Ultime recensioni

lunedì 9 novembre 2015

LEI CHE AMA SOLO ME di Mark Edwards


Quando Andrew Sumner incontra la bella e indomita Charlie, pensa che finalmente le cose stiano cominciando a girare per il verso giusto per lui. La loro è una relazione intensa e passionale, ma presto Andrew inizia a chiedersi se per caso non stia perdendo la lucidità. Alcune cose spariscono dal suo appartamento. Ha la sensazione che qualcuno lo stia seguendo. E quando la sfortuna e la tragedia colpiscono i suoi amici e i suoi cari, Andrew è costretto ad affrontare un’inquietante verità...
Charlie è la ragazza dei suoi sogni o il suo peggiore incubo?
Con Lei che ama solo me Mark Edwards ci regala un’avvincente storia di gelosia, ossessione e morte.


Mark Edward ci fa entrare in punta di piedi in una storia d’amore alquanto fatale …
Quando Andrew Summer finalmente esce dall'ospedale in cui era stato ricoverato per uno spostamento della retina, si sente davvero solo. I suoi genitori morirono prematuramente in un incidente stradale e sua sorella Tilly è rimasta paralizzata, si sposta per mezzo di una sedia a rotelle e vive da sola con l’aiuto di Rachel, la sua assistente. Lui, invece, fu l’unico ad restare illeso. Ora che è cresciuto, vive da solo in un appartamentino e lavora come graphic web designer da casa …
Nessuno durante la sua degenza in ospedale era andato a fargli compagnia e quel senso di solitudine si è ulteriormente accentuato.


Non mi sentivo solo ma, anche se non volevo ammetterlo, ero stanco di non avere nessuno. […] Volevo una ragazza, volevo la compagnia, il sesso e l’amore, ed ero a un passo dal buttarmi sugli incontri online. Sarebbe stato il mio obiettivo per l’anno nuovo: trovarmi qualcuno. 

Ma proprio all’ospedale oftalmico incontra Charlotte\Charlie Summers, una bellissima ragazza dai lunghi capelli rossi che lavora proprio lì, e tra i due scatta il cosiddetto colpo di fulmine e al loro primo incontro ci scappa anche un bacio davvero appassionato. 
Andrew è innamorato perso di lei, non riesce a togliersela dalla testa e quando finalmente si ritrovano sembra che anche Charlie provi lo stesso per lui; non riescono proprio a fare a meno l’uno dell’altra. Fin da subito la loro è una storia fisica, fatta di passionalità e attrazione reciproca e, a poco a poco, Charlie diventa sempre più preponderante nella vita di Andrew… 
Prima dormendo quasi tutte le notti nel suo appartamento, poi cominciando a lasciare in giro per casa piccoli oggetti personali quasi a segnalare la sua presenza, e, cosa ancor più grave, cercando di orientare la vita di Andrew, sia sul piano lavorativo sia in quello affettivo, secondo il suo volere.

All'inizio sembra tutto davvero idilliaco, soprattutto i primi giorni della loro relazione sono entusiasmanti e appaganti, ma Andrew si rende conto che da casa sua spariscono alcuni oggetti che per lui hanno un valore affettivo, i contatti femminili sul suo profilo Facebook di giorno in giorno diminuiscono, ha la costante sensazione di essere pedinato e a tutti coloro che lui conosce accadono cose spiacevoli. Così Andrew comincia a ricredersi un po’ sulla figura che ha idealizzato di Charlie, si rende conto di sapere davvero poco sul suo passato e i suoi scatti di gelosia cominciano ad inquietarlo. Ma Charlie non è tutta difetti, tutt'altro … Sono stati proprio la sua “indomabilità” e spensieratezza a far breccia nel cuore di Andrew.

"[…] l’amore non è razionale o logico. Che deve essere così: come una tempesta tropicale, un uragano. Eccitante e distruttivo, imprevedibile. Diceva che quando due persone si amano devono darsi completamente. O tutto o niente. Non c’è spazio per nessun altro."

Quindi cosa fare?! A quanto sembra uno spirito maligno lo perseguita lasciandosi dietro una lunga e letale scia di sangue. I dubbi cominciano a farsi strada nella sua testa e l’unica certezza di Andrew è quella di amare Charlie incondizionatamente.



Mark Edward con pochi tocchi ha elaborato un thriller davvero angosciante ed essenziale, perché per stupire il lettore non c’è bisogno di aggiungere fronzoli. Un titolo semplice, ma di effetto, accompagnato da una copertina davvero accattivante e da una scrittura lineare e sobria.  
Il libro è scritto dal punto di vista di Andrew; la psicologia del protagonista è narrata basandosi per lo più sulla sfera emotiva, infatti, le emozioni che Mark Edward descrive sono davvero forti ed intense. Di conseguenza apprendiamo soltanto ciò che lui vede e pensa, permettendoci al meglio di immedesimarci in quanto sta succedendo e riflettendo su come ci saremmo comportati in una situazione del genere. 
Da quel fatidico incontro nasce una storia che, di pagina in pagina, si accresce e arricchisce di dettagli. Il modus operandi è quello caratteristico di chi soffre di gelosia morbosa, Andrew si ritroverà a fare congetture e a pensare come un poliziotto … Anche se, come scoprirà troppo tardi, la verità è molto più terribile di quanto aveva immaginato.

All'inizio pensavo di trovarmi la classica storia trita e ritrita, invece addentrandomi nella vicenda i capitoli si susseguivano freneticamente e in poco tempo mi sono trovata a finirlo, il fattore suspense gioca un ruolo importante. La conclusione è stata veramente impressionante e impensabile, un testo che ancora una volta ci insegna come l’apparenza spesso inganna. 

Mark Edwards scrive thriller psicologici ispirandosi a grandi autori come Stephen King, Ira Levin, Ruth Rendell, Ian McEwan, Val McDermid e Donna Tartt. Dopo aver raccolto fave, risposto a telefonate di reclamo per una società ferroviaria, insegnato l’inglese in Giappone e lavorato come direttore marketing, è ora uno scrittore a tempo pieno. Ha pubblicato una serie di romanzi gialli scritti a quattro mani con Louise Voss. The Magpies ha rappresentato la sua prima impresa “in solitaria”, con la quale è stato in vetta alle classifiche Kindle del Regno Unito per tre mesi. Dato il grande successo, il romanzo è stato rieditato e pubblicato da Thomas&Mercer nel novembre 2013. Lei che ama solo me è il suo secondo thriller. Attualmente Mark vive in Inghilterra con la moglie, i loro tre figli e un gatto fulvo.
Può essere contattato tramite e-mail all’indirizzo: markandloiuse@me.com
Twitter: @mredwards


2 commenti:

  1. La trama mi ha intrigato fin da subito e poi la cover è davvero bella *_* penso proprio che ci farò un pensierino!

    RispondiElimina
  2. Te lo consiglio!!!! Leggilo!!!! *-*
    E poi magari fammi sapere se è piaciuto anche a te! ;)

    RispondiElimina