Ultime recensioni

giovedì 8 febbraio 2018

COSì VICINI di Ella Blake


Due amici.
Un fratello.
Due amanti.
Mille tentazioni.
Troppi sensi di colpa.
Cosa fareste se la fonte di tutti i vostri desideri fosse a un passo da voi, ma moralmente irraggiungibile?
Ramo sa cosa vuole, o meglio, chi vuole, ed è disposto a fare di tutto per ottenerlo.
Ric è diviso a metà: combatte, fugge, ma mai abbastanza lontano.
Cuore e mente riusciranno a trovare un punto d'incontro? Chi cederà per primo?
Così vicini è un mix d'amore, dramma e passione esplosiva.
Buongiorno Cosmo Readers, oggi recensirò per voi una storia che mi è piaciuta, anche se con qualche elemento che mi ha portato a riflettere, ma vi esporrò tutto nel dettaglio nel corso della mia analisi.
Vi avviso però, che rispetto al solito, questa mia recensione non sarà del tutto spoiler free. Questo perché di solito mi baso sulla trama per trarre le mie conclusioni, e questa volta è un po' più risicata del solito. Conosciamo tre bambini, Ric, Mattia e Ramo, che stringono un'amicizia meravigliosa, che tanto peso avrà, soprattutto per uno di loro, che ha una situazione familiare davvero terribile. Crescono insieme, e la storia si sviluppa dalla loro infanzia, all'adolescenza, fino all'età adulta. Nel corso del tempo si creano desideri, difficili da gestire. Ramo sa cosa e chi vuole, ed è disposto a lottare con le unghie e con i denti per ottenerlo. Ric, invece, è dilaniato da una scelta che non vorrebbe dover compiere.
Le tentazioni e i sensi di colpa dividono il cuore di Ric, vincerà il cuore o la ragione?
Se voleste scoprirlo, leggete questa storia, soprattutto se amate le storie sofferte e "impossibili".
Sulla trama non aggiungerò altro, per evitare il più possibile i tanto odiati spoiler.
Uno degli elementi che mi ha fatto riflettere è uno su cui verte l'intero libro. L'autrice, in maniera sapiente tratta un amore considerato moralmente inaccettabile. Premetto che a me personalmente, questa amoralità, non è arrivata, perché non ne vedo le ragioni, ma mi rendo conto che, da una parte, era necessaria all'autrice per dare più angst e rendere la storia più sofferta, dall'altra, mi rendo conto di vivere in una società in cui è tutto o bianco o nero. Per cui, per molte persone, questi sentimenti e questa attrazione, potrebbero in effetti essere considerati immorali.
Uno dei punti a favore di questa storia, è la famiglia di Ramo e Mattia. I genitori sono fantastici, e durante tutto l'arco narrativo dimostrano il loro amore in maniera meravigliosa, dando la sensazione di accettare i figli per come sono, e donandogli tutta la comprensione e il sostegno possibile.
Ric è un personaggio a cui è difficile non voler bene. Ogni elemento che scopriamo su di lui, ce lo rende caro. Riflessivo, serio, posato, ma anche appassionato e combattuto.

" La porta si spalanca di colpo e il mio più grande incubo entra come un tornado. [...]
 È bellissimo. I suoi capelli sembra abbiano rubato il colore al sole, sono chiari, quasi dorati e schizzano in aria spettinati. Probabilmente è colpa mia, non riesco a resistere e ogni volta che posso, anche senza rendermene conto, vi passo le mani accarezzandoli e tirandoli leggermente. [..] Quando i suoi brillanti occhi azzurri si alzano su di me, trattengo il fiato. Mi ci perdo come quando guardo il cielo, è lo stesso azzurro infinito e limpido di una giornata d'estate come questa. [...] Strizzo gli occhi e mi obbligo a non guardare. Non posso. Non devo."
Ramo è la piccola peste, quello con le idee chiare e che sa giocare bene le sue carte. Bel personaggio anche il suo, quanto Ric è posato tanto Ramo è deciso e spregiudicato.

" Non so quando tutto questo gran casino è iniziato, so solo che ad un certo punto ho smesso di vedere Ramo come un bambino da accompagnare nella crescita e ho iniziato a notare la sua bellezza come giovane uomo. [...] Quando mi sorride non voglio più spettinarlo e prenderlo in giro, voglio avvicinarmi  e incollare la mia bocca alla sua."
Voglio fare i miei più sentiti complimenti all'autrice, per la dolcezza che permea questa storia tormentata, e per avermi donato una lettura molto piacevole.

La mia valutazione è quindi positiva, la storia e i personaggi sono interessanti e ben caratterizzati.
Consiglio questo libro a chi ama gli m/m, a chi predilige le storie sofferte e apparentemente impossibili. Se appartenete a queste categorie, sono certa apprezzerete questa storia dolce e sofferta.



Nessun commento:

Posta un commento