Ultime recensioni

lunedì 23 febbraio 2015

IL MIO RICORDO DI TE – Giulia Anna Gallo

Casa editrice: Genesis Publishing
GENERE:  Young Adult, Contemporaneo
PREZZO: € 3. 99
PAGINE: 207
USCITA:  12 Gennaio 2015

Chiara sa bene che cosa voglia dire doversela cavare da sola. Abbandonata in tempi diversi da entrambi genitori, ha infatti imparato la più dura delle lezioni: al mondo non può contare che su se stessa. All'ombra dei dolorosi ricordi di un'infanzia felice ma dal retrogusto amaro, ha sepolto in profondità i propri sentimenti, diventando un'adolescente disillusa e amareggiata. La monotonia dei suoi giorni, così come la sua indifferenza, sembrano però destinate ad aver fine con il ritorno del cugino appena uscito di galera, per lei da sempre come un fratello. Quando la corazza faticosamente costruita attorno al suo cuore inizia a incrinarsi, Chiara può finalmente lasciare spazio ai propri sogni, alle speranze per il futuro e a un ragazzo dallo sguardo enigmatico che sembra capirla come nessun altro. Eppure, come il passato insegna, amare significa rendersi vulnerabili. E quando il desiderio di essere avvolti dal calore di una famiglia è tanto forte da rendere ciechi, i segreti di coloro a cui si tiene potrebbero prendere il sopravvento e minacciare di distruggere tutto...






“Quando ero bambina pensavo che certe cose fossero sacre e immutabili, eterne, incrollabili. La famiglia, per esempio. E l’amore. Forse persino adesso, nonostante tutto, sono abbastanza sciocca e illusa da crederci ancora. Almeno un po’.


Diciassette anni, una vita all'insegna dell’abbandono e del sacrificio… Di chi sto parlando? Di Chiara, protagonista di questo romanzo. La vita con lei non è stata generosa. Abbandonata da entrambi i genitori, ha vissuto un’infanzia difficile… Costretta a vivere da sola in un quartiere che cade a pezzi, con un misero assegno di mantenimento speditole dal padre ormai lontano. Cosa le resta ora? Suo cugino Alex, da poco uscito dal carcere. Con lui le cose sarebbero dovute cambiare, ma Alex è il classico tipo che non può fare a meno di mettersi nei guai. Circondato da amici non proprio raccomandabili, tra cui Max, che riuscirà, passo dopo passo e con l’aiuto di un peluche, a entrare nel cuore della protagonista.




Ma lui riuscirà a non deluderla? E lei, riuscirà a non farsi trascinare sul fondo?

“Mi ripeto che io sono una piccola eccezione, diversa ed estranea a tutto lo schifo che mi circonda. Un fiore in una discarica.”

Con vari flashback, l’autrice ci racconta l’infanzia di Chiara, la sua felicità e poi il dolore causato dall’abbandono.

“Che cosa c’era in me, mi domandavo, che rendeva a tutti tanto facile voltarsi dall’altra parte? […] Perché non riuscivo a farmi amare?”
Chiara ha voglia di vivere, di sognare, di poter ricominciare. RICOMINCIARE vuol dire svegliarsi una mattina e dire basta. Basta lasciarsi calpestare, basta con le bugie, basta con la vecchia vita, basta aver paura.
Giulia ci racconta del sacrificio, dell’abbandono, ma anche della speranza… Quella di volersi costruire un futuro, di riuscire a farsi valere, perché si sa, la vita è coma una salita, ma quando arrivi in cima il panorama è fantastico. Con un linguaggio abbastanza scorrevole, dialoghi ben impostati, Giulia ci permette di entrare nel mondo di Chiara.
Non voglio dirvi altro su questo romanzo, lascio a voi la voglia e la curiosità di scoprirlo.
Personalmente ho fatto fatica ad arrivare alla fine di questo libro, non so darvi un motivo preciso. Avrei preferito che la protagonista reagisse di più, invece soltanto verso la fine ha mostrato la sua grande forza, senza piangersi addosso o lasciarsi trasportare dagli eventi. Lo consiglio comunque poiché tratta temi particolari, senza giri di parole, che spingono il lettore a riflettere.      


         

   “E mi resi conto, una volta per tutte, che se avessi davvero voluto essere felice avrei dovuto amare me stessa  al di sopra di chiunque altro.”

Alla prossima recensione, Ilaria!






GIULIA ANNA GALLO

Nasce a Torino, ma cresce in un tranquillo paesino di provincia immerso nella campagna ai piedi delle Alpi Cozie. Laureata in Psicologia, progetta di specializzarsi in tecniche educative. È il tipo di persona che ha sempre un romanzo in borsa e uno sul comodino, la cui camera da letto è un labirinto di pile di libri, e che si addormenta e si sveglia immaginando i possibili sviluppi dell’ennesima storia che le frulla per la testa.




Nessun commento:

Posta un commento