Ultime recensioni

martedì 8 novembre 2016

Cuore di terra rossa 2 di N.R. Walker


Data di pubblicazione: 9 Novembre

Titolo: Cuore di terra rossa 2
Titolo originale: Red Dirt Heart 2
Serie: Terra rossa #2
Autrice: N. R. Walker
Traduttrice: Emanuela Graziani

ISBN: 978-88-9312-137-8
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Lunghezza: 242 pagine

Fino a quando Travis non è arrivato sulla porta della sua casa, Charlie ha vissuto una vita solitaria. Si è isolato, circondato da un milione di acri di terra rossa, sotto un sole che spacca le pietre e solitudine.
Dopo sei mesi, l'inverno è arrivato sul deserto e Charlie finalmente ha quella vita che non aveva mai sperato di poter avere. 
Ma ciò che comporta il vivere e lavorare insieme ventiquattro ore al giorno, sette giorni a settimana, per sei mesi di fila, inizia in qualche modo a farsi sentire.
Charlie è un uomo molto, molto cocciuto, che tende più a fare conversazioni nella propria testa che non a parlare sul serio, mentre Travis non ha problemi a dire quello che gli passa per la mente. E anche se si sforzano di comunicare, Charlie capisce che sta allontanando Travis, eppure sembra incapace di smettere di farlo.
Quando tutto si ridurrà alla questione se Travis debba andarsene o meno, forse non spetterà a loro prendere questa decisione.
Sto cercando di capire come scrivere una recensione senza cadere in ridondanti “bellissimo” “ahhh” *occhi a forma di cuore* Ho amato il libro precedente e ancor di più questo. La nascita di un amore è sempre emozionante, è facile trovarla coinvolgente (ovviamente se ben scritta come in questo caso).

Ma qui, sono passati sei mesi, Travis ha detto addio al Texas per stabilirsi nel duro deserto australiano, non solo perché ama quel posto, ma soprattutto perché ama Charlie. La vita non è facile. La sveglia è alle cinque del mattino tutti i santi giorni e si lavora dalle dieci alle dodici ore, festivi compresi. La prima città è a tre ore di auto, niente cinema, né ristorante, né pizza a domicilio. Charlie non riesce a smettere di temere che tutto questo possa far ricredere Travis e spingerlo a tornare a casa, in America.

La storia è sempre narrata in prima persona da Charlie che arriviamo a conoscere sempre meglio, ma lo spessore psicologico di Travis è comunque ben delineato così come gli altri abitanti della Sutton Station che ritroviamo con piacere: Ma, la cuoca e madre putativa di Charlie, George silenzioso, ma acuto, Billy l’aborigeno dal sorriso contagioso, Trudy e Bacon che hanno finalmente il coraggio di ammettere di essere una coppia ed il semplice Ernie. Insomma una grande famiglia che vediamo essere parte integrante del racconto tanto quanto i protagonisti.

Che dire, Charlie è insicuro e non si è ancora liberato del tutto del fantasma del padre omofobo, ma Travis ha la pazienza di un santo e l’attitudine a far saltare i nervi di Charlie di un diavolo tentatore. Quando salva un cucciolo di canguro rosso e lo battezza Matilta, pensavo che a Charlie sarebbe scoppiato un embolo. Il loro rapporto, pur tra alti e bassi, è stupendo.


La scrittrice alterna momenti di assoluto romanticismo, tra l’altro non cosciente, a battute sagaci ed esilaranti, a momenti di riflessione ed introspezione. Una storia davvero a tutto tondo che permette al lettore di tornare ad immergersi nella terra rossa australiana insieme a due uomini che devono ancora riuscire ad affermarsi per ciò che sono veramente in mondo ostile non solo per madre natura, ma anche per il carattere strettamente conservatore degli allevatori australiani.
Un libro scorrevole e ricco di emozioni che tiene con il fiato sospeso fino all’ultimo (non vi posso dire perché, fatevi venire un infarto per conto vostro) e fa sognare di terra rossa, cielo blu e piccoli canguri dai grandi occhi scuri e dalle folte ciglia.



Volevo che provasse più cose possibili. Non volevo che si perdesse nulla né rimpiangesse la decisione di restare. O peggio, che ce l’avesse con me. E la verità, la consapevolezza avvilente, era che per quanto volessi mostragli, dargli, lasciarlo provare delle cose in quei due giorni patetici ad Alice Springs… non desideravo altro che andare a casa.

Travis mi fece un gran sorriso, e mentirei se dicessi che non mi fece battere forte il cuore in modo strano. Aveva quel modo di portarmi ad amarlo un po’ di più facendo le cose più semplici. Le cose più piccole.

«Non ho mai capito l’attrazione delle persone per l’oceano,» rifletté. «Capisco che abbia in sé potere e bellezza, immagino. Ma non c’è nulla di paragonabile a questo.» Sorrideva mentre parlava. «Voglio dire, guardalo. C’è tanta pace in questo posto, e senza dubbio è pericoloso tanto quanto è bello. I colori cambiano, l’aria cambia… tutto nel deserto cambia a ogni ora, ogni giorno, eppure in qualche modo rimane lo stesso.» Sospirò di nuovo. «Ha senso?» Aveva appena descritto quello che per anni non ero riuscito a esprimere a parole. «Ha perfettamente senso.»

Per leggere la nostra recensione del volume precedente, cliccare l'immagine!!




Chi sono io? 
Bella domanda… 
Sono molte cose: una madre, una sorella, una scrittrice. 
Ho dei ragazzi carini carini che vivono nella mia testa, che di notte non mi lasciano dormire a meno che non gli dia vita tramite le parole. 
Mi piace quando fanno cose sconce… ma mi piace anche di più quando si innamorano. 
Pensavo che fosse strano avere delle persone che mi parlavano nella testa, finché un giorno non ho incrociato altri scrittori che mi hanno detto che era normale. 
Scrivo fin da allora…




Nessun commento:

Posta un commento