Ultime recensioni

mercoledì 27 gennaio 2016

Lev (Shot Callers #1) di Belle Aurora


From the moment Lev Leokov spots the young woman hiding behind her hair in the middle of the gentleman's club, he can't take his eyes off of her.
For the very first time in his life, he is affected. Having been told his entire life that he can't process or understand emotion, he considers it a big deal.


When Mina Harris gets caught red-handed with a wallet that isn't hers, she falls apart. She's tired, lonely and hasn't eaten in days.



Lev offers her an ultimatum... A nice warm bed, a hot meal and a job, or the cops.



Mina takes her chances with Lev. 

After all, a person with nothing has nothing left to lose.









Lev è un altro splendido romanzo targato Belle Aurora che spero venga tradotto al più presto, perché anche chi non legge in inglese, deve avere il piacere di leggere di questa splendida storia d'amore tra Lev e Mina.

Mina è una povera e disgraziata ragazza di 24 anni, una senzatetto che vive per strada da più di sette anni.












La fame e la disperazione la portano a rubare il portafoglio di Sasha, che non è altri che il proprietario del night club Bleeding Hearts. Lev, il fratello nonché guardia del corpo, la segue e le fa restituire il portafoglio. Rimane sorpreso quando scopre che non era stata presa nemmeno una banconota e osservandola meglio comprende che chi si trova davanti ai suoi occhi è solo una povera ragazza indigente.

Un senso di protezione istantaneo lo travolge e decide che sarà lui a proteggerla e a darle una nuova opportunità di vita.
Mina si troverà sbalzata in una nuova dimensione, passa dal vivere in un piccolo angolo in una strada umida e nascosta, a vivere in un villa con camerieri e una famiglia russa affettuosa e unita...e coinvolta in qualche losco traffico. Sorpresa dopo sorpresa, ricostruirà la sua vita e troverà l'amore.

Scontato e banale ? Sbagliato!! Non potevo raccontarvi tutto il libro, altrimenti per voi non ci sarebbe stato nessun gusto nel leggere questo romanzo.
Due personaggi estremamente interessanti e diversi sono Mina e Lev.
Lei, per una situazione complicata si trova a scappare da casa della sua famiglia affidataria, trovandosi, giovanissima, ad affrontare ogni giorno per poter sopravvivere, nella speranza di trovare qualcosa da mangiare. Dietro la maschera di sporcizia e indigenza, si nasconde una giovane donna brillante e ricca di iniziativa, con un cuore grande e carattere da vendere.

















Lev, è il fratello minore della famiglia Leokov, dove Nastasia e Sasha hanno trovato il proprio posto: Nas lavora nel club del fratello, Sasha fa il broker e estorsore, Lev non ha mai dato quella sicurezza necessaria affinché gli si trovasse la giusta collocazione.
Fin da piccolo, ha dimostrato un carattere introverso, timido, al limite dell'insensibilità. Ma chi gli sta vicino sa che non ha nessun problema se non quello di non essere uguale agli altri, nel suo caso la diversità è essenzialmente caratteriale.

Dove per gli altri esprimersi è facile e spontaneo, Lev preferisce restare in silenzio e parlare solo quando necessario. E quando usa le parole, sono sempre glaciali e schiette, dice sempre solo la verità nuda e cruda. Peccato sia considerata una qualità anormale.

Lev desidera proteggere la giovane donna e donarle un futuro. La porta a vivere con sè e la fa lavorare come barista nel bar del fratello. In breve tempo, Mina sa come farsi ben volere da tutti, stringe una bella amicizia con Nastasia, aiuta Sasha a rendere competitivo il locale e diventa un punto di riferimento per la piccola Lidiya, figlia di Lev.

Piano piano, Mina e Lev costruiscono un bellissimo rapporto. Si raccontano i rispettivi segreti, la fiducia cresce reciprocamente. Mina decodifica il carattere di Lev e ne rimane affascinata ogni giorno di più.

Il quadretto familiare formato da Mina, Lev e Lidiya diventa quasi una certezza e il lieto fine sembra essere ad palmo di mano. Diciamo che i problemi non mancano e dovranno affrontare non pochi ostacoli per trovare il loro equilibrio.

Una storia decisamente inaspettata. Quando ho letto che Lev era un protagonista russo appartenente alla Bratva, immaginavo già una trama più sanguinolenta o quantomeno più violenta, non certo di leggere di un amore delicato, semplice, diretto e spontaneo come questo.


Ci sono dei momenti davvero divertenti, soprattutto quando è Lev a parlare. Il suo modo di essere diretto spiazzerebbe chiunque e mi sono ritrovata ad immaginare come avrei reagito io alle sue risposte taglienti!
“This is Mina. She was homeless. I found her. I’m keeping her.” 
 

Lo stile di Belle Aurora è una garanzia per qualsiasi romanzo esca dalla sua penna. L'inglese è facile quindi alla portata anche dei principianti. Andrei avanti per ore a tessere le lodi di questa opera, ma non credo lo gradireste, così è meglio se lascio lo spazio a voi e al vostro giudizio. Tornate da me quando lo avrete letto, confronteremo le nostre opinioni !!





Belle Aurora is twenty six years old and was born in the land down under. 

At an early age she fell in love with reading. Boredom one summer had her scouring the bookshelves at home. She stumbled across Sandra Brown’s Breath of Scandal and fell in love with romance.

Having been brought up in a loud and boisterous family of Croatian descent, she developed a natural love for dramatics and humor. Only some years ago had she discovered a new love. 

Humorous romance novels.
Kristen Ashley and R.L. Mathewson had opened a brand new world where she could lose herself yet feel safe and at home in their stories. Belle has been known to become a screeching banshee while anxiously awaiting their newest titles.
Belle never thought she would write. It had never interested her until recently. Friend-Zoned began to form and in February this year Belle typed the words Chapter One. And she fell in love.
With words.
With writing.
With a creative imagination she never knew she harbored.



Nessun commento:

Posta un commento