Ultime recensioni

venerdì 27 novembre 2015

Stelle e strisce di Abigail Roux

Gli Agenti Speciali Ty Grady e Zane Garrett sono riusciti a fare l’impossibile: vivere alcuni mesi in pace e tranquillità. Dopo quasi un anno di problemi personali e professionali, finalmente vivono insieme senza liti, al lavoro tutto va liscio e sono entrambi felici, in salute e tornano a casa tutte le sere prima che faccia buio. Ma chiunque li conosca sa che una situazione del genere non è destinata a durare. Quando una telefonata uregente disturba il delicato equilibrio del loro mondo, Ty e Zane dovranno vedersela con un dramma familiare e un crimine sconcertante per salvare una vittima innocente prima che scada il tempo.
Dalle montagne del West Virginia a un remoto ranch del Texas che ospita ben più che bestiame e ricordi d’infanzia, Ty e Zane dovranno sconfiggere un inaspettato nemico e riportare la pace nelle loro vite.



Sarò di parte, ma adoro la coppia Ty e Zane! Sono personaggi riuscitissimi che prendono sempre più corpo con il passare dei libri che, come il buon vino, più si va avanti e più migliorano. 

La scrittrice è riuscita a creare una serie di libri sempre avvincenti dove l’evolversi della reazione dei protagonisti è lenta, ma costante e non manca di far sorridere. Come sempre, i nostri beniamini non possono mai stare tranquilli, come dice il capo MacCoy “la fatina delle rogne è passata di nuovo a farvi visita”.

Le vicende scorrono ad un ritmo serrato ricco di situazioni al limite del paradossale, battute ironiche e forti emozioni. Un vero mix esplosivo che tiene incollati fino all'ultima pagina.
Non voglio svelare nulla della trama perché il libro va letto per assaporarlo a pieno, basti solo dire che adoro il vecchio nonno Chester con il suo badile, il burbero Earl ed il patriarca Harrison, come sempre anche i personaggi secondari sono uno spasso anche perché la mela non cade mai lontano dall'albero.

Gli amanti della serie non potranno assolutamente farsi scappare questo nuovo capitolo dove Ty avrà a che fare con felini ben più grandi e pericolosi di Smith e Wesson, vai Whiskas che sei tutti noi!


«È buffo, sai?» disse Ty. «Quante cose sono cambiate.»«Che vuoi dire?»«Un paio di anni fa, a questo punto della serata, sarei stato nello sgabuzzino di quel bar con qualche sconosciuta.»Zane sbuffò e scosse la testa. «E adesso, invece, devi tornare a casa con me.»«No,» disse serio Ty, fermandosi e voltandosi per poterlo guardare. «Io non devo tornare a casa con te.»Zane sollevò un sopracciglio e inclinò la testa.«Io non vedo l’ora di tornare a casa con te. Anche se è solo per metterci a letto per guardare quello stupido show in televisione che ti piace tanto, non m’importa. Qualsiasi cosa io faccia, sono felice di farla con te.»
.
Ty era rimasto talmente concentrato su qualcosa di indefinito che aveva scorto tra l'oceano e la tempesta, da non accorgersi che Zane stava guardando lui e non il panorama di fronte a loro.
Quando le prime gocce avevano colpito la spiaggia, Zane si era voltato per tornare in stanza, ma Ty l’aveva afferrato e aveva cominciato a ballare un valzer con lui sotto la pioggia. Quando si erano fermati, le persone aveva applaudito dai loro balconi. Era stato il primo assaggio di come sarebbe potuta essere la sua vita con Ty quando fossero usciti allo scoperto.
.

Per la prima volta, stavano davvero parlando in termini concreti del loro futuro. Sapevano entrambi, in qualche modo, che volevano passare insieme il resto delle loro vite. Adesso li univa una forza solida, reale come le mani che gli premevano sulla schiena o le labbra che incontravano le sue ancora e ancora mentre facevano l’amore.

Nessun commento:

Posta un commento