Ultime recensioni

giovedì 22 febbraio 2018

Il Leone ama l’Ariete di Anyta Sunday

Una nuova persona entrerà nella vostra vita all’inizio dell’anno; guardate oltre i momenti di frustrazione e ridete, Leoni: potrebbe sbocciare un’amicizia duratura.
Ogni volta che sua madre gli manda l’oroscopo, Theo Wallace si limita a riderci su. Considerato però che non ha ancora scordato la sua ex ragazza e che è praticamente senza amici, questo oroscopo in particolare rischia di farlo ricredere. Perché l’idea che un’amicizia duratura possa sbocciare e fiorire…
Be’, sarebbe un’ottima ragione per lasciarsi alle spalle i dolori del passato e guardare avanti a uno splendido futuro. Quando sua sorella Leona lo sfida a trovarle il ragazzo perfetto per un matrimonio in primavera, Theo approfitta dell’occasione per farsi dei nuovi amici. Il suo ex tutor di Economia e nuovo coinquilino, il signor Jamie Cooper, parrebbe il candidato giusto al momento giusto. Nel posto giusto. Così giusto che sembra scritto nelle stelle.
Non deve far altro che assicurarsi che Jamie sia all’altezza di sua sorella. Che possa davvero essere la persona perfetta per lei, e un buon amico per lui.
Ma fate attenzione, Leoni: le stelle hanno in serbo una sorpresa…
Personalmente non credo nell’oroscopo, ma in effetti anche i miei genitori sono leone e ariete e funzionano bene insieme da quasi trentotto anni quindi, magari, Crystal, la madre di Leona e Theo, non ha tutti i torti. Detto questo, ammetto che mi piace molto lo stile di questa autrice. Le sue storie sono sempre molto dolci e semplici, i suoi protagonisti spesso sono normalissimi ragazzi che non hanno nemmeno in programma di innamorarsi, men che meno di un altro ragazzo.
In questo caso Theo, protagonista e possessore dell’unico pov, è perfettamente etero, non ha mai provato attrazione per i ragazzi ed è ancora giù per la sua ex che l’ha mollato per il ragazzo della sua gemella, Leona. Si tratta di un ragazzo carismatico, caciarone, studioso, ma mai serioso. Teoricamente, da lui non ci si aspetterebbe mai una storia con un uomo e in effetti, all’inizio, l’unica cosa che vuole da Jamie sono ripetizioni di economia applicata che si trasformano poi in una grande amicizia.
Jamie è un tutor alla facoltà di economia ed è il classico bravo ragazzo: cucina cose sane, è diligente, organizzato, ordinato, simpatico e premuroso. Peccato non riesca a raccapezzarsi tra i messaggi contradittori che invia Theo, molto aperto e spontaneo, soprattutto dopo che lo invita a condividere casa.
Quando finalmente Theo apre gli occhi e capisce che il suo nuovo migliore amico è attratto da lui, non si fa problemi a contraccambiare. Cioè, teme un po’ per la loro amicizia, ma dal punto di vista sessuale pare che non abbia alcuna remora a passare da una sponda all’altra.
Ho apprezzato anche la storia di fondo di Leona, la gemella ipovedente di Theo, che nonostante sia un personaggio secondario non manca affatto di spessore psicologico e che vede anche lei il suo oroscopo prender vita e realizzarsi.
Insomma si tratta di una storia divertente e scorrevole, una commedia romantica che non risparmia anche qualche scena decisamente hot, ma dove sono i sentimenti e la condivisione che la fanno da padroni. Una lettura caldamente raccomandata con cui trascorrere piacevolmente, magari, un weekend d’ozio.


Quando parcheggiarono, Jamie recuperò la lista della spesa e la porse a Theo.
«Perché me la stai dando?» chiese lui. Uscì dall’auto e lo seguì fino al bagagliaio. 
Jamie afferrò sei sacchetti e li sollevò senza la minima difficoltà. «Hai disegnato qualcosa lì in basso.»
Il Leone e l’Ariete. «Sono sicuro che puoi indovinare come mai, impiccione.»
«Il bisogno inconscio di scoprire cos’è la vera chimica, magari?»
«La chimica mi è perfettamente familiare, Jamie.» Ammiccò con le sopracciglia. «È da urlo.»
Leona, che li aspettava al lato della macchina, ridacchiò. Theo prese i sacchetti rimasti e tornò indietro per offrirle una spalla.
«A me non dispiacerebbe trovare un Ariete,» gli sussurrò lei.
Aveva parlato in un tono così basso che Theo non credeva che le parole fossero andate molto più in là del suo orecchio. Si sbagliava, evidentemente, perché una volta che sua sorella fu sparita in cucina, mentre era chino a sfilarsi le scarpe, Jamie gli passò accanto con uno strano luccichio negli occhi. «Non lo sai che sono un Ariete?»

«Non sono gay,» protestò.«Non ho mai detto che lo sei.»«Però l’hai pensato.»Jamie si sporse in avanti e replicò in un sussurro: «Credo che sia tu a pensarlo, mio caro Leone.»

Non era mai stato attratto da nessun altro ragazzo. Parlava sul serio quando aveva detto di non essere gay. La prospettiva di darci dentro con Jamie non lo spingeva a mettere in dubbio la propria identità, né a raggomitolarsi in un angolo in preda all’angoscia. Non era il sesso a definire chi era.

«Non sapevo come comportarmi. Con il senno di poi, è chiaro che mi piacevi. Ero così spaventato all’idea di perdere la nostra amicizia che la paura mi ha impedito di vedere quello che stava succedendo. Tra noi. Quello che stava succedendo tra noi.»

«Adesso ho bisogno che tu faccia l’amore con me.»«Pensavo che non credessi nel fare l’amore.»«Con te posso credere in qualsiasi cosa.»





Sono una grande, GRANDISSIMA fan dei romance a “cottura lenta”. Amo leggere storie dove i personaggi si innamorano pian piano. Alcune delle situazioni di cui preferisco leggere e scrivere sono: da nemici ad amanti, da amici ad amanti, ragazzi che proprio non vogliono saperne di cogliere i segnali, bisessuali, pansessuali, demisessuali, tutti (gli altri) se ne sono accorti, l’amore non ha confini.
Scrivo storie di vario genere: romance contemporanei con una buona cucchiaiata di angst, romance contemporanei spensierati e, a volte, persino storie con una spruzzata di fantasy.
Se volete saperne di più sui miei libri, visitate il mio sito: www.anytasunday.com.

Nessun commento:

Posta un commento