Ultime recensioni

mercoledì 4 febbraio 2015

LEGAMI - The Mastered Series 1 VOL. – LORELEI JAMES

Amery Hardwick, timida ragazza di provincia, è riuscita ad aprire un piccolo studio di grafica a Denver, in Colorado. Concentrata sulla nuova attività, ha poco tempo da dedicare alla sua vita privata. Quando una cara amica si iscrive a un corso di autodifesa, dopo aver subìto un’aggressione, Amery accetta di accompagnarla per esserle di sostegno.

È così che conosce Ronin Black. L’affascinante proprietario del dojo si rivela così attratto da Amery da cominciare a prendersi cura della sua formazione sia in palestra che in privato. 
Sin dall’inizio, l’enigmatico Ronin cerca di spingere la ragazza oltre i propri limiti finché, incontro dopo incontro, Amery non diventa dipendente da lui e dal piacere che è capace di regalarle. Ma quando inizia a intuire che Ronin le sta nascondendo qualcosa, capisce che deve mettere in dubbio la fiducia che ha riposto in lui, anche se è un enorme sacrificio rinunciare al brivido che le dà sapersi in suo possesso...


 LA SERIE (MASTERED)

1 – LEGAMI
2 – UNWOUND
3 – UNREVEALED
4 – CAGED
Novella - SCHOOLED



Amery è una ragazza semplice che si scontra ogni giorno con i problemi della vita quotidiana. La sua piccola società di editing pubblicitario arranca, schiacciata dalla decisione delle grandi aziende di assumere grafici interni, ma lei non si arrende facendo del suo meglio per garantire il lavoro a se stessa e alla sua collaboratrice, Molly. La sua vita scorre lenta tra i problemi di lavoro e i suoi unici amici:  Chaz e Emmylou, entrambi gay.
E’ accompagnando Molly, timida e riservata, a un corso di difesa personale che conosce “Sensei Black.”

….  era semplicemente l’uomo più bello che avesse
mai visto. Zigomi alti e lineamenti ampi, ben cesellati, una
traccia di geni germanici nel suo lignaggio. Il labbro inferiore,
carnoso, si inarcava agli angoli, conferendo alla bocca
una linea sensuale. Il naso, leggermente ricurvo, aggiungeva
un tocco interessante ai tratti perfetti del viso. E i suoi occhi…
Non aveva mai visto occhi simili, un castano quasi
ambrato, il colore del topazio. Agli angoli si piegavano verso
l’alto, a indicare un ramo asiatico nel suo albero genealogico.
I capelli neri gli sfioravano le spalle. Qualunque cosa
in quell’uomo, dal viso alla postura, preannunciava la sua
imperiosa presenza…..

Fin da subito il magnetismo del misterioso “Sensei” colpisce Amery che si sente osservata mentre partecipa alla lezione di autodifesa, il suo turbamento aumenta a dismisura, quando si vede costretta ad accettare che sia proprio lo scontroso Black ad impartirle la prima lezione.
Al rientro, Amery scopre che qualcuno si è introdotto nel fabbricato di sua proprietà e tra polizia e lungaggini burocratiche si ritrova al mattino distrutta e senza aver chiuso occhio. Grande è il suo stupore quando Black si presenta al suo ufficio prendendo in mano la situazione e come se non bastasse le offre di lavorare alla realizzazione del nuovo logo della Black Arts, la sua scuola.
Ronin, oltre che bellissimo ed affascinante, è uno di quegli uomini che lasciano il segno nella vita di una donna. Maestro nell’arte del jujitsu, ha creato dal nulla quella che è la più rinomata scuola di arti marziali e difesa personale della città. Attorno a lui aleggia un’aurea di mistero che si svelerà solo in parte, nel proseguo del libro.
Amery è una ragazza semplice. A fatica è riuscita a sganciarsi da una famiglia ossessionata dalla religione ed è da poco riuscita a interrompere una relazione con un ragazzo che non aveva mai fatto altro che sminuirla ed umiliarla. Per lei è difficile lasciarsi veramente andare e quando Ronin inizia a farle la corte, non riesce a credere che un uomo tanto sexy provi interesse per lei.

Ronin invase il suo spazio. «Niente affatto. Solo che bisogna
essere pazienti per riuscire a convincere una donna perbene
come te a lasciarsi andare. Ma una volta convinta…». I
suoi occhi erano incollati alla bocca di lei. «Scommetto che
faresti sfigurare anche la regina delle motocicliste cazzute».
Tutto il suo corpo era in fiamme, ma lei riuscì a sdrammatizzare:
«Mi chiedo che persona vedi quando mi guardi,
perché io non riesco a vedere niente del genere».

Amery si arrende al fatto che tra di loro si crea una tensione sessuale alla quale è impossibile resistere, lui la porta un livello di desiderio che non aveva mai provato prima, senza però forzarla. La corteggia, la lusinga, la coccola, ma soprattutto la infiamma fino all’inverosimile.

Di solito non correva rischi,era sempre stata una brava ragazza, ma c’era qualcosain Ronin Black che la spingeva ad abbandonare la prudenzaper la prima volta… in tutta la sua vita.Ronin la fissò; anche lui ansimava. «Per quanto desiderispogliarti e scoparti fino a sfondare il materasso, non ti hoportato a casa mia per questo».

Quello che Amery non sa, è che Ronin non è soltanto un Maestro di jujitsu. Da giovane ha vissuto per anni in un Monastero Giapponese dove si praticava l’arte dello shibari e del kimbaku ovvero l'atto di legare una persona. Lo shibari Giapponese è una forma di arte, nata nel 1400, che ha lo scopo di rilassare la mente ed il corpo. Solo attorno a XVII secolo ha iniziato a diventare anche una pratica sessuale. Nello Shibari, l’artista della corda esegue disegni e forme geometriche che creano un meraviglioso contrasto con le curve naturali ed i recessi del corpo femminile. La consistenza e la tensione delle corde creano un contrasto visivo con la pelle liscia e le curve, sottolineando la morbidezza delle forme corporee. La modella diventa come una tela,
e la corda è il colore ed il pennello. Il kimbaku utilizza questa tecnica nelle pratiche erotiche di bondage.

La carica sessuale è così forte, tra di loro, che Amery accetta di sottostare alla legatura, ricavandone un piacere che mai avrebbe potuto immaginare.

Tutto sembra funzionare a meraviglia tra di loro, tranne per il fatto che Ronin sembra non fidarsi a sufficienza di lei per aprirle completamente il suo cuore. Certo, le ha raccontato tante cose del suo passato e anche del presente, ma sono troppi gli indizi che portano Amery a pensare che il suo meraviglioso Maestro nasconda qualcosa.

Chi è veramente Ronin?

Il libro è veramente bello e si legge tutto d’un fiato. Le descrizioni sono accurate e i dialoghi scorrevoli, le pagine volano e non c’è tempo per annoiarsi. Amery è una ragazza in gamba, non la solita ochetta, ed è bello scoprire come si apre all’amore e al sesso. Ronin è magnifico in tutto e per tutto, fa e dice le cose giuste. 
La James è bravissima a creare la giusta atmosfera erotica, devo ammettere che ultimamente sono tanti i libri che non ho terminato, principalmente per noia. Sempre le stesse descrizioni, le stesse frasi trite e ritrite. Questo libro è diverso, stuzzica la fantasia e….l’appetito….
Aspetto con ansia la pubblicazione italiana del seguito. Il librò racconterà la storia del passato di Ronin, parlerà dal suo punto di vista, il Maestro è ancora tutto da scoprire.
Non vedo l’ora!

Autrice besteller del «New York Times» e «USA Today», è famosa per i suoi romanzi erotici. Vive nella parte occidentale del South Dakota con la sua famiglia. Autrice di serie molto famose negli Usa, ha scritto più di 40 romanzi.
Scavando nella sua vita ho scoperto che “Legami” è il primo romanzo che si cimenta a scrivere  in terza persona singolare. Una sfida per lei, visto che tutti i suoi scritti precedenti erano redatti in prima persona, e il lavoro le è riuscito molto bene.  Legami è il primo titolo della James tradotto in italiano ed è anche il primo di una serie di due, una “duologia” come la definisce lei. Il secondo romanzo il cui titolo inglese è “Unwound” viene collocato temporalmente prima di “Legami” ma solo perché è una specie di retrospettiva della vita di Ronin, il protagonista maschile.
A seguito del grande successo che la “duologia” ha riscosso negli States, l’autrice ha firmato il contratto per la stesura di altri due libri incentrati sui personaggi secondari che fanno da sfondo ai primi due libri, più una novella ancora sulla coppia Ronin-Amery. I libri usciranno negli Usa a marzo e maggio 2015.


Nessun commento:

Posta un commento