Ultime recensioni

giovedì 19 settembre 2019

Blog Tour: LA RUOTA DEL DIVENIRE di Rael J. Kailani


Bentrovati Cosmo Friends! Nuova collaborazione in casa Cosmo, e iniziamo alla grande con la seconda tappa del romanzo di Rael J. Kailani, LA RUOTA DEL DIVENIRE.
Pronti a saperne di più sui protagonisti? Non ci resta che continuare a leggere il post...

Haziel, la ragazza dall’anima eletta, perfetta, pura e saggia (almeno sulla carta) soffre di ansia da prestazione sin dalla nascita. Potrebbe anche essere normale quando ti ripetono per tutta la vita che farai grandi cose, ma di fatto vivi in paradiso e non c’è un cavolo da fare. Però, no, è negata di suo.
Per fortuna l’universo decide di collassare (e con i personaggi che si muovono al suo interno, come dargli torto?) così lei può finalmente dimostrare al mondo tutta la sua inadeguatezza.
Ha un leggerissimo disturbo dell’attenzione, abbastanza fastidioso quando si hanno dei poteri mentali che possono dare fuoco ai vicini. O demolire la civiltà.
Fortunatamente, ha capito che è meglio se non li usa.


Com’è ovvio, il suo opposto, quando se l’è trovata davanti, ha pensato che erano tutti spacciati. Quindi Sam, anche noto come “il negativo”, o “il tizio del Caos che ha permesso il trasferimento della nostra impavida eroina sulla Terra”, ha deciso di godersi la vita finché dura. Letteralmente. Di lui dicono che sia sarcastico e irritante, ma in realtà dice solo le cose come stanno. Sono le cose che stanno male.


Per fortuna, a guidarli c’è Raphael, o meglio, la sua proiezione astrale. La sua esperienza secolare nell’osservare i terrestri si rivela provvidenziale. Maestro di Haziel nell’Eden, ne diventa il custode quando lei arriva sulla Terra. Invisibile e inaudibile agli occhi dei comuni mortali, appare come un fantasma per dispensare consigli e rimproveri. Purtroppo ha il vizio di intavolare le discussioni con lei nei momenti meno appropriati, cosa che a un occhio esterno può far sembrare Haziel una pazza che parla da sola.




Non perdetevi le altre tappe del tour! 

Nessun commento:

Posta un commento