovarmi. Io ti aspetterò.
Katy Regnery è una scrittrice dalle trame ricche di particolari oltre che dai colpi di scena, ed è per questo motivo che non desidero rubare il pathos della lettura lasciando trapelare ulteriori dettagli.
La scrittrice ha confermato le sue grandi doti di analisi affrontando una trama impegnata dove i complessi protagonisti hanno avuto tutto lo spazio necessario per esprimersi nel bene e nel male. L'utilizzo di tre POV distinti permette una panoramica emotiva e temporale davvero a 360 gradi.

In conclusione, ci tengo a dire che, per quanto sia rimasta soddisfatta dalla lettura e abbia compreso il percorso della trama, avrei preferito che il finale avesse preso una direzione diversa, per una volta. 



Nessun commento:

Posta un commento