Ultime recensioni

Visualizzazione post con etichetta Cinzia Giorgio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cinzia Giorgio. Mostra tutti i post

giovedì 3 dicembre 2015

DOPPIO RITRATTO di Cinzia Giorgio


Chiara Santiluti riceve l’incarico di restaurare una tela di Raffaello Sanzio: si tratta del Doppio Ritratto, conservato al Musée du Louvre di Parigi. Il dipinto ha segnato una svolta nella vita di Raffaello: i documenti in possesso della famiglia di Chiara ne attestano l’importanza. Nonostante lei cerchi di liberarsi di quel pesante fardello che la collega indissolubilmente a Raffaello Sanzio, Chiara si ritrova sempre più coinvolta. In uno specchio continuo tra il passato e il presente, ripercorre a ritroso la vita del Sanzio dalla sua morte all’incontro con il suo grande amore: Margherita Luti, detta la Fornarina. Al di là delle previsioni Chiara a Parigi conosce un giovane artista italiano e vede cadere tutte le sue certezze. L’arrivo di una notizia inaspettata sconvolgerà i suoi piani per sempre.

giovedì 26 novembre 2015

L'AMORE E' UNA FORMULA MATEMATICA di Cinzia Giorgio


Non fate mai i conti senza il cuore.

A pochi giorni dal matrimonio Carlotta viene abbandonata dal fidanzato. E non ci sarebbe nulla di insolito: a volte capita. Peccato che Carlotta sia la guru indiscussa in materia d’amore… L’autrice del manuale bestseller “L’amore è una formula matematica”, e conduttrice di un programma tv in cui insegna come si costruisce la relazione perfetta, ora dovrebbe ammettere davanti a tutti che le sue regole non funzionano? Presa dal panico e terrorizzata dalla possibilità di essere derisa a reti unificate, Carlotta fugge da Roma e si rifugia a Orvieto, a casa di Jane, proprietaria di una splendida libreria. Ma i suoi problemi sono appena cominciati, perché lì vive e lavora Giulio, una vecchia conoscenza che metterà a dura prova le teorie in cui Carlotta crede fermamente. E allora quali formule dovrà applicare per trovare la soluzione al problema “cuore”?

“L’amore è una formula matematica” si ispira all’indimenticabile “Emma” di Jane Austen. Dopo “Prime catastrofiche impressioni”, “Cosa farebbe Jane?” e “Il bello della diretta”, il quarto e ultimo appuntamento con la miniserie “Le ragazze di Jane Austen”.