Ultime recensioni

giovedì 20 giugno 2019

Segnalazione: ABIGAIL. Macaron e una tazza di tè di Giulia Masini


Abigail - Macaron e una tazza di tè è il quarto e ultimo volume di una serie in cui racconto la vita di quattro amiche.
Quattro romanzi, uno per ogni amica.
La particolarità di questa collana è che non solo i romanzi sono concatenati tra loro, ma si svolgono nello stesso lasso di tempo dando origine a degli intrecci di trama tra l’uno e l’altro romanzo. 

Inghilterra, 1865

Nonostante sia ormai in età da marito, Abigail non è intenzionata a sposare il primo buon partito che le farà la proposta. 
Lei vuole amore, passione e complicità.
L’uomo perfetto si presenta sotto le sembianze di Marcus Barnes, un americano alto, moro e con uno sguardo che incute inquietudine, ma che su di lei ha lo stesso potere del fuoco su una falena.
L’attrazione è inevitabile, immediata e soprattutto reciproca e senza neanche accorgersene Abigail si ritrova perdutamente innamorata di quell’uomo tanto bello e passionale; un uomo che però è sprovvisto di titolo nobiliare, straniero e per di più di razza mista.
Basterà il loro legame per sconfiggere le tradizioni in uno dei Paesi più bigotti al mondo?



– Lady Abigail! – la chiamò.
La ragazza voltò il capo e appena lo vide lo guardò con aria sorpresa. – Signor Barnes, ma cosa ci fate aggrappato alla carrozza?
Da dentro, Marcus udì suo cugino intimargli di rientrare e qualcosa su quanto fosse maleducato iniziare una conversazione in quel modo. Ovviamente lo ignorò e sorrise a lady Abigail. – Volevo vedere quale fosse il problema di questo rallentamento, ma ho sbagliato ad affacciarmi. Per caso voi sapete spiegarmi per quale motivo qua in Inghilterra viaggiate sul lato sbagliato della strada?
– Non siamo noi inglesi ad andare nel verso sbagliato – rispose lady Abigail continuando a camminare tra le persone che la precedevano. 
– Ah, sul serio? Mi piacerebbe approfondire meglio questa vostra teoria.
– Non è una teoria, signor Barnes – sbottò una signora che Marcus non aveva proprio notato. – E un giorno mia nipote sarà ben felice di spiegarvi nel dettaglio la cosa, ma non qua e non con voi che continuate a penzolare da quella carrozza come una sorta di scimmia senza peli.
Marcus la osservò cercando di capire se il tono che aveva appena adoperato era di rimprovero. Non vi riuscì, però notò una certa somiglianza tra lei e lady Abigail, entrambe avevano occhi verdi e labbra carnose e tra i capelli imbiancati della donna si potevano ancora intravedere tracce del colore ramato di lady Abigail. Che fosse la nonna? – Avete perfettamente ragione, milady – le rispose e spalancato lo sportello saltò giù prendendo a camminare accanto alla ragazza.
– Zia, permettimi di presentarti il signor Barnes – disse lady Abigail. – Signor Barnes, vi presento mia zia, Letitia Barlett, marchesa di Grantham.
Marcus la salutò con un cenno del capo. – È un vero piacere, lady Grantham.
L’anziana donna sollevò un sopracciglio aristocratico e lo scrutò da capo a piedi. Marcus era pronto a scommettere che gli avrebbe fatto notare quanto fosse sconveniente attaccare discorso con due gentildonne nel pieno della loro passeggiata. E invece lady Grantham sorrise, si avvicinò all’orecchio della nipote e disse: – Non credo che tu gli abbia reso giustizia, cara!

Giulia Masini nasce a Lucca nel 1973. La sua passione per la scrittura inizia quando è poco più di una ragazzina con la scrittura di alcuni racconti che custodisce gelosamente fino a quando le viene voglia di riprenderne in mano alcuni per svilupparli in modo più articolato. Nel 1997 nasce il suo primo romanzo: L’Orlando Blu, che pubblica in formato e-book nel dicembre del 2015 in esclusiva su Amazon.  Segue poi il secondo romanzo “Il Sigillo dei Kerrey”, storico ambientato nell’Irlanda della seconda metà dell’800. Nel 2016 pubblica “Come Acqua e Cielo”, primo romanzo contemporaneo dedicato ai più giovani e un nuovo storico “Maybelle Tentazione Proibita”. Tra luglio del 2018 e giugno 2019 dà vita alla serie “Macaron e una tazza di tè”. Attualmente sta lavorando alla stesura del suo secondo contemporaneo.

Nessun commento:

Posta un commento