Ultime recensioni

lunedì 5 agosto 2019

Review Party: THE ARISTOCRATS di Daria Torresan & Brunilda Begaj



Ricchi, potenti e di una bellezza quasi eterea, i fratelli Doko sono “I signori dell’est-Europa”. Arroganti, pericolosi e disonesti fino al midollo, non provano pietà, non rispettano le regole e l’unica legge che conoscono è la loro. 
La sola parola che conta è la loro. 
Tutti li temono, tutti chinano il capo al loro cospetto. Tranne le sorelle Norik, discendenti dirette della donna più autorevole e rispettata nell’Europa orientale, nonostante il passato per nulla glorioso. Il loro cognome è sinonimo di potere e protezione. Per loro la legge è al di sopra di tutto, non giocano sporco, non ne hanno bisogno. Ma il loro rispetto va guadagnato e i Doko l’hanno perduto da tempo. 
C’è un confine invalicabile tra le terre degli uni e delle altre. 
Due famiglie, due imperi in lotta da sempre per la supremazia. Ma la loro battaglia rischia di portare alla luce troppi segreti. Quanto a lungo possono i protagonisti di questa faida farsi carico dell’antico odio che li separa? Quanto, prima che gli istinti carnali sfocino in una passione travolgente? 
Perché davanti a un sentimento come l’amore, il cognome che porti non conta nulla.

* ATTENZIONE * 
Il romanzo contiene scene di sesso esplicite. Se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole.

Avete presente i Montecchi e i Capuleti della celeberrima tragedia shakespeariana? L’odio e la rivalità tra le due famiglie era più che viscerale e sappiamo bene quali conseguenze ha avuto. Ora provate ad immaginare questa competitività ai giorni nostri ed eccovi un piccolo preludio di ciò in cui state per imbattervi.

“Io conoscevo solo l’odio, e di quello mi sono nutrito per anni.”

Si apre il sipario …
Siamo subito catapultati in Albania, dove da anni si fronteggiano due clan tra i quali non corre buon sangue: quello dei Doko e quello delle Norik.
I primi non si fanno scrupoli ad utilizzare mezzucci pur di ottenere ciò che vogliono, le seconde invece – forti del cognome che portano – hanno raggiunto l’attuale prestigio partendo dal basso e l’onore è diventata per loro una virtù sacrosanta.
Si contendono, senza alcuna esclusione di colpi, il predominio sulle terre da amministrare e dei traffici illeciti da portare avanti.

“Non ridere per essere riuscito a buttarmi a terra. Comincia a tremare perché sto per rialzarmi.”

Questo palese antagonismo fa da contraltare al sentimento che serpeggia indomito in entrambe le fazioni, eppure se si tenta di soffocare la passione essa troverà sempre un modo per venire allo scoperto più potente e travolgente che mai.
Anche in questo caso il paragone con Romeo e Giulietta sorge spontaneo, vi lascio questa citazione tratta dalla tragedia:

“Che cosa c'è in un nome? Ciò che noi chiamiamo con il nome di rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo.”

Attraverso questa frase, che si presta bene anche ad essere accostata a “The Aristocrats”, voglio mettere in risalto quanto esiguo sia l’importanza di un cognome dinanzi ad una forza inarrestabile come quella dell’amore, amore che tra queste pagine è palpabile e decisamente impetuoso.
The Aristocrats” è un romanzo autoconclusivo di genere mafia romance scritto a quattro mani da Daria Torresan e Brunilda Begaj. La scelta di scrivere a quattro mani, per certi versi, potrebbe risultare rischiosa non so dirvi con esattezza quale autrice abbia scritto cosa, ma posso affermare con assoluta certezza che c’è omogeneità e armonia. Nessuna delle due sembra prevaricare sull’altra, dall’intreccio alla stesura tutto è bilanciato con maestria e funziona.
Sono molte le voci che si avvicendano sulla scena, tanto da meritarsi un’ulteriore accezione quella di romanzo corale, tuttavia è proprio per questo che non ho dato la valutazione piena; alcuni avvenimenti sono appena accennati o risultano troppo repentini laddove, invece, si sente l’esigenza di un maggiore approfondimento.
Un romanzo come questo sono sicura che non lo dimenticherete presto; forte di una trama complessa e ben strutturata, di un linguaggio scorrevole dai dialoghi arguti, ma soprattutto senza filtri in particolare nella descrizione dei momenti piccanti che, ve lo garantisco, sono BOLLENTI.

“Quello che ho lasciato in tenera età era un posto maledetto, dove il dio Denaro ballava un sensuale tango con la dea Lussuria.”

Amore, autorevolezza, rispetto e licenziosità sono i principi cardine di queste due famiglie avversarie; non c’è tregua, vengono allo scoperto una dopo l’altra verità taciute e scheletri nell’armadio di ambedue le parti… Che altro dire? Suspense e romance si mescolano in una combinazione vincente.
Imperdibile.


Nessun commento:

Posta un commento