Ultime recensioni

lunedì 14 ottobre 2019

COME IL SOLE di Miriam Tocci


Si può rinascere dalle ceneri della propria vita?
Giulia vuole credere in se stessa. È difficile però, quando tutto va storto. Nel giorno del suo trentesimo compleanno, scopre di essere stata tradita dal fidanzato e perde l’incarico nella casa editrice dove lavora. La vita sembra crollarle addosso, ma Giulia fa tabula rasa: con il sorriso sulle labbra e il cuore a pezzi, accetta un nuovo impiego in un campeggio sul lago Trasimeno, decisa a rinascere. Marco, agente dei NOCS rimasto vittima di un infortunio durante un’operazione di commando, ha invece perso ogni speranza. È tormentato da incubi e da un lacerante senso di colpa per la morte di un compagno e amico, e vive all’ombra di se stesso, con l’unica prospettiva di mantenere fede a una promessa. L’incontro casuale e brillante con Giulia riesce a portare luce nella tempesta di Marco e l’attrazione si rivela subito intensa per entrambi. Sulle sponde del Trasimeno illuminato dalla primavera, Giulia sente che solo grazie all’amore è realmente approdata a una vita nuova, finché un pericolo non si affaccia inaspettato, rompendo ancora ogni equilibrio.
"Aveva scelto di vivere in quel luogo per lasciarsi alle spalle la vecchia vita, le vecchie persone, le vecchie abitudini, la vecchia Giulia"

Giulia ama i girasoli, è sempre allegra, sa sempre trovare il lato positivo nelle situazioni e nelle persone. Ha gli occhi giallo topazio e una gran voglia di tornare a vivere secondo le sue regole.  Le certezze di Giulia vengono spazzate via in un battito d'ali. L'uomo che aveva al suo fianco in realtà è un grandissimo pezzo di cacca che pensava di ingannarla portandola all'altare e continuando a fare i suoi comodi extraconiugali. Fortuna vuole che, nonostante la delusione, lei abbia avuto il coraggio di andare via da casa. Lei e i suoi gatti. Ricominciare da zero anche quando fa male non è mai semplice, eppure c'è sempre un'altra strada da percorrere. La sua, la porta a lavorare in un campeggio sul lago, dove trova una famiglia che l'accoglie a braccia aperte.


Poi c'è Marco: occhi scuri molto profondi che trapassano da parte a parte, fisico possente, barba incolta e profilo interessante. Purtroppo era
reduce da una brutta missione in cui è rimasto ferito e in cui ha perso il suo amico-fratello. Un trauma insuperabile che gli causa insonnia e incubi e le sue certezze vacillano. Gli sembra di diventar pazzo e si ritrova sulla strada di casa, si rifugia nel campeggio del padre.
Una chance per trovare quella pace interiore che riscopre negli occhi di Giulia, nella sua allegria e nei mille post-it che lei lascia in giro con frasi ed emozioni che la toccano in quel momento. I due si avvicinano sempre di più, ma c'è un'ombra che veglia su di loro. L'ex di Giulia è proprio uno stalker che la rivuole ad ogni costo, sì molto inquietante sapere di essere osservata ogni secondo della giornata.


"Marco era sempre più convinto che Giulia fosse entrata nella tempesta della sua vita, facendosi spazio con la stessa energia e lo stesso calore del sole."

Questo è un libro pieno di valori, il supporto della famiglia prima di tutto che salva i due ragazzi da una depressione imminente, l'amicizia come amore puro che li aiuta ad affrontare le difficoltà e infine l'amore che li fa rinascere dalle ceneri.
Una storia che all'apparenza sembra leggera, ma che si consolida grazie ai rapporti tra i vari personaggi. Il narratore è esterno, alterna i due protagonisti e riesce a essere molto introspettivo e rigenerante per l'andamento della narrazione. Non mancherà l'ansia e l'inquietudine quando riappare quel viscido dell'ex di Giulia, che per un attimo fa temere il peggio. Ancora una volta emerge l'affetto familiare e l'amore a risolvere la situazione, e proprio Marco, che è poliziotto, non poteva che essere il nostro eroe.


Grazie all'autrice mi son ritrovata a essere parte di quella famiglia, è stata una lettura piacevole e sofferta nei momenti di condivisione di Marco.  In realtà il personaggio che mi ha intrigata di più è il piccolo Giacomo, che è subito entrato in simpatia con Giulia, un piccolo scricciolo che ha dovuto affrontare il dolore per una grave perdita, ma ha unito due anime pure.

«Facciamo che io sono un fiore e il sole sei tu» la corresse Marco, facendola girare verso di sé, mentre rideva.




Nessun commento:

Posta un commento