Ultime recensioni

giovedì 21 settembre 2017

INEVITABILE FOLLIA di Deborah Fasola


Ho paura di lui, ma lo desidero con tutta me stessa.
La voglio come non ho mai desiderato nessun’altra, ma la odio con tutto il cuore.
Lui è paura e pericolo.
Lei innocenza e peccato.
Lui non sarà mai mio.
Lei mi appartiene.

Lydia Gale sogna il lusso e la fama così, quando si trasferisce a Los Angeles, decide di scendere a patti con se stessa diventando la finta fidanzata di un noto attore di Hollywood.
Quando le attenzioni da parte di lui vengono a mancare, Lydia lo minaccia di rivelare il loro segreto alla stampa, macchiando la sua immagine pubblica con uno scandalo di dimensioni inimmaginabili.
Viene così mandata a una festa, in rappresentanza del fidanzato, e sarà proprio lì che incontrerà Max, un uomo tanto attraente quanto pericoloso, che la salverà da quella folle notte rendendola indimenticabile.
Max entrerà con la forza nella vita di Lydia e più lei tenterà di scappare da quella situazione pericolosa, più si ritroverà coinvolta, sentendosi per qualche strana ragione attratta da quel mondo assurdo e sregolato.
Max e Lydia impareranno a conoscersi e a curare i loro vuoti interiori, ma più di ogni altra cosa impareranno ad amare.

Un sociopatico.
Una ragazza ambiziosa.
Un crimine.
Un circolo vizioso fatto di bugie.
E un solo sogno d’amore.
Lydia è una ragazza che ha deciso di voltare pagina, lasciarsi alle spalle un passato fatto di sofferenza e derisioni, e trovare rifugio in una nuova città, Los Angeles alla ricerca di fortuna. Si è imbattuta casualmente in Jace Ratman, un famoso divo hollywoodiano all’apice della sua carriera e tra loro è stata intesa a prima vista. Tutto sarebbe perfetto se lei non iniziasse a sentirsi insoddisfatta; Jace le dedica sempre troppo poco tempo e lei vorrebbe essere “coccolata” di più. Esprime le sue perplessità al “finto fidanzato” che cerca la soluzione migliore per entrambi, e decide di mandarla a una festa da sola, affinché possa “distrarsi” e “divertirsi”. Al party nessuno sembra riconoscerla, gira tanto alcol ma soprattutto droga, e pensa che quello potrebbe essere il momento migliore per andare a “caccia” senza che nessuno si ponga ulteriori domande al fatto che si trovi là da sola. Peccato che le cose siano destinate a complicarsi e che Lydia abbia uno spiacevole scontro con un certo Max. Di lui non sa nulla, solo che l’ha salvata da una situazione poco simpatica; quello che non sa è che da quell'incontro lui diventerà il suo incubo peggiore.
Per uno strano scherzo del destino, le loro vite saranno destinate a incrociarsi spesso e chissà che i due non imparino a conoscere meglio se stessi in primis, e successivamente l’altro, imparando il vero significato della parola amore.

E anche se credo che una persona possa amarti solo come può e non come tu vorresti, penso anche che quando non ti ama, allora forse tu lo capisci.

Ok, mi fermo qua, perché se continuo a parlarne, potrei raccontarvi tutta la storia. E credetemi, parlare della trama evitando eventuali spoiler, è stata veramente dura! Conosco Deborah da qualche anno ormai, e ammetto di avere avuto il piacere di poter leggere in anteprima i suoi romanzi. Questo si distingue molto dai precedenti perché, anche se di base ci sono le fondamenta di un buon romance, la storia si evolve in qualcosa di ancora più complicato, diventando piena di suspense, mistero e azione. Trovo soddisfacente la narrazione in prima persona e da diversi punti di vista, e anche se in questo caso a volte diventano tre, non creano confusione nel lettore, che diventa avido della lettura, cercando di districare la complessa matassa in cui Lydia finisce involontariamente.

Credo che se una persona ama, il troppo non è mai abbastanza.

Ho apprezzato la costruzione dei personaggi, notando una vera e propria evoluzione soprattutto della protagonista femminile che, apparentemente insicura e “viziata”, capisce che non è tutto oro quello che luccica. Tutte le sue convinzioni cadono come un castello fatto di carte e lei si ritroverà a dover affrontare la dura realtà, scendendo a patti con la propria coscienza.
Max è un cattivo con i controfiocchi, un sociopatico, assassino, uccide su commissione fino a quando non si renderà conto di uccidere per proteggere le persone che ama, anche se questo non lo ammetterà mai. Lydia riesce, con i suoi modi bizzarri e a volte urtanti, ad abbattere quel muro fatto di diffidenza, odio e solitudine, facendogli capire le cose che contano realmente nella vita.


Non avrei detto che avrebbe mai chinato il capo a questo punto, ma più tardi penso che è questo che significhi davvero amare, o almeno credo: saper abbassare la testa e ammettere di essere stati sconfitti.


Notevole anche la costruzione dei personaggi secondari, i quali spesso rappresentano il cuore pulsante della storia. Jace sembra rivelarsi l’elemento principale, lasciando stupiti i lettori per il suo cambiamento e comportamento basato sulle scelte di quella che avrebbe dovuto essere la sua fidanzata. Un libro che va al di là del semplice romanzo; è una storia che ci fa capire che viviamo in un mondo fatto per lo più di apparenze, dove a volte bisogna vergognarsi di chi si è veramente e indossare costantemente delle maschere solo per compiacere gli altri. Lydia questo lo capisce un po’ in ritardo, e cerca di recuperare il tempo perduto, dando una valida motivazione a Jace di esternare i suoi veri sentimenti verso la persona che ama, al mondo intero, senza timore, senza vergogna, senza più nascondersi.

Tutto può cambiare se è l’amore a muovere le fila del destino.

Max dovrebbe essere una di quelle persone da cui bisognerebbe tenersi alla larga, ma c’è uno spiraglio di luce nel suo cuore, che induce Lydia a non mollare la presa, e inevitabilmente si finisce per innamorarsene (io sono cotta a puntino).
Vi è mai capitato di leggere un libro e avere una scena preferita? Ebbene a me ogni tanto capita… ma in questo caso è stata difficile sceglierne solo una perché ho amato ogni SINGOLA scena di Lydia e Max insieme!
Quindi, se cercate un libro con un po’ di azione, suspense e quel tanto che basta di romanticismo, allora questo è il libro che fa al caso vostro!


Deborah Fasola, classe ’78, è autrice ed editor freelance. Il suo esordio letterario avviene nel 2011 con la sua prima opera fantasy; in seguito ha pubblicato altri romanzi dello stesso genere e alcuni manuali e racconti, per poi dedicarsi solo al romance e fare il grande salto.
Nel 2015 pubblica infatti due romanzi con You Feel, Rizzoli, e il 30 giugno del 2016 esordisce in libreria con la commedia romantica Tradiscimi se hai coraggio, edita Newton Compton editori. Continuerà a pubblicare romance e a sognare insieme ai suoi lettori.


Nessun commento:

Posta un commento