Ultime recensioni

venerdì 11 novembre 2016

What Might Kill Us by M.N. Forgy





Brotherhood is what Bull bleeds and all that he knows.
Being the king of The Devil’s Dust and surrounded by easy women was his everyday… until having his heart broke rooted him to the bottom of a whiskey bottle.
Heartbroken, and drowning in lost memories he’s unsure of the direction of his life, when the answer – consisting of a terrified Mexican girl- nearly knocks him off his feet.
Determined to get his act together and rectify his club, he rides to Texas for answers, only to be confronted with the emotional ghosts he isn’t ready to deal with.
He sees Anahi, and he wants her.
But she may come with more baggage than Bull is ready for.


Anahi used to be prim and proper. She used to wear dresses and keep up appearances to impress people she didn’t know. I guess you could say she was a fucking lady.
But that was when she lived in Mexico with her parents.
Before her uncle turned on her.
Before, the only man she ever loved, her step-brother, betrayed her.
Before she was forced to be a drug mule for the Cartel.
Evening gowns a lost memory, expensive heels traded for boots, and a nine millimeter in her hand instead of a limited edition purse. Anahi sets aside everything she’s ever known including the fairytale stories her mother told her about America.
She’s angry, determined, and looking for a way out.




Se amate le sensazioni forti questo romanzo è per voi. La storia di Anahi e Bull è avvincente e particolare, di quelle che non si dimenticano facilmente così come i protagonisti, destinati a lasciare, sono convinta, un marchio indelebile nel cuore del lettore. Apparentemente diversi e con esperienze di vita differenti, Anahi e Bull sono più simili di quanto si pensi: oltre all’indole combattiva e il carattere forte, entrambi lottano, seppur adottando metodi diversi, per riscattarsi. Il loro incontro fortuito li porterà alla catarsi tanto agognata e anche alla scoperta di una triste verità. La storia è presto detta: Anahi è una ragazza di ventuno anni, figlia di un messicano boss del Cartello e di un’americana, costretta a vivere un’esperienza terribile da troppo tempo evitata. Bull è un uomo fatto e finito, il capo indiscusso dei Devil’s Dust, un gruppo di motociclisti borderline il cui credo è quello del “tutti per uno e uno per tutti”. La Fratellanza rappresenta la sua famiglia e per essa è pronto a sacrificare se stesso. Anahi sente di non appartenere al mondo della droga, non ama vivere in Messico e vuole cambiare vita a tutti i costi, ma il cognome che porta non le permette di voltare pagina. 

“Free? Don’t you get it, princesa? You’ll never be free” […] “Never mind you losing drugs getting across the border, but you’re a Fomez, Anahi. You hold potential that no hire out could ever be taught. You will never escape your calling.”
Bull è un uomo complicato, distrutto dentro, incapace di riemergere dalla palude in cui sta affogando, giorno dopo giorno. Preferisce rifugiarsi nell’alcol piuttosto che affrontare i suoi demoni. La morte della donna amata e soprattutto il fatto di non essere riuscito a salvarla lo ha annientato. L’incontro con Anahi, però, fa scattare in lui la molla del riscatto.

She tries to speak, but can’t catch her brath. She so scared, and small. My istinct kicks into high gear and my need to whisk this girl away and into my bed becomes my main prioritiy.

Ma veniamo ai fatti. Alla morte del padre, Anahi viene presa in ostaggio assieme al fratellastro Alvaro, dallo zio diventato, nel frattempo, il capo spietato del Cartello. I due trascorrono molto tempo rinchiusi in una stanza e ben presto diventano amanti ma, quando lo scopo dello zio diventa chiaro, per Anahi tutto si complica: resterà viva solo se acconsentirà a diventare il corriere della droga negli USA. Per quanto si ribelli, la ragazza capisce presto di non avere scampo. Tradita dalle manie di grandezza di Alvaro, il cui scopo è sempre stato quello di entrare a far parte della famiglia Gomez (è il figlio della seconda moglie del padre di Anahi), e di ricoprire un ruolo importante in seno all’organizzazione, Anahi rimane sola ed è costretta, suo malgrado, ad accettare l’incarico. Il suo destino è segnato: è una Gomez e come tale deve comportarsi. Il suo lavoro, d’ora in poi è lo spaccio e non ci sono “se” e “ma” che tengano.
La ragazza sembra rassegnata, accetta il lavoro al bar dove, sotto la supervisione del fratellastro, può spacciare senza traumi. Più vende, più è al sicuro ma Anahi non intende continuare per sempre e così, alla prima occasione, tenta la fuga. Ed è così che si “scontra” Bull. Il loro è un breve incontro, gli scagnozzi di Alvaro, infatti, arrivano puntuali a riprendersi la ragazza. Ad ogni modo, qualcosa è cambiato per entrambi: la disperazione negli occhi di Anahi sembra aver marchiato a fuoco Bull che decide, così, di salvarla. Inoltre, il segno distintivo del gruppo del Cartello (una bandana verde), lo riporta indietro nel tempo e l’incubo del suo fallimento torna prepotente a corrodergli l’anima. Il pensiero che l’omicida della sua donna fosse un componente di quella stessa gang, lo scuote finalmente. Pronto a riprendersi la sua vendetta, Bull e compagni si mettono sulle tracce di Alvaro. Ciò che scoprono ha dell’incredibile: le vicende contrastanti e i colpi di scena rendono difficile ai due protagonisti fidarsi l’uno dell’altra. Anahi vorrebbe credere nella buona fede di Bull, la sua presenza alla locanda dove alloggia, le fa sperare che sia dovuta alla volontà di salvarla ma le circostanze le dicono il contrario. Bull, d’altro canto, nutre serie difficoltà a fidarsi di lei. Ora che sa che è la spacciatrice, non può più considerarla una vittima, Quale sarà la verità? E qual è il segreto di Anahi? Lo scoprirete solo leggendo.
Consiglio il romanzo per due motivi: primo, perché la storia è appassionante. Non c’è calo di tensione e, dall’inizio alla fine, l’adrenalina corre su ogni parola o rigo o pagina fino all’epilogo che risulta incredibile e, al tempo stesso, dolcissimo. Secondo, perché i personaggi sono ben confezionati. Nulla è lasciato al caso. Lo stile impeccabile e asciutto di Forgy ci dà la possibilità di respirare fino in fondo il loro dramma interiore, di fare nostro il desiderio di vendetta, di approvare persino i comportamenti più violenti, nonché di assaporare la passione più sfrenata. Adoriamo Anahi per il suo temperamento e amiamo Bull per il suo gran cuore e perché come noi anche lui si batte per la famiglia, il rispetto, l’amore.
Bello, bello, bello!








**Beware - x-rated**


“Bull?” my voice breathy.
“Yeah?”
“The last time I let someone close to me… it didn’t go well.”
He pecks a kiss on my erect nipple that was in his mouth seconds before.
“Anahi, Alvaro is a boy pretending to be a man, and I’m about to show you the difference between pretending and actually being,” he states matter of fact, his tone smug.
I smirk. “You’re so arrogant.”
He lifts his chin, his eyes finding mine. “Only one way to find out, darlin’,” he states wolfishly.  “I’m going to fuck you to the point you’ll have to take your time sitting down afterwards, baby.”
With that, the head of his length presses into me. My back arches off the bed, an audible gasp leaving my lips. Bull pushes in another couple inches, filling me to the point I swear I can’t take anymore. The sensation of burning and bliss battling with one another I can’t help but fidget beneath him. I don’t know whether to cry or moan.
He slips in more, filling me to the brink and a cry rips up my throat. Bull presses his lips against mine, silencing my pain.
Fucking me like he hates me, but kissing me like he cares.





Can a biker have a Happily Ever After?

What Might Kill Us by M.N. Forgy is NOW LIVE!




Haven’t read this series yet?  
Now is your chance,  grab books 1-4 for ONLY $0.99!



a Rafflecopter giveaway



M.N. Forgy was raised in Missouri where she still lives with her family. She's a soccer mom by day and a saucy writer by night. M.N. Forgy started writing at a young age but never took it seriously until years later, as a stay-at-home mom, she opened her laptop and started writing again. As a role model for her children, she felt she couldn't live with the "what if" anymore and finally took a chance on her character's story. So, with her glass of wine in hand and a stray Barbie sharing her seat, she continues to create and please her fans.


Stalk Her:  Website | Facebook | Twitter | Goodreads

Nessun commento:

Posta un commento