Ultime recensioni

martedì 8 marzo 2016

PERFECT di Alison G. Bailey


Titolo: Perfect
Autrice: Alison G. Bailey
Editore: De Agostini
Prezzo cartaceo: € 14,90
Prezzo ebook: € 6,99


Può la vera felicità durare più di un attimo?
È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre.
Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare.
Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.
Uno straordinario fenomeno del web, bestseller di Amazon. Commovente come Colpa delle stelle, sexy come After.

La trilogia Perfect:

1) Present Perfect, 2013 (Perfect, 2016)
2) Past Imperfect, 2014
3) Presently Perfect, 2014

Se la perfezione non esiste, allora perché esiste una parola per descriverla?


Amanda soffre da sempre per la silenziosa competizione con la sorella Emily, si sente sempre inadeguata e molto lontana dalla perfezione. Invidia tutto alla sorella... tutto tranne una cosa: Noah.
Noah e Amanda (Tweet, come l'ha soprannominata lui a causa di un buffo costume di Halloween) non hanno passato un solo giorno della loro vita distanti.
Sono nati nello stesso giorno e cresciuti l'uno accanto all'altro come anime gemelle.



La loro amicizia ha radici così profonde che è impensabile per loro pensare ad una vita in cui l'altro non sia presente, donare le proprie prime volte ad altri.


Eppure, come in tutte le favole, ecco che arriva l'antagonista a minare il loro rapporto.
Il nemico, però, questa volta non è una persona in carne e ossa ma è rappresentato dalla paura.
Noah non ha il minimo dubbio che Amanda possa essere la donna della sua vita e, una volta diventati adolescenti, diventa impossibile ignorare i chiari segnali che il proprio corpo gli lancia quando lei è vicina. Amanda sente quei segnali forte e chiaro ma di lasciarsi andare e portare il loro rapporto al livello superiore non se ne parla neanche.
Noah è perfetto, un figlio modello, un amico fantastico, un giocatore di baseball talentuoso e un ragazzo bellissimo che attira le attenzioni di tutte le loro compagne di scuola.
Cosa potrebbe mai restituirgli in cambio di tanta perfezione lei, l'incarnazione della mediocrità?

A nulla valgono i tentativi di Noah per convincerla del contrario, se solo lei riuscisse a vedersi con i suoi occhi...
Gli anni passano e il bisogno di vivere le esperienze dei ragazzi della sua età cresce insieme alla rabbia di non essere abbastanza per Amanda, per questo Noah decide di chiudere gli occhi e il cuore e uscire con altre ragazze.

Non si può dimenticare qualcuno gettandosi tra le braccia di un altro. 
Non farà che ricordarti chi avresti dovuto tenerti stretto.

Amanda, a questa notizia, si comporta come farebbe ogni ragazza sulla faccia della terra: diventa pazza di gelosia.
Sarà anche vero che non può essere perfetta come lui ma nessun'altra donna al mondo saprà mai amarlo come lo ama lei.
Arrivata a questo punto della storia avrei voluto urlarle mille insulti, lo ammetto. Come è possibile che Amanda non si accorga di quello che sta lasciando sfumare? E quanto pensa che la pazienza di Noah possa  reggere?
Poi mi sono fermata un secondo... a quante persone che conosco, me compresa, è capitato di non sentirsi all'altezza, di essere convinte di non meritare la felicità?
Personaggi ben costruiti e descritti utilizzando le loro caratteristiche principali ma anche attraverso il loro modo di interagire con i personaggi secondari.
Incredibile come questo romanzo riesca a toccare tutti i nervi scoperti e arrivare nel profondo.
Come quando il limbo in cui sono precipitati si stringe, si stringe, e i due ragazzi sono obbligati a scegliere: restare per sempre o andare avanti?



Ci sono persone che pretendono di insegnare qualunque cosa 



sull’amore: 



come conquistarlo, come tenerselo stretto, come su

perarne la perdita. 



Ci fanno credere che l’amore sia complicato, 

ma non è così. 



È tutto quello che ci costruiamo attorno che lo fa 

sembrare complicato. 

Ma quando ce ne accorgiamo, prima che 

sia troppo tardi, 

riusciamo a rendere tutto meravigliosamente 

semplice.


Amanda e la sua reticenza sono un vero ostacolo per Noah, cosa succederebbe se lei fosse lontana dagli occhi? Varrebbe la regola del "lontano dal cuore"?
Avvertenze sanitarie: se il vostro fegato non è intatto, non leggete questo romanzo. 
Un amore così forte può superare mille ostacoli, può resistere a innumerevoli scosse e mareggiate. Il problema sta nel quanto ne usciranno malconci i protagonisti.

Forse avete pensato che fosse finito il loro supplizio una volta raggiunta la svolta... mi piace il vostro ottimismo ma purtroppo devo dirvi che non sarà così.


Passaggi toccanti e angoscia vera hanno accompagnato la lettura, un finale da cardiopalma e una delicatezza infinita nel raccontare un sentimento che oscilla fra la pienezza delle sua perfezione e il senso di vuoto.


Ci poniamo dei limiti di continuo. 

Linee immaginarie che sia


mo certi di non oltrepassare mai. 





Finché non le superiamo.

Un genitore non esiterebbe a ferire o uccidere pur di difendere 
il proprio figlio. 



La linea si sposta.
Una ragazza consumata dalla solitudine è spinta a fare 
qualsiasi cosa, 

per quanto degradante, pur di azzerare quel 

dolore cronico. 

La linea si sposta.
Così, la linea continua a spostarsi, finché un giorno scopria

mo di non avere più limiti.


Fino alla fine vi terrà inchiodati alle sue pagine con le dita incrociate perché, per quanto le azioni dei suoi protagonisti facciano sprofondare il cuore in fondo allo stomaco, non riuscirete a fare a meno di tifare per Noah e Amanda.




Alison G. Bailey è nata e cresciuta a Charleston, in Carolina del Sud. Perfect è il suo romanzo d'esordio.












Nessun commento:

Posta un commento