Ultime recensioni

venerdì 12 giugno 2015

L'ORRIBILE KARMA DELLA FORMICA - DAVID SAFIER

 

Kim Lange sa benissimo di essere un’arrivista disposta, per la carriera, a sacrificare tutto, marito e figlia compresi. D’altra parte, così facendo, è arrivata a condurre il più noto talk-show televisivo di Berlino ed è all’apice del successo. Ma il destino è sempre in agguato, ed ecco che un assurdo incidente pone fine alla sua vita. O no? Kim non si sta divertendo per niente: ha preso una gran botta in testa e le sembra di sprofondare in un immenso buco nero. Quando riemerge dal blackout, si sente strana, il suo corpo non è quello di sempre, ha una testa gigantesca, un addome assurdo, sei gambe. Orrore! È diventata una formica! La sua vita mal spesa deve essere espiata, e questa è la punizione. Per di più, con i suoi nuovi occhietti da insetto, finisce nel giardino della sua ex casa, dove assiste impotente alle manovre della ex migliore amica che gira attorno, smorfiosa, al suo ex marito. Ora, per la ex Kim, c'è un solo modo per correre ai ripari: rimontare al più presto nella scala delle reincarnazioni per tentare la difficile risalita da insetto a essere umano. Ma la strada purtroppo è lunga, e non c'è più molto tempo. Attraverso quante altre orribili forme animali dovrà passare? Molte: da porcellino d'India a verme, da scoiattolo a vitello, fino a rinascere in una docile cagnetta, e in ciascuna di queste reincarnazioni verrà messa alla prova per dimostrare che il suo sciagurato cattivo carattere è cambiato.


“Il giorno in cui morii non fu affatto divertente. E non solo a causa della mia morte. A voler essere precisi, in effetti, l'evento si conquistò appena il sesto posto nella classifica dei momenti più spiacevoli di quella giornata”

Kim conduce un talk-show di successo, è un’arrivista che per la carriera trascura la sua famiglia così tanto da scegliere di trascorrere il giorno del compleanno della adorata figlia Lily presenziando ad una prestigiosa premiazione piuttosto che trascorrere la giornata insieme alla piccola.
Alex è un padre premuroso e presente, e fra frustrazioni e polemiche gestisce da solo casa e famiglia. Il loro matrimonio a causa delle reciproche lamentele sta andando letteralmente a rotoli… ormai non si riconciliano più nemmeno a letto come accadeva una volta dopo un litigio, ed è così che la protagonista finisce fra le braccia di un avvenente collega.
Ed è proprio dopo la sfrenata notte di sesso che Kim vedrà il suo destino venirle incontro (letteralmente!) sotto forma dei detriti di un lavandino di una qualche base spaziale. Dopo questa morte improvvisa quanto assurda si ritrova reincarnata in una formica, proprio perché ha prodotto poco karma positivo. Anzi diciamo che il suo karma fa davvero schifo, anche se non così tanto da diventare un batterio intestinale.

“Naturalmente avevo già sentito parlare di karma. Alex aveva letto un libro sul buddismo, quando si era trovato in piena crisi per i suoi studi di biochimica. Io invece, quando dovevo prendere di petto una crisi, preferivo leggere libri intitolati "Sii buono con te stesso, Sii ancora più buono con te stesso e Dimentica gli altri". "È molto semplice", disse Casanova. "Chi fa del bene produce karma positivo ed entra nella luce del Nirvana. Chi compie il male prolunga la propria esistenza come noi."

Ora l’unico modo per restare accanto alla deliziosa figlioletta ed al marito del quale si riscopre essere innamorata, e che viene circuito dalla sua ex miglior amica, è tentare la risalita da insetto ad essere umano, passando per una serie di altri corpi d’animale: ancora formica, porcellino d’india, mucca, cane…. E soprattutto dovrà produrre tanto karma positivo, cioè fare del bene, pena la retrocessione ad un genere inferiore. Alla fine sarà naturale per lei fare le scelte giuste, così come naturale ed inevitabile sarà il lieto fine, diversamente avrebbe davvero stonato con il tono del libro. 

Kim non sarà sola in questa tragicomica avventura, a farle compagnia durante il surreale viaggio fra specie animali e morti rocambolesche ci sarà niente di meno che l’affascinante Giacomo Casanova (proprio lui!), da 200 anni in forma di formica, che apporterà il suo personalissimo contributo alla trama con le sue memorie, delle spassose postille poste a pie’ di pagina.
“Dio mio, mi sentii così bene. Così protetta. Così felice. E in quel momento capii perché Buddha mi aveva rimandato nella vita. Per il Nirvana non serve alcun Nirvana!”

Questo romanzo è davvero fresco e frizzante, con una scrittura scorrevole e spiritosa che non annoia mai, non nego che addirittura ci sono stati punti in cui sono letteralmente scoppiata a ridere da sola! Infonde ottimismo e allegria ma allo stesso fa non poco riflettere. Del resto l’autore, David Safier, è anche il creatore di "Lolle", un telefilm di qualche tempo fa davvero geniale!

“L’orribile karma della formica” è davvero un bel libro. Consiglio di leggerlo, il vostro umore ne trarrà vantaggio meglio che da un antidepressivo e dentro di voi aleggerà la consapevolezza che gli unici responsabili delle nostre azioni e della nostra vita siamo noi in prima stessi, nè il fato, nè dio, nè gli altri. Noi.

David Safier, nato nel 1966, vive e lavora a Brema. Affermato sceneggiatore, ha ottenuto uno strepitoso successo con questo primo romanzo, tradotto in numerosi Paesi e giudicato dalla stampa uno degli esordi più divertenti di tutti i tempi.




Nessun commento:

Posta un commento