Ultime recensioni

martedì 10 luglio 2018

UN IMPREVISTO DA FAVOLA di Ilaria Carioti


Gaia, nonostante le difficoltà cui la vita l’ha messa di fronte, non cessa mai di affrontarla con ottimismo e quel sorriso che la rende unica. Dopo l’abbandono del padre e la morte della madre, l’unico legame che le rimane è Giorgio, il suo adorato fratellino Down che ama più di ogni cosa e di cui si sente responsabile. 
Gabriel, soprannominato da tutti “principe”, è bello, forte, arrogante e… un trafficante efferato che vive sopra le righe. Due persone agli antipodi, due mondi paralleli che sembrano fatti di opposti, fin quando il destino non decide di incrociare le loro strade. 
L’uomo subisce un terribile incidente che gli devasta una parte del volto e l’anima. Costretto all’esilio, dalla legge e dalle ossessioni che lo perseguitano, si rifugia nella sua grande e confortevole dimora, iniziando una “non vita” fatta di solitudine. Tormentato dal fato crudele e dagli errori del passato, non si augura altro che trovare il modo per porre fine a un’esistenza inaccettabile.
Quando tutto ormai pare perduto, però, Gaia entra timidamente nella sua quotidianità, sconvolgendola.
Bisognosa di soldi per mantenere se stessa e Giorgio, non può rifiutare un’allettante proposta di lavoro, anche se si tratta di fare i bagagli e trasferirsi a casa del tanto temuto “principe” per un impiego da cameriera. Gabriel non potrà non provare curiosità per quella strana creatura che, nonostante i problemi, sorride a ogni nuovo giorno con un incomprensibile ottimismo. Gaia pur temendo la brutta reputazione dell’uomo, scopre allo stesso tempo di esserne attratta: il suo intuito le dice che non sia terribile come tutti lo descrivono.
Una favola moderna, liberamente ispirata a La bella e la bestia, dove due mondi diversi, personalità opposte, per uno strano scherzo del destino, si incontrano. La vita insegna che tutto può succedere e che la sostanza va oltre le apparenze, sempre.
Tutto ruota intorno a Gabriel e Gaia che non hanno niente in comune, hanno due caratteri completamente diversi, ranghi sociali opposti e non avrebbero mai pensato che potessero creare un legame.


“Qualcosa in me è cambiato da quando Gaia è entrata nella mia vita. Ho voglia di essere un uomo migliore e penso sempre meno a come farla finita”

Gaia é una ragazza tosta che nonostante la sua giovane età ha già vissuto una vita di sofferenze, ora deve badare a se stessa e a suo fratello e non può immaginare che grazie al suo bisogno di lavorare, porterà la sua vita ad un nuovo step. Da una parte Gaia si deve rimboccare le maniche per tirare avanti, dall'altra Gabriel che invece é benestante, non si deve sforzare per avere una vita agiata ma il “principe” non pensa a quanto è imprevedibile il destino che si abbatterà su di lui come un tornado.
Gabriel trova in Gaia la forza e la ragione per continuare a vivere cercando di riparare ai suoi errori. Riuscirà a riscattarsi e conquistare la fiducia della sua Bella?

  
“Ma a volte le cose capitano proprio per consentirci di mettere in discussione le nostre scelte, specie se sbagliate. Perché non torni a sognare?”

Il pov alternato è fondamentale perché permette al lettore di immergersi nelle vite dei due protagonisti prima separati e ignari del loro destino fino a farci godere il momento in cui le loro vite si intrecceranno. Il momento clou avviene quando Gabriel é costretto a scendere dal gradino più alto per imparare a convivere con una nuova parte di lui.  Non vi nascondo che ho provato grande soddisfazione in quell’attimo, sono convinta che la vita prima o poi si prende la sua rivincita quando meno ce l’aspettiamo.

Smosso dall’amore, Gabriel torna a vivere.  

La storia é ben scritta, il linguaggio è semplice e scorre che è un piacere.
Una favola Young Adult che lascia nel cuore la speranza che il mondo crudele in cui viviamo possa mutare e che una persona scossa dall’amore possa cambiare il suo modo di essere.

“Il segreto è non pretendere troppo dalla vita ma avere degli obiettivi per cui lottare ogni giorno”




Nessun commento:

Posta un commento