Ultime recensioni

giovedì 29 gennaio 2015

Il Fato degli Dei. Lacrime d' Ametista - Donatella Perullo

Ognuno nasce con un fato, quello di Roswita è essere l’unica in grado di fermare la malefica Dea Irmin.
Roswita è un’adolescente volitiva, cresciuta in un bosco, nascosta al mondo da Iosò, una misteriosa anziana che chiama nonna. Trascorre le sue giornate a studiare e a giocare nella natura insieme all’inseparabile Lupa; e non sospetta il perché del suo isolamento. Fin quando un giorno un incontro inaspettato la stravolge... ma lui è il principe Fredric dei Noctiluca, figlio della malefica Irmin. In un susseguirsi di eventi, intrighi e misteri, Roswita dovrà combattere per il proprio amore e per la salvezza del mondo rinunciando per sempre alla propria innocenza.
Un romanzo dalla prosa delicata ma incisiva, scritto con maestria, che conduce in luoghi incantati e al contempo infernali. Lacrime d’Ametista è un fantasy fiabesco, destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore dei lettori.
«L’amore può trascinare tutto con sé, anche l’odio più feroce».

Raccontarvi in modo approfondito la trama di questo romanzo, senza fare spoiler, è un'impresa impossibile. Si tratta di un young adult/fantasy/paranormal , ci sono più nomi di re e regine, Dei e esseri fatati da far competizione al Signore degli Anelli. Ma non disperate, alla fine del romanzo, troverete un riepilogo di tutti i personaggi, con una descrizione che vi aiuterà a non perdere il filo della storia.

Mi sono immersa in questo romanzo fantasy come non mi è mai capitato. Lo stile è semplicemente fantastico, si legge con un scorrevolezza senza pari e tutto, anche il singolo dettaglio, all'apparenza irrilevante, ha una precisa collocazione nel romanzo.

Roswita, è una ragazza di quasi 15 anni e ha da poco scoperto l'amore, che suo malgrado le sconvolgerà la vita. E' pronta a tutto, sacrificare ogni cosa, infrangere ogni regola, per stare insieme al "suo sole". La potenza del primo amore, l'ingenuità di una fanciulla, mi hanno avvolto con la loro purezza. Quando scoprirà che gioco brutto e meschino gli ha tirato il destino, sembrerà non avere lacrime a sufficienza per esternare il suo dolore ma la forza di carattere di questa giovane donna, vi sorprenderà.


Questa non è la fine. Io sono la gladiatrice e questo è solo l'inizio.

Il ragazzo di cui si è innamorata Roswita, è il principe Frederic. Povero giovanotto, tenuto sotto scacco da una madre senza cuore, che lo userà solo per ottenere la sua vendetta, diventare  Regina del regno degli Incompleti ( esseri umani ). Il ciondolo con la pietra di ametista incastonata che porta al collo, gli serve per interrompere il collegamento mentale tra madre e figlio.



Un laccio di cuoio con un ciondolo a forma di lacrima. Una goccia viola,un cristallo d'ametista."la pietra che scaccia gli incubi"considererò pensierosa Roswita. "l'ametista calma lo spirito e rasserena  i sogni. Perchè ne ha bisogno? Sembra felice."


Frederic rimane abbagliato alla vista di Roswita, desiderava conoscerla meglio, parlarle, passare del tempo in sua compagnia. Mai aveva provato un tale trasporto nei confronti di una ragazza, abituato alle cortigiane di corte, non si poteva considerare estraneo all'altro sesso ma provava una pulsione nuova dei suoi confronti.


Diciannove anni, damigelle e cortigiane prostrate ai suoi piedi, pronte a soddisfare ogni suo capriccio e desiderio, ma nessuno era mia riuscita a fare breccia dentro di lui. Avrebbe scoperto chi fosse quella ninfa. Voleva rivederla, parlarle, scoprire se era poi così unica come gli era apparsa.

Un re morto avvelenato, folletti odorosi, un lupo come compagno di avventure, un amore puro e incondizionato; il ciondolo che proteggeva Frederic abbandona il suo legittimo proprietario e ogni equilibrio rischia di sconvolgere ogni piano realizzato per impedire alla regina cattiva di attuare il suo desiderio di vendetta.



Ho trovato questo libro meraviglioso. Anche se ormai ho 30 anni e le mie letture vedono protagonisti decisamente più maturi, con scene intime che vanno ben oltre al casto bacio, è stato un onore averlo letto. Il concetto di libero arbitrio che viene inserito nel racconto è esaltante, una visione suddivisa tra Scorie, i sentimenti del male, e Scelta, l'accettazione che dentro di noi bene e male convivono in armonia, che fa competizione alla filosofia che si studia all'università.

E' giusto informarvi che la trama è fitta di dettagli con il rischio di sentirsi travolgere dal numero dei personaggi coinvolti e alle storie e leggende tramandate che vengono narrate. Fidatevi della scrittrice, sa il fatto suo ed ogni dettaglio è fondamentale. Mi complimento davvero, un lavoro degno di nota!


È nata a Napoli con il mare negli occhi e la scrittura nel cuore. Oggi vive a Caserta con il marito e la figlia Ilaria. Ha amato da sempre leggere e raccontare storie e a sedici anni scrive e illustra il suo primo romanzo fantasy. Distratta a lungo dalla carriera lavorativa e dalla famiglia, torna finalmente alla passione di sempre. Suoi racconti sono apparsi sulla Romance Magazine, sulla Writers magazine e in numerose e prestigiose antologie due delle quali edite da Butterfly Edizioni. Da due anni collabora con la rivista online i-LIBRI e attualmente coordina le sezioni “Fantasy” e “Giallo-Thriller-Noir”.

3 commenti:

  1. Una magnifica recensione, carissima Fidi, sono colpita da come tu abbia colto il senso della storia e tutti i messaggi che desideravo trasmettere. Complimenti anche per le immagini che hai scelto...Fredric somiglia tantissimo al ragazzo che immagino e questo vuol dire che sei entrata in piena sintonia con il mio immaginario. Complimenti sei un recensore con i fiocchi e non te lo dico perché la tua recensione è stata positiva.

    RispondiElimina
  2. Sono davvero felice ed onorata dalle tue parole, Donatella. Il tuo libro mi ha travolto e non me lo aspettavo, considerate le mie letture abituali. Ne sono lieta perché in questo modo ho avuto l'opportunità di leggere un ottimo libro, non vedo l'ora di scoprire cosa succederà nel seguito. Ci sono delle informazioni che mi puoi dare a riguardo???

    RispondiElimina
  3. Non posso dirti molto in realtà, preferisco non rovinare ai lettori il gusto della sorpresa. Posso dirti però che il secondo volume della trilogia che si intitola "Oltre lo specchio", è già pronto. Roswita dovrà affrontare la dura realtà e prove sempre più ardue. Ancora una volta saranno il suo carattere volitivo e il profondo amore per Fredric a darle la forza di reagire.

    RispondiElimina