Ultime recensioni

martedì 9 aprile 2019

Segnalazione: DIETRO LO SPORTELLO (un diavolo per capello) di Candy Cos

 

Titolo: Dietro lo sportello (un diavolo per capello)
Autore: Candy Cos 
Genere: Satira - Narrativa umoristica
Cover realizzata da Valentina Apuzzo (Valey)
Data di uscita: 12 aprile 2019

Il 7 novembre 2011 inizia la mia avventura al CUP. Ancora oggi non mi capacito della fortuna avuta. Avevo messo un'inserzione su un sito per la ricerca del lavoro ed ero stata contattata dell'agenzia che all'epoca si occupava delle assunzioni. Contratto di tre mesi, non molto, con poche prospettive dal momento che non era chiaro a chi dovesse andare l'appalto... A ogni modo, rinnovo dietro rinnovo, ricorso dopo ricorso, FINALMENTE arriva il tanto desiderato contratto a tempo indeterminato. Il lavoro è di quelli seri, avendo spesso a che fare con la malattia e la sofferenza, ma il mio carattere allegro, poco incline all'accettazione, ha saputo cogliere il lato divertente di ogni situazione.

PS: Alcune parti sembreranno barzellette, ma sono vere! Chiaramente nel libro non faccio nomi e non menziono l'ospedale. Ogni riferimento è puramente casuale, tuttavia se qualcuno si "ritrovasse" in qualche descrizione, si faccia un esame di coscienza...
6 maggio 2015
A distanza di un paio di mesi - troppo pochi per riprendersi - un altro tizio ha pensato bene di venire a "smuciarsi" il naso al mio sportello. Adesso, io non voglio entrare nelle abitudini di ogni singolo individuo, tuttavia spero che tale pratica non trovi ulteriori sostenitori. È troppo chiedere di usare un fazzoletto o, al peggio, di resistere cinque minuti, giusto il tempo di fare la prenotazione? Deve proprio venire a mettersi le dita nel naso di fronte a me? Quale mostro minaccioso si nasconderà mai per giustificare un immediato intervento? Forse pensa che i fazzoletti siano sopravvalutati?
Dietro lo pseudonimo di Candy Cos si cela un’appassionata lettrice di romanzi rosa che, delusa da alcuni libri, si è prefissa la sfida della scrittura, riproponendosi di narrare le storie che le sarebbe piaciuto leggere. Dopo aver rotto il ghiaccio auto-pubblicando il suo primo libro, ha proseguito la carriera di scrittrice portando a termine altri tre romanzi editi da una nota casa editrice.
“Dietro lo sportello (un diavolo per capello)” è una raccolta che si è praticamente scritta da sola. Su consiglio di alcune amiche, divertite dalle sue “avventure” sul posto di lavoro, l’autrice ha messo insieme i tanti post pubblicati nel corso degli anni in un noto social network, realizzando così buona parte dell’opera. 

1 commento: