Ultime recensioni

venerdì 3 maggio 2019

DUE CUORI IN AFFITTO di Felicia Kingsley



Summer ha ventisette anni ed è californiana. Blake ne ha quasi trentatré ed è un vero newyorkese. Lei aspira a diventare una sceneggiatrice di successo, ma per ora è solo assistente del direttore di produzione di una serie tv. Lui è uno scrittore da svariati milioni di copie e i suoi bestseller sono sempre nella classifica dei libri più venduti. Summer è fidanzata con un uomo molto più grande di lei, mentre Blake è single per vocazione. Lei è una persona ordinata, precisa e mattiniera, fa yoga e beve tè verde; lui fa colazione con un Bloody Mary e due sigarette, vive nel caos e non si sveglia mai prima delle due del pomeriggio. Summer e Blake non hanno proprio niente in comune, a parte una casa delle vacanze negli Hamptons, che per un mancato passaggio di informazioni è stata affittata a entrambi. Qualcuno se ne deve andare, ma tutti e due hanno ottime ragioni per restare. E le ragioni potrebbero aumentare con il passare dei giorni…

Sunrise Highway. Una Ferrari procede spedita in direzione di Sag Harbor, ed è costretta a sorpassare l’unica macchina che incontra per mantenere il ritmo e arrivare a destinazione nel minor tempo possibile. Alla guida c’è Blake Avery. A lui piace definirsi una sorta di scrittore maledetto… se per maledetto intendiamo il fatto che fa penare fino all’ultimo giorno per far avere il suo manoscritto il suo agente e il suo editore. Ma l’estate sta iniziando e anche gli scrittori meritano una vacanza… solo se questo significa avere una bomba sexy al proprio fianco come Cheyenne Evans, attrice con ruolo secondario in una serie tv che ha riscosso grande successo, di cui gireranno l’ultima stagione a pochi passi dal loro alloggio. È bello essere famosi e avere amicizie importanti che ti permettono di avere la casa per le vacanze a costo zero, soprattutto se la suddetta casa è l’immobile che una coppia si sta contendendo in fase di divorzio.
Quello che Blake non sa è che, a causa di un mancato scambio di informazioni, la casa è stata promessa come alloggio per le vacanze anche a Summer Hale, assistente di regia delle riprese della serie tv che si svolgerà proprio a pochi chilometri da là. Inutile dire che tra i due le ostilità saranno evidenti, soprattutto perché Summer arriverà accompagnata dal fidanzato George, critico letterario che ha sempre definito Blake “L’Anticristo della carta stampata”. Una delle due coppie dovrà cedere l’appartamento e trovarsi un’altra sistemazione, il problema è che nessuna delle due intende cedere. E se per uno strano scherzo del destino entrambi i partner dei nostri beniamini dovessero lasciare l’alloggio a causa di altri impegni, cosa potrebbe succedere se Summer e Blake si trovassero a condividere l’appartamento per tutta l’estate?

«Vivi la vita al massimo dell’adrenalina, Sasha».
«No, io vivo sull’orlo dell’esaurimento nervoso». Prima che io possa ribattere, Summer esce sul patio in tutina e top, e dopo aver steso un materassino nella sua metà di solarium inizia la sua routine di yoga. «Io sono già in pieno esaurimento nervoso e condivido la casa con lui da appena una settimana!».
Sasha guarda Summer, poi guarda me. «Chi è quella?».
«Summer Hale, convivenza forzata», riassumo telegrafico.

Aspettavo con impazienza l’arrivo di questo nuovo romanzo firmato Felicia Kingsley. Una ventata di freschezza in un periodo che ultimamente vede più bassi che alti. Ma è impossibile non rimanere affascinati e conquistati dalla sua scrittura, perché una volta che la provi non vorrai più mollarla!
Adoro il fatto che le sue storie siano sempre romance, in grado di farci sognare, ma tenendoci sempre ancorate alla realtà; una storia che ancora una volta non mancherà di regalarci quella vena ironica che tanto caratterizza i suoi personaggi. Vi va di conoscerli meglio?
Summer è solo l’assistente di regia di uno dei più famosi showrunner di Los Angeles. Sogna di ricoprire presto anche lei quel ruolo, ma si sa che avere a che fare con una troupe prettamente maschile non è semplice. Si definisce un’autrice, e infatti la permanenza a Sag Harbor le porterà la giusta ispirazione per terminare la sua sceneggiatura, per poterla presentare, alla prima occasione, allo showrunner con la speranza di vederla presto realizzata. Le sue mattinate iniziano con spremute di avocado, tè verde e quarantacinque minuti (tassativi) di yoga. Ha un fidanzato più grande di lei che dovrebbe regalarle quella sicurezza che lei tanto cerca, ma che però non sembra mai metterla al primo posto, e una situazione familiare ballerina; ha sempre dovuto sopportare i paragoni con la sorella perfetta che ha deciso di seguire le orme paterne, al contrario di lei. Convinta e forte del suo senso di indipendenza, si troverà a scontrarsi con un mondo prevalentemente sessista e maschilista.

«Come “in affitto”? Cosa intendi?»
«Sì, se la mia vita sentimentale fosse paragonabile al mercato immobiliare, posso tranquillamente dire che il mio cuore è in affitto: nessuna stabilità, nessuna certezza, nessun progetto a lungo termine, nessun posto da chiamare casa. Avrei tanto voluto che George fosse casa mia e invece, mi ha dato lo sfratto. Un cuore in affitto».

Blake è single per vocazione. Non si è mai innamorato, mettendo i sentimenti in secondo piano per dar spazio al divertimento. È l’esatto opposto di Summer: l’esagerazione all’ennesima potenza. La sua giornata non inizia prima di mezzogiorno e la sua colazione preferita è a base di Marlboro e Bloody Mary. I suoi libri lo hanno portato ai vertici di tutte le classifiche, rendendo più spavaldo il suo atteggiamento e quella certa sicurezza nel consegnare in tempo il manoscritto, mettendo sempre alla prova i nervi saldi della sua agente. L’unico modo per mettergli un po’ di fretta e minacciarlo di far uscire l’altro autore di punta della casa editrice nel periodo in cui dovrebbe avvenire il suo lancio. E se questa volta una scommessa fosse la spinta di cui avesse bisogno?

«Blake?», sussurra a fior di labbra, così vicina al mio viso che posso sentire il calore del suo respiro.
«Dimmi».
«Sei nella mia metà».
Sì. sono nella sua metà.
E, strano a dirlo, ci sto bene.

Se avete già letto altri romanzi della Kinglsey, allora saprete che è una garanzia: anche questo vi
saprà conquistare. Se non lo avete ancora fatto non sapete cosa vi siete perse finora, e vi invito caldamente a leggerlo a scatola chiusa perché lei è una che con le parole ci sa veramente fare. Ho amato tutta la storia, che scorre deliziosamente pagina dopo pagina. Più ti addentri in questo intricato intreccio di vite e più vorrai sapere come evolverà la storia. Ma attente, perché ancora una volta vi innamorerete del suo protagonista maschile. Impossibile non amarli e con Blake devo ammettere che ha fatto un ottimo lavoro: lui è il personaggio maschile per eccellenza. Bello, dannatamente sexy e con le donne ci sa veramente fare. Ma non parliamo solo dalla vita in giù. È uno scrittore e le parole le sa ben dosare. È scanzonato, trova un doppio senso in ogni frase, pensa che il mondo gira intorno a lui, non ha limiti e per avere trentatré anni ha fatto quasi tutte le esperienze terrene possibili e immaginabili. I botta e risposta tra Blake e Summer vi strapperanno più di una risata e vi troverete al capitolo finale adoranti e sognanti.

«Non sono bravo in queste cose, di sicuro sto sbagliando il tempo, il modo e le parole, ma non potrei essere più sincero di così. Vieni a vivere con me. Ti voglio in questa città, ti voglio tra queste pareti, ti voglio nella mia vita, ti voglio nei miei giorni e ti voglio nelle mie notti. Ieri mi sono reso conto di quanto, senza di te accanto, il letto fosse vuoto. Più annusavo il cuscino e sentivo il tuo odore, più pensavo che non voglio che io e te rimaniamo il ricordo di un’estate. Voglio che siamo il presente. Voglio che siamo il futuro».

Volete sapere cosa hanno di speciale i romanzi di Felicia? L’epilogo non è mai veramente l’epilogo, sembra che da quel momento in poi i personaggi iniziano a tessere in maniera del tutto autonoma la loro storia, quella che noi difficilmente conosceremo, come se i due vip del momento decidessero di uscire dai riflettori per vivere la loro vita con la dovuta privacy.
E inoltre è in grado di… no, questo non ve lo dico, lo scoprirete leggendo Due cuori in affitto. Alla fine capirete tutto e vi ritroverete a sorridere, non riuscendo a trattenere una lacrima di pura gioia ed emozione.



Nessun commento:

Posta un commento