Ultime recensioni

lunedì 19 dicembre 2016

TI DISPIACE SE TI AMO? di Grazia Cioce e Sara Bezzecchi


A Natale i sogni si realizzano sempre.

Viola è una giovane architetta. Bella, forte, convinta di avere tutto quello che si possa desiderare: un bel lavoro, un fidanzato innamorato, un bambino in arrivo… Ma bastano poche ore e il suo castello di carta crolla miseramente. Da una parte sorprende il suo compagno, Luca, con un’altra donna, dall’altra l’architetto Massari, il suo bellissimo e scontroso capo, le comunica che Casa Viola, il progetto su cui sta lavorando da anni, è arrivato al capolinea: i fondi sono terminati, si chiude. Fortemente scossa dalla notizia, alle prese con gli ormoni impazziti, senza l’appoggio di un compagno e piena di dubbi sul futuro del suo bambino, Viola decide di affrontare Massari. Il confronto finisce con i due che, dopo aver messo per iscritto le rispettive emozioni, si scambiano i foglietti con i loro sfoghi impegnandosi a rileggerli di lì a un anno, quando tutto si sarà sistemato per il meglio. Ma la vita non va mai come ci si aspetta. E nel giro di un anno le sorprese non mancheranno.

Una bellissima favola, un manuale d’amore per sopravvivere a un uomo bastardo senza troppo soffrire e conservando la fiducia nel lieto fine.
Altro giro altro YouFeel. Adoro, adoro, adoro il modo in cui le autrici riescono a far emozionare i propri lettori, e l'accoppiata Grazia Cioce e Sara Bezzecchi ha vinto alla grande!

Viola è un architetto di interni che lavora per lo studio Massari e da diversi mesi è alle prese con la zona living di Casa Viola, un progetto in cui il suo ideatore ci ha messo cuore e anima.
La vita sembra andarle alla grande, un fidanzato con il quale convive da due anni, un lavoro che ama, due amici e colleghi fantastici e, notizia bomba, un bimbo in arrivo!!! Peccato che, mentre attende la risposta del test di gravidanza, Viola senta rientrare a casa il dolce e tenero Luca, ma resta sorpresa quando nota che è tutto intento nello spogliare la giovane bionda che lo accompagna.
La delusione, il dolore e la rabbia sono tanti che, senza pensarci due volte, scappa via e corre da Tina, la sua migliore amica nonché sua collega, la quale non ci pensa due volte a offrirle un posto per la notte.



Il tradimento è una cosa che ci cambia, che annebbia ogni altra cosa, e io non voglio cambiare, non voglio essere annebbiata e, soprattutto, non me lo merito...

Il giorno dopo in ufficio è il caos più generale: Luca ha scoperto che Viola è incinta e scoppia una lite tremenda, e senza troppi giri di parole le chiede cosa voglia fare con il bambino, e Gabriel Massari ha annunciato che i fondi finanziari sono finiti ed è costretto a vendere Casa Viola e lo studio. Il mondo sembra essersi capovolto, ma la nostra protagonista non si perde d'animo e cerca di mantenersi a tutti i costi positiva, e vedendo Massari visibilmente preoccupato lo coinvolge in un suo vecchio gioco: gli porge carta e penna e lo invita a scrivere lo stato d'animo del momento per riaprirlo un anno dopo e vedere se le cose sono cambiate o meno. Quello che non si aspetta è lo scambio dei bigliettini con la promessa di non aprirli prima di un anno.
Passano i giorni e i mesi, Viola è sempre più incinta, è tornata con Luca per il bene del frugoletto che porta in pancia anche se i dubbi non si sono mai dissipati, continua a lavorare al progetto affidatole dallo studio e spera che, con questa cessione, continuerà a mantenere il suo posto di lavoro.
Ma le sorprese sembrano non finire mai e Viola si troverà a un importante bivio della propria vita.

“Viola...” un sussurro. Solo il mio nome che riempie la stanza di una melodia dolce. Avvicina la testa alla mia e sento il suo respiro su di me.
“Vorrei poterti proteggere da tutto quello che ti ferisce”. Parole che possono scavare all'interno di un'anima fino a divorarla.

Che dire??? Ho amato la storia (tutta), i suoi personaggi e le emozioni descritte. Viola e Gabriel sono persone che si possono incontrare nella vita di tutti i giorni, con i loro pregi e i loro difetti, con i loro punti di forza e quelli di debolezza.
La struttura è interamente in prima persona dal pov di Viola, ci dà modo di provare la sua stessa rabbia quando sorprende il compagno traditore, la gioia e l'emozione quando scopre di essere incinta, ammirando la sua forza e il suo coraggio nel portare avanti decisioni che spingono a riflettere estremizzando le situazioni. Le autrici hanno dato un po' di spazio anche ai personaggi secondari, come Tina e Stefano, i più cari amici della protagonista, quelli pronti a compiere follie per vederla sorridere, in grado di dispensare consigli e sapendo quando far parlare il silenzio. E la location!!! Una storia a metà tra Milano e le meraviglie della Toscana. Ragazze, mi avete fatto venir voglia di fare le valigie e partire per Arezzo!
In tutto questo... vogliamo parlare di Gabriel Massari??? È il classico uomo che toglie il fiato, quello che si circonda di belle cose e belle ragazze, il capo serio e ombroso ma che sa anche ridere alle battute, o in questo caso alla spontaneità della nostra Viola. Ebbene sì, cari lettori, si parla di una protagonista tutta sale e pepe che non si lascia intimorire da certe posizioni lavorative e vuole sempre avere l'ultima parola.
Nonostante si tratti di un romanzo breve, si può percepire, attraverso le pagine descritte, l'evoluzione e la maturità dei protagonisti, arrivando a voltare l'ultima pagina come se si stessero salutando degli amici che sono stati in grado di tenerci un'ottima compagnia in una fredda serata d'inverno.
Non posso esimermi dal fare i complimenti alle autrici perché la storia scorre in maniera così lineare e fluida che sembra essere stata scritta da un'unica persona; non si riesce a capire dove finisce una e inizia l'altra: gran bel lavoro veramente! Un'accoppiata che ha funzionato alla grande... a quando il vostro prossimo romanzo?



2 commenti:

  1. Grazie mille! Bellissime parole, mi avete fatta emozionare *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per aver dato vita a questa storia romantica *_______*

      Elimina