Ultime recensioni

martedì 21 maggio 2019

LA PRINCIPESSA DEI MONDI. La Terra di Monica Brizzi


"In un mondo devastato dalla guerra, in cui umani e alieni combattono per la supremazia, lui ha una sola missione: riprendersi la Terra. Lei un solo scopo: sopravvivere."

È il 2320 quando Niristilia parte per una missione. Direzione Terra. Ma all’arrivo le cose non vanno come dovrebbero e Niristilia viene fatta prigioniera dagli umani.
Lei è la Principessa di Mirika, sorella dell’attuale Re, che ha bombardato e invaso la Terra, già decadente, con un unico scopo: conquistarla. 
Tuttavia, a Max, il capo dei ribelli, e ai suoi compagni sorgono molte domande: perché la Principessa racconta tutto il contrario di ciò che si aspettavano? Perché non sembra avere a cuore il fratello e il suo regno?
Ma anche un’altra guerra si fa spazio giorno dopo giorno nel cuore dei due giovani... Lotteranno per uscirne vincitori o alla fine cederanno?

La Principessa dei Mondi - La Terra è il primo volume di una trilogia sulla guerra tra Mirika e la Terra. Un distopico potente, emozionante, che lascia col fiato sospeso fino all'ultima riga.

Niristilia è la Principessa di Mirika, un mondo in guerra con il pianeta Terra. Il fratello, il Re, le chiede di partecipare a una missione sul pianeta nemico, ma le cose al suo arrivo non vanno come previsto, perché una volta atterrati lei e i membri dell’equipaggio che la accompagnavano vengono fatti prigionieri. Nessun trattamento di favore: viene rinchiusa in una cella e visitata quotidianamente dai membri di quella fazione, le vengono poste delle domande alle quali, però, non sa dare una risposta certa e precisa. Viene minacciata di essere uccisa e le botte non le vengono risparmiate. Max, il capo fazione, si rende conto che quella non è la giusta strategia per ottenere delle risposte, e decide di provare con le buone, mettendo le cattive maniere e la sua rabbia incontrollata da parte. Niristilia continua a non saper dare delle risposte alle innumerevoli domande che le vengono poste: perché è stata mandata proprio lei sulla Terra? Qual è lo scopo della loro missione?

Piano piano le luci divennero oggetti definiti. Stelle, pianeti, satelliti. Infine: lei.
Bella, imperiosa, magica.
La Terra.

Con il passare dei giorni, Max scoprirà tante piccole verità della presenza di Niristilia sulla Terra, ma soprattutto capirà che lei odia profondamente suo fratello ed è pronta a schierarsi con gli umani affinché cessi questa inutile guerra che rischia di decimare entrambe le popolazioni. Sono pronti a seppellire l’ascia di guerra per stringere un’alleanza ai danni del Re di Mirika? Ne usciranno vincitori o perdenti e in catene?

La sua voce si fece lontana, un’eco lontana, mentre il pulsare del cuore dell’uomo che mi teneva tra le braccia diventava sempre più forte. Non avevo mai sentito il cuore di qualcuno battere così. O forse non ero mai stata tanto vicina a nessuno prima d’allora.

Ammetto che questo è il primo romanzo che leggo di Monica Brizzi, ma ho notato che ad ora aveva pubblicato solo romance, quindi possiamo dire che questa sua “follia” di seguire la strada del fantasy si è rivelata più che riuscita. Avevo bisogno di un romanzo diverso, qualcosa che mi portasse su un altro mondo, qualcosa di meno contemporaneo e ammetto di averlo trovato tra le pagine di questa incredibile storia.
Anche se si tratta di un fantasy, possiamo dire che questo romanzo diventa una sorta di proiezione di come potrebbe diventare la Terra tra qualche migliaio di anni, e anche se le guerre con gli alieni restano solo sul grande schermo, è bene pensare che gli uomini si stanno facendo fuori tra di loro, con la guerra che sembra non avere mai fine e le scarse risorse primarie che ancora infestano parte della Terra.
Forse avevamo bisogno di una Principessa come Niristilia che ci aprisse gli occhi, che ci facesse capire che alla fine non siamo poi così diversi, e se esistesse realmente la vita su altri pianeti, ad altri occhi potremmo essere noi stessi catalogati come “alieni”.

Abbandonò le mie mani e si alzò. La sua espressione mutò, passando dall’interesse al disinteresse totale. I suoi occhi dicevano qualcos’altro, ma non riuscivo a leggerli. Non sapevo capire le tempeste, non avevo quel potere e nessuno mi aveva insegnato a interpretarle.

Mi piace quando una persona dà libero sfogo alla propria fantasia, e la creazione di Niristilia e di questo mondo tanto simile al nostro è un esperimento ben riuscito. Ci troviamo alla presenza di una Principessa che non è mai stata trattata come tale, tutt’altro, il Re suo fratello, l’ha sempre trattata come una diversa, una che amava gli umani e li aiutava a fuggire, pena l’isolamento e le punizioni corporali. Quando viene catturata, sembra essere immune al dolore che le viene inflitto, al punto che i suoi carcerieri capiscono che affinché lei parli devono usare la strada della dolcezza e della gentilezza. Loro non si fidano di chi viene da un altro pianeta, lei non si fida dei loro modi, ma è aperta al confronto e al dialogo, grazie anche alla sua giovane età e a quella sete insoddisfacente di sapere. Imparerà parole nuove, l’uso di utensili a lei sconosciuti; imparerà a sapersi fidare delle persone che la circondano e capirà che finora ha vissuto in un mondo fatto di menzogne.

Ci sarebbe da dire veramente tanto di questo romanzo, ma non vorrei rovinarvi il gusto della lettura. Ma se amate i fantasy, se amate viaggiare con la fantasia, se cercate una storia piena di azione ma intrisa di romanticismo, qualcosa che vada al di là di ogni singola spiegazione logica, non posso che consigliarvi di immergervi in questa avventura, di aprire il vostro cuore e la vostra mente a Niristilia e di lasciare che sia lei a raccontarvi la sua storia.

I suoi occhi raccontavano un temporale, la sua voce rabbia, le sue parole qualcosa, qualcosa che non sapevo di poter provocare, qualcosa che scaraventava ogni pensiero razionale nello stomaco e lo centrifugava con tutte le emozioni che mi faceva provare.



Nessun commento:

Posta un commento