Ultime recensioni

giovedì 1 febbraio 2018

IO E L’@LTRA ME di Francesca Rossini



Daniela è una ragazza semplice, chiusa nelle sue paure, goffa e timida. Sempre alla ricerca del principe azzurro, perennemente a dieta. Decide di creare un profilo social per conoscere qualcuno, nasce Gret@. Ha inizio la lotta tra due parti opposte di una personalità che si contendono lo stesso uomo. Chi ne uscirà vincitrice?

Eccomi pronta a parlarvi di un libro fresco di uscita in casa Triskell Edizioni, si tratta di “Io e l’@ltra me” di Francesca Rossini. È stata un bellissima scoperta, continuate a leggere e capirete perché.
“Mi piaci come amica”“sei dolce ma non sei adatta a me.”“Non cerco niente di serio, mi dispiace.”“ La verità è che sono la classica amica di tutti, ma che non si fila nessuno. Una sfigata”
La protagonista è Daniela, Dadi per gli amici, ha 32 anni, orfana di madre e padre sconosciuto, vive con la brillante nonna Bruna che si prende cura di lei. Dadi è la tipica ragazza single, segnata dalle delusioni, che fa un lavoro che non l’appaga appieno. Daniela è una lettrice come noi, romantica e sognatrice. È timida e riservata, arrossisce e suda quando è imbarazzata, è una pasticciona, perennemente a dieta … quella che si potrebbe definire una vera e propria sfigata.
 Così, un giorno, decide di uscire dal circolo vizioso della sua vita mainagioiosa (passatemi il termine) e di aprirsi al mondo dei social network per conoscere nuove persone. Crea un account fake su facebook, il suo nome è Gret@ e lì può essere come vorrebbe essere: sicura di sé, sfacciata e seducente. Tutto è più facile quando si sta dietro a uno schermo e a una tastiera, ma cosa succede quando il destino, beffardo, ci mette lo zampino? Non voglio svelare nulla, ma se volete darvi una risposta non dovrete fare altro che leggere questo libro. La storia è narrata dalla protagonista in prima persona e per questo diventa ancora più facile vestire i suoi panni, lo stile scorrevole e a tratti divertente non vi farà smettere di girare una pagina dopo l’altra fino alla fine.
“Credo sia il fatto di essere nascosti dietro un pc: è facile essere qualcosa di diverso da quel che si è, ma è anche più facile parlare  di se stessi, aprirsi come non si riesce a fare nella vita vera.”
Quante volte nella vita mi sono sentita inadeguata e sola come Dadi e quante volte ancora succederà? Ma altre volte, molte di meno lo ammetto, mi sono sentita come Greta, sicura e invincibile, soprattutto se protetta da un monitor. E a quante di voi non è mai successo? Daniela/Greta è un personaggio che mi è piaciuto molto per la sua dissacrante realtà, è imperfetta e quindi vera, ha ceduto alla debolezza, alla tristezza, ha provato a giocare a fare la dura, a sentirsi forte e sicura. Ma ad un certo punto si è trovata a non sapere più distinguere tra finzione e realtà, anche se ha tentato di tenere il suo alter ego separato da ciò che è la realtà quotidiana. E c’è solo un motivo per cui poi non ci riesce più… perché non puoi nasconderti da te stesso, prima o poi il tuo vero io sbuca fuori e ti fotte.
“Ora non sono più solo Dadi o solo Gret@. Sono l’unione di queste due me e chissà quante altre.”

Anche perché Daniela è una, in parte Dadi e in parte Greta, e la sua evoluzione nel corso della storia è straordinaria. Si dimostrerà forte più di quanto lei stessa non creda. E il finale poi l’ho trovato realistico e l’unico possibile adatto a questa storia. Questo romanzo è un grido di speranza per tutte quelle giovani donne che si sentono Dadi ma che potenzialmente sono Greta, ciò che conta davvero è essere sempre se stessi, amarsi  e crederci davvero.


Francesca Rossini è un’insegnante, vive nella provincia romana, sul lago di Bracciano. Da sempre scrive e illustra storie per i suoi alunni. Il suo primo romanzo Phoenix- operazione parrot, pubblicato nel 2014, è edito da Lettere Animate, cui a ottobre 2105 è seguito il secondo volume Phoenix-persecuzioni, sempre dello stesso editore. Ha anche pubblicato in self i romance ironici Mamma e papà sono single e Il maestro parla strano.


Nessun commento:

Posta un commento