Ultime recensioni

mercoledì 12 dicembre 2018

SHADOWSONG di S.Jae-Jones



Perditi ancora in un mondo di bellezza e oscurità

 Sei mesi dopo essere riemersa dal Sottosuolo, Liesl si sta impegnando per promuovere, oltre alla carriera musicale del fratello, anche la propria. È determinata a concentrarsi sul futuro, senza pensare al passato, ma la vita nel mondo di sopra non è semplice. Suo fratello Josef è freddo, distante e riservato, mentre Liesl non riesce a smettere di pensare all’uomo misterioso che ha dovuto abbandonare oltre la barriera magica, colui che ha saputo ispirarle nel cuore una musica struggente e bellissima. Ma quando l’equilibrio tra i due mondi all’improvviso comincia a vacillare, Liesl dovrà fare ritorno nel Sottosuolo per risolvere un mistero che riguarda la vita, la morte… e il suo amato Re dei Goblin. Chi è? Da dove viene? Qual è il suo destino? Ora che il patto è stato infranto, il prezzo da pagare è altissimo: una vita per una vita. Se Liesl vuole davvero scoprire la verità, dovrà infrangere tutte le antiche leggi e sacrificarsi in nome di ciò che ama. Ma compiere questa scelta la renderà libera una volta per tutte o la condannerà per sempre?

Buongiorno Cosmo, è passato poco più di un anno da quando avevo letto e recensito Wintersong, il primo volume della duologia fantasy di S. Jae-Jones.
Oggi è la volta di Shadowsong, il libro che forse più aspettavo quest'anno!

   

Se in Wintersong, Liesl aveva compiuto un vero e proprio viaggio in un mondo parallelo al suo, in questo secondo capitolo il viaggio che affronterà sarà ancora più lungo e tortuoso di quello fatto per raggiungere il Sottosuolo.
Sarà un viaggio interiore che la porterà a conoscere sfaccettature del suo carattere che non sapeva nemmeno di avere.


Vedremo come Liesel affronta le conseguenze di ciò che ha fatto, lasciando il Sottosuolo e il suo amato Re dei Goblin, ha dato vita a un meccanismo che ha risvegliato le "Antiche Leggi" che adesso pretendono qualcosa "una vita per una vita".
Questo è sicuramente un libro molto emotivo, in cui le emozioni e le sensazioni di Liesl vengono fuori in maniera forte e reale.

"A volte, temo che infuri una tempesta
anche dentro di me.
Pazzia, ossessione, malinconia.
Musica, magia, ricordi.
Un vortice che ruota attorno a una verità che non voglio ammettere."

Verranno affrontati diversi temi importanti come l'abbandono, la fine di un amore, la perdita di una persona e anche aspetti come l'ansia, la follia, lo smarrimento.
Liesl, a un certo punto, si ritrova a non distinguere più quello che è reale da quello che non lo è, metterà in dubbio tutto ciò che ha vissuto chiedendosi se sia stato solo un sogno.
È come se avesse vissuto in una bolla, e questa bolla all'improvviso fosse esplosa, e lei adesso è lì che brancola nel buio in cerca di risposte, che molto spesso arrivano ma non risolvono i suoi dubbi anzi, li aumentano e la riportano nell'ombra.
Anche il titolo di questo libro "Shadowsong" ci fa capire che verranno raccontati i momenti bui che Liesl vive dopo quello che è accaduto in Wintersong.

«Cos’è reale?», mi chiede il Re dei Goblin.
Scuoto la testa. Non lo so.
«Sei tu a decidere cos’è reale, Elisabeth», risponde.
«E lo stesso vale per la pazzia. Se questo è reale o no non dipende da me, ma solo da te.
Dunque che cos’è? Cosa preferisci che sia?».


Attraverso Liesl rivedremo, seppur in minor modo, il Re dei Goblin.

Dimenticate il giovane austero dagli occhi uno blu e uno verde e fate spazio al mostro che è diventato.

Lasciare andare Liesl ha fatto sì che tutta l'umanità, che ancora viveva dentro di lui, sparisse.
Al suo posto adesso, solo crudeltà e desiderio albergano dentro il Re dei Goblin, dentro l'Erlkönig.
Eppure basta un semplice contatto con Liesl e il giovane austero riappare, torna in superficie per brevi istanti. Ma questo non basta e Liesl lotterà con tutta se stessa per riaverlo indietro.


"Li stringo entrambi:
il mio giovane austero e il Signore degli Inganni,
allo stesso tempo una cosa sola e due entità distinte.
L’Erlkönig sorride.
Il Re dei Goblin piange."

Nonostante questa sia la storia di Liesl, sarà spesso affiancata da due figure importanti per lei: suo fratello Josef e sua sorella Käthe.
Sono persone per cui Liesl nutre un affetto immenso eppure scopriremo che la loro unione non è sempre scontata.
Ritroveremo più volte Liesl a lottare per riavere indietro il rapporto con Josef, un bambino cresciuto troppo in fretta sul quale grava un peso enorme, una verità taciuta per troppo tempo, una verità che al momento giusto mescolerà le carte in tavola, rendendolo libero di fare una scelta che cambierà la vita a molte persone. 

«La musica è il nostro ponte, Liesl», mi spiega. 
«Suona, e resteremo per sempre insieme. Suona, e io ricorderò per sempre.
Te. La vita. Cosa significa amare.»

E poi c'è Käthe, una sorella che da sempre ha cercato di capire e comprendere le ragioni per cui Liesl fosse cambiata, che ha cercato in tutti i modi di contenere i danni e rallentare la distruzione di sua sorella.

"Cerca un’assoluzione o una nuova risoluzione,
 fa’ quello che vuoi, io sono stanca di reggerti il cuore.
Ridallo al Re dei Goblin, se proprio devi.
Non posso più farmene carico io."


  

Che dirvi di più se non che ho AMATO questa storia. Lo stile di S.Jae-Jones è incredibile, riesce a trasmettere tutto ciò che provano i personaggi in maniera vivida, ho percepito quasi come se fossero mie le paure e le insicurezze di Liesl.
Più volte mi sono ritrovata a sentirmi come lei. A sentirmi perduta in un mare di oscurità, lontana dalla luce. Ma è bello vedere come le nostre fragilità possano diventare la nostra forza.
In Josef ho ritrovato l'insoddisfazione che spesso è protagonista delle vite di tutti, almeno per una volta ci siamo chiesti "Ma che sto facendo? Da che parte sto andando?", è sorprendente vedere quanta umanità c'è anche in creature lontanissime da noi.
Nel Re dei Goblin ho visto una forza e un coraggio enorme, tanto grandi da diventare la chiave di tutto. Se non avesse fatto ciò che ha fatto sicuramente Liesl non sarebbe riuscita ad essere ciò che è, non sarebbe riuscita a ritrovare se stessa, nonostante tutto.

Shadowsong è sicuramente un libro non adatto a tutti, deluderà le aspettative di molti ma per me è in assoluto il DEGNO LIETO FINE e uno dei LIBRI MIGLIORI DEL 2018.

Aspetto con ansia una nuova storia che porta il nome di S.Jae-Jones


Per leggere la recensione del capitolo precedente, cliccare sull'immagine!!




Nessun commento:

Posta un commento