Ultime recensioni

lunedì 6 novembre 2017

FINALMENTE CI SEI di Tijan



Da quando si è trasferita insieme alla madre nella casa del patrigno, Samantha non è riuscita a mantenere le promesse fatte a sé stessa. Non è riuscita a stare lontana dai fratelli Kade, i cattivi ragazzi per eccellenza, i più temuti e adorati della scuola. Soprattutto, non ha saputo restare indifferente agli sguardi magnetici di Mason. Non appena ha incrociato i suoi occhi verdi, si è sentita speciale, amata come mai prima, e tra le sue braccia ha trovato un rifugio dalle delusioni. Ora che sono finalmente insieme, non potrebbe essere più felice. Felice di essersi lasciata alle spalle una solitudine durata troppo a lungo. Felice di aver trovato qualcuno su cui poter contare. 
Ma non esiste amore senza complicazioni. Ci sono persone vicine a Sam che sembrano non volerne sapere della nuova coppia, a cominciare dalle vecchie conoscenze, che rivorrebbero indietro l’amica di un tempo e sono pronte ad allontanarla da Mason con ogni mezzo. Ma il più grande ostacolo, ancora una volta, è rappresentato dalla famiglia: la madre di Sam, Analise, è pronta a tutto pur di separarli. Anche a mentire. E se per Mason non è un problema rispondere con l’indifferenza a queste minacce, che per lui non hanno alcun valore, Sam non può far finta di nulla. Perché soltanto lei ha il potere di fermare la madre prima che sia troppo tardi. Quando un terribile segreto ritorna dal suo passato a tormentarla, Sam deve trovare la forza di reagire, se vuole salvare sé stessa, Mason e il loro futuro insieme.



Dopo Finalmente noi, arriva in Italia Finalmente ci sei, il secondo volume della Fallen Crest High.
Onestamente? Una delusione rispetto al primo. 
Ricordo di aver descritto Sam come una persona con gli attributi nel primo volume, ma quella ragazza è sparita.

Mi sono aggrappata alla sua maglietta con una dispera- zione che solo qualche mese prima non avrei mai manife- stato. Adesso non potevo fare a meno di lui. Cavolo, a volte mi sembrava di morire quando gli stavo lontano.

A un mese dal suo diciottesimo compleanno le succede di tutto: la madre si oppone con forza alla sua unione con Mason, spalleggiata anche dal padre dei due fratelli, al punto che costui li caccia di casa, obbligando Sam a restare con la madre. 

Ho inspirato un’altra boccata d’aria cercando di ricordare chi fossi diventata, ma non aveva importanza. In quel momento non c’era Mason, e nemmeno Logan o Nate. Me li avevano portati via, e io ero la persona che avevo sempre negato di essere. La figlia indesiderata di una zoccola. Anche se non avevo mai voluto ammetterlo, era la verità.

Che quest’ultima avesse qualche problema era già chiaro in Finalmente noi, ma in questo secondo volume dà vita ad uno psicodramma senza precedenti. Tra pianti, viaggi indietro nel tempo dovuti ai flashback relativi ad un evento traumatico del suo passato, corse a perdifiato, sesso continuo con Mason (ogni volta che sono insieme finiscono a letto), sceneggiate degne di un Oscar per la miglior interpretazione psyco da parte della madre di Sam, il libro è un’accozzaglia di eventi, circostanze e drammi senza capo né coda. Mason cerca di proteggere Sam e molto spesso ci riesce, ma come può un ragazzo di diciotto anni disobbedire al padre in quel modo? Questo libro è lo specchio di una generazione che passa la vita ad attaccar briga, ad organizzare festini, a disobbedire ai genitori anche dopo una minaccia forte come quella di abuso su minore? 
In sostanza, con questo secondo volume non si è andati da nessuna parte: Mason e Sam si amano; Logan vuol bene a Sam come ad una sorella ed è pronto a proteggerla da qualsiasi cosa; Nate torna a Fallen Crest, pronto a concludere il semestre con Mason, prima di andare al College; Adam rientra in scena, scusandosi con Sam per essersi comportato da pessimo amico e aver allontanato Becky. 
Diciamo che la parte migliore, nonché il personaggio più interessante, è Heather Jax, che diventa la nuova amica di Sam. 

«Allora il lavoro è mio?»

«Hai mai fatto la cameriera?»

No. «Sì.»

«Bugiarda.» Heather non è riuscita a trattenere un sorriso. «Sei assunta. Cominci stasera?»


Per il resto? Banalità e drammi, senza una vera e propria trama.
Il libro copre un arco temporale di un mese e il Pov è quello di Sam, come nel primo volume. Il mio personaggio preferito resta Logan ma la sua presenza è molto marginale, messo quasi all’angolo dalle coppie Mason/Sam e Mason/Nate. A ciò si aggiunge la sicura vendetta delle ragazze – nel prossimo volume - escluse dalle feste perché odiano Sam. Insomma, il terzo volume della serie dovrà dare tante risposte, perché nonostante il compromesso tra Sam e la madre, nonostante la nuova amicizia “cazzuta” (Heather) e l’atteggiamento sempre possessivo di Mason, il ritorno di un “vecchio” personaggio minaccia la già fragile stabilità mentale di  Sam. La mia valutazione è un complimento e un incoraggiamento, perché le premesse del primo volume sono state davvero disattese. Se avete letto il primo volume e avete intenzione di continuare la serie, immagino che Finalmente ci sei sia un passaggio obbligatorio e non vedo l’ora di leggere le vostre opinioni in merito. 
Buona lettura cosmo!


Per leggere la recensione del primo capitolo, cliccare sull'immagine!!



Tijan è autrice di bestseller del New York Times, scrive romanzi ricchi di suspense e imprevedibili. I suoi personaggi sono forti e molto intensi. Ha iniziato a scrivere molto tardi, ma una volta iniziato non si è più fermata.



Nessun commento:

Posta un commento