Ultime recensioni

giovedì 31 marzo 2016

EQUINOZIO DI PRIMAVERA (Solstice Saga #2) DI C.E.A. Bennet


Anno nuovo, vita nuova. A Emma Hataway non è mai sembrato più vero da quando, ripresi i sensi in un letto d’ospedale, è costretta a fare i conti con un’amnesia che ha cancellato buona parte dei suoi ricordi. Cosa è accaduto la notte di Capodanno? Louis è stato davvero sconfitto o tornerà per avere la sua vendetta? Perché non ricorda più nulla di Alec, amico d’infanzia da sempre? Le sorelle Hataway cercano di tornare alla vita di tutti i giorni tra nuove dinamiche famigliari, vecchi amori e ricordi che sfuggono senza lasciarsi afferrare. Una minaccia, però, incombe sulla loro famiglia e si intreccia con un destino al quale sembra impossibile sfuggire. Alec Stevens è sopravvissuto alla notte di Capodanno e ora deve fare i conti con un fratello ingombrante, molte domande e una ragazza alla quale ha salvato la vita, che conosce da sempre ma di cui non ricorda granché. Riuscirà a riportare a galla ciò che ha dimenticato e che lo tormenta? Che cosa nasconde veramente il ritorno del fratello Justin? Una ricerca non priva di ostacoli, contro il tempo e contro qualcosa che sembra impossibile arrestare. Mentre il mondo cui appartiene gli ricorda che nulla è come sembra e il confine tra giusto e sbagliato si fa sempre più labile. Equinozio di primavera, nuovo e atteso episodio della saga Solstice, svela nuovi segreti, amori e incantesimi che intrecceranno più a fondo il destino dei protagonisti, scoprendo la trama di quei legami – d’amore, amicizia e sangue – impossibili da sciogliere.


ATTENZIONE! POSSIBILE PRESENZA DI SPOILER

Nel precedente volume avevamo lasciato Emma ed Alec in un momento di grande pericolo, in cui Emma decide di giocarsi il tutto per tutto sacrificandosi e portando con sé il nemico Louis. 
Al suo risveglio troviamo un affranto Alec e una Emma colpita da una misteriosa amnesia che le ha rimosso quasi tutti i ricordi correlati “all’amico” Alec. 
La ragazza è ancora provata dall’immane sforzo fisico di quella fatidica notte di Capodanno, perciò la ripresa è lenta e difficoltosa. A poco a poco, Emma si accorge che l’amnesia sui ricordi riguardanti lei e Alec non ha colpito soltanto lei, ma anche Eileen, Constance e Alec hanno un vuoto di memoria. Chi può esserci dietro a tutto questo e perché?
Ma soprattutto Louis si può considerare davvero un capitolo chiuso? Chi lo sta aiutando a nascondersi ora che Tony è morto?

L’arrivo di una nuova strega nella cittadina di Saint Claire sembra destabilizzare ulteriormente Emma ed il ritorno di Justin, fratello di Alec, cela un segreto che mette a dura prova tutti i loro buoni propositi …
A minare questo equilibrio già di per sé precario un'inattesa minaccia è all’orizzonte correlata ad una fantomatica profezia che sembra trovare in Emma la sua incarnazione. 
Altri terribili segreti dal passato stanno per venire alla luce e forze superiori stanno per essere smosse.

         «E se una persona che ami e di cui ti fidi ti avesse convinto che fosse meglio farmi credere una bugia? Se la verità mi avesse esposto al pericolo invece che tenermi al sicuro? Se la verità fosse stata peggio?» mi tempestò con quelle domande accalorandosi sempre di più. […] «La verità è sempre peggio, Elle» ribattei con dolcezza. «Altrimenti non sarebbe difficile da dire»

Rispetto al primo libro, ho trovato la parte iniziale di “Equinozio di primavera” un po’ più lenta e meno dinamica, ciò ha prolungato sì la lettura, ma senza soffrirne troppo. Quando finalmente si è entrati nel vivo della vicenda, scorrevo le pagine in maniera a dir poco frenetica. 
Stavolta la storia non è narrata a due voci, ma si aggiunge (ad un certo punto) anche il POV di Sam che arricchisce ancora di più l’andamento fulmineo ed inaspettato  delle circostanze stesse. Lo stile della Bennet è semplice e cattura facilmente l’attenzione; i personaggi, ad un primo sguardo, possono sembrare stereotipati, ma andando avanti nella lettura risultano sicuramente più autentici, tanto è vero che mentre leggevo è stato facile per me entrarci in empatia. Mi arrabbiavo con loro, mi emozionavo per loro e assieme a loro percepivo lo sviluppo delle azioni e delle conseguenze delle scelte che avevano fatto. Ad esempio, mettendo a confronto la Eileen del primo libro con questa, devo ammettere che il mio giudizio è sicuramente cambiato, prima credevo fosse algida e troppo presa da se stessa, adesso, invece, mi sono accorta che dietro a quella dura corazza si celava un grande cuore e tanta tanta tristezza.

Questo libro in particolare è all’insegna dei legami e dell’AMORE.
Perché quando si è una "coppia perfetta", i ricordi potranno essere stati rimossi dalla mente… Ma il cuore è impossibile da ingannare e quel sentimento, così grande e autentico, affiora sempre e con una potenza a dir poco devastante.

  Io ero nato per amarla, anche se non era giusto.

Chi decideva cosa fosse giusto o sbagliato? Perché non potevo essere libero di scegliere e avere la possibilità di essere scelto? Amarla era più importante di proteggerla?

Ancora una volta la fanno da padrone quelle emozioni tipiche degli adolescenti: la paura di esporsi, il confronto con gli altri, la gelosia, le incertezze che fanno vacillare alcune importanti decisioni ed il valore inestimabile rappresentato da un’amicizia sincera. 
I colpi di scena, gli incantesimi e i rischi non mancano e sono certa che sapranno avvincervi e (come sta succedendo a me) farvi desiderare ardentemente di avere a portata di mano il terzo volume di questa saga dolce e con quel perfetto tocco di magia.
Consigliato a pieni voti!


Per leggere la nostra recensione del volume precedente, cliccare l'immagine !!

Laureata in Giornalismo, nata e cresciuta a Verona, da qualche anno vive e scrive a Bologna. Equinozio di primavera è il suo secondo romanzo dopo L’incantesimo d’Inverno, primo volume della saga Solstice.


Nessun commento:

Posta un commento