Ultime recensioni

Visualizzazione post con etichetta Mariana Zapata. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Mariana Zapata. Mostra tutti i post

venerdì 15 giugno 2018

L'INFINITO TRA ME E TE di Mariana Zapata



Vanessa Mazur sa che sta facendo la cosa giusta. Non ha alcuna intenzione di sentirsi in colpa per aver mollato. Il lavoro di assistente tuttofare di Aiden Graves è sempre stato un impiego temporaneo. Lei ha altri piani per il futuro, ha delle ambizioni, e di certo non comprendono il ruolo di fatina personale di una star del football. E allora perché quando Aiden si presenta alla sua porta, pregandola di ripensarci, Vanessa esita? Per due anni, l’uomo che le televisioni chiamano “il Muro di Winnipeg” è stato il suo incubo: neanche un buongiorno al mattino, o un sorriso il giorno del suo compleanno. Era talmente concentrato sullo sport che sembrava non accorgersi nemmeno di chi o cosa lo circondasse. Cos’è cambiato, allora? Quello che Aiden chiede, per Vanessa è semplicemente incomprensibile. Dopo il modo in cui è stata trattata, lei desidera solo dedicarsi alla sua vera passione, il design, e lasciarsi alle spalle l’indifferenza. La perseveranza di Aiden sarà in grado di farle cambiare idea? In questo genere di partite, segnare un punto richiede pazienza, gioco di squadra e una buona dose di determinazione.

mercoledì 1 giugno 2016

THE WALL OF WINNIPEG AND ME by Mariana Zapata


Vanessa Mazur sa che sta facendo la cosa giusta. Non dovrebbe sentirsi in colpa per essersi licenziata. Fare l’assistente/governante/fata madrina del difensore più bravo della NFO doveva essere soltanto un lavoro temporaneo. Ha in serbo un piano per il suo futuro, che non include lavare biancheria extralarge, più a lungo del necessario.
Ma quando Aiden Graves si presenta alla sua porta, chiedendole di tornare, Vanessa rimane scioccata. Per due anni, l’uomo conosciuto come “The Wall of Winnipeg” non ha mai trovato in sé le forze per dirle buongiorno la mattina, o per farle gli auguri il giorno del suo compleanno. Adesso? 
Viene a chiederle l’impensabile.
E cosa si deve dire all’uomo che è abituato ad avere tutto ciò che vuole?