Ultime recensioni

lunedì 16 dicembre 2019

Release Day: FINO ALLE STELLE (How to disappear completeley #4) di Elle Eloise


Uscita prevista su Amazon: lunedì16 dicembre 2019
Info Cover: progetto grafico di Catnip Design (www.catnipdesign.it) e illustrazione di Valentina Catto (www.valentinacatto.com)
Numero pagine: 545 pagine
Genere: romance new adult

In verità sto andando in pezzi, perché appena sento il suo profumo è come se tornassi a casa, come se respirassi dopo un’apnea. Mia ha il potere di risvegliarmi da un coma, e la cosa è terrificante. Perché è il coma che mi ha permesso di sopravvivere, di tirare avanti dopo l’incidente. Ho il terrore di svegliarmi adesso, il coma era rassicurante, sempre uguale, una marea che mi trascinava. Mia mi fa sentire in balia di onde alte quattro metri. Il mondo che vedo dalla cresta dell’onda è un mondo che mi affascina ma da cui potrei cadere e non riemergere più

Samuel vive la vita come si guarda un film: immagina dialoghi e situazioni, vola di fantasia, senza vivere davvero. Regista alle prime armi e studioso di Cinema al D.A.M.S. di Torino, da quando due anni prima ha perso suo fratello Max in un incidente,la passione per il cinemanon ha fatto altro che aumentare la distanza con gli altri. Questo capita soprattutto con Mia, la timida compagna di università che invece vorrebbe vivere l’amore con tutta l’intensità che esso richiede. Il cortometraggio che dovranno girare insieme potrà giocare a loro favore o dividerli per sempre.

Unastoria d’amore e di amicizia in una Torino sempre più magica e…cinematografica, uncrocevia di vite, destini, personaggi.Dopo “Cuore d’inverno”, “Come una tempesta”, “Voci nel vento” e “Bonus Track”, “Fino alle stelle” è la nuova edizione self publishing, riveduta e corretta, di “Solo noi nell’universo”, quarto e ultimo volume autoconclusivo della serie “How to disappear completely”.

Spengo anche l’ultima fonte luminosa e rimaniamo completamente al buio. Le stelle brillano come la prima volta che mio nonno me le ha fatte trovare in camera, diceva che erano una magia. Anche adesso penso che siano una magia insieme alla versione acustica di This must be the place interpretata dai Lumineers, che ascoltiamo per la terza volta di fila.

«Q-quella è Andromeda. Lì ci s-sono i segni zodiacali… Ariete, Sagittario, Scorpione…» vado avanti a spiegare fin quando, con la coda dell’occhio, mi accorgo che Samuel non sta più ammirando il soffitto, ma è rivolto verso di me.

Con il cuore in gola, piego la testa nella sua direzione. I suoi occhi azzurri sono ancora più luminosi delle stelle che ci osservano dall’alto del soffitto, ma quando si avvicina per baciarmi, scompaiono dietro le ciglia. È un bacio lento, morbido, straziante. Ho il cuore che batte così forte che ho paura riesca a sentirlo persino lui. Avverto il suo corpo voltarsi del tutto verso di me, le sue mani afferrano i miei fianchi per spostarmi verso di lui. Quando i nostri corpi s’intrecciano, nella mia testa vedo stelle che esplodono, fuochi d’artificio, fiamme che divampano. Ma vedo anche noi due che fluttuiamo nell’universo silenzioso, finalmente in pace, finalmente a casa. This must be the place.

Uno di quei baci, che più che farti sentire troppo cresciuta ti fanno credere di essere di nuovo una ragazzina alle prime armi, completamente disarmata di fronte all’onda che sta per travolgerti.



Stringo il manubrio della mia bicicletta per evitare di correre da lui e trascinarlo lontano da lei, in questo modo i miei piedi rimangono ben saldi a terra, mentre i miei occhi vedono ciò che mai avrei voluto vedere. Il mio sguardo vola a lui di fronte all’aula studio, alle sue mani che racchiudono il viso triste di una Minerva. Un gesto dolcissimo. Se lui non si chiamasse Samuel e non tenesse il mio cuore in mano proverei una profonda tenerezza al cospetto di questa scena. Dovrei smettere di guardare ma non ci riesco. Devo guardare per forza se voglio trovare la forza per dimenticarlo, ma quando le sue labbra si avvicinano pericolosamente a quelle di lei, giro la bicicletta a faccio dietro front. C’è un limite al masochismo, io l’ho superato cinque minuti fa.



Faccio mia la sua bocca, il suo corpo, il suo cuore che batte sempre più veloce, mentre continuo a ondeggiare con lei e il mare in cui siamo immersi, sovrastati dall’oscurità infinita, che ora mi appare perfetta. Il bagliore della luna a illuminare la nostra fusione in un unico bellissimo corpo galleggiante.
Quando riapro gli occhi, mi accorgo che Mia ha la testa sollevata, gli occhi spalancati verso la meraviglia di ciò che sta guardando. Voglio vedere anch’io, così, senza smettere di spingermi contro di lei tenendola stretta, alzo il mento e le vedo: miliardi di stelle luminescenti, sciami di luci a punteggiare la notte sopra le nostre teste. Cielo e mare sembrano fatti entrambi della stessa materia scura e densa, fusi insieme in un tutt’uno, e noi siamo esattamente nel mezzo del loro incontro.
È come se volassimo. Fluttuiamo nell’universo senza fine, in mezzo alle stelle che sembrano grandi, vicinissime. Sono certo che se sollevassimo le braccia potremmo sfiorarle con le dita.

I libri della serie How to disappear completely, autoconclusivi: 

Cuore d’inverno – How to disappear completely I: uscito il 3 giugno 2019
Come una tempesta - How to disappear completely volume 3: 14 novembre 2019
Voci nel vento - How to disappear completely volume 3: 6 dicembre 2019
Fino alle stelle - How to disappear completely volume 4: 16 dicembre 2019
Bonus Track – How to disappear completely - Novelle: uscito il 3 giugno 2019

Nessun commento:

Posta un commento