Ultime recensioni

domenica 3 gennaio 2016

Te lo dico sottovoce di Lucrezia Scali



Mia ha trent’anni, un passato che preferisce non ricordare e una famiglia da cui cerca di tenersi alla larga. Meglio stare lontano dalle frecciatine della sorella e da una madre invadente che le organizza appuntamenti al buio… Di notte sogna il principe azzurro, ma la mattina si sveglia accanto a Bubu, un meticcio con le orecchie cadenti e il pelo morbido. La sua passione sono gli animali e infatti, oltre a gestire una delle cliniche veterinarie più conosciute di Torino, Mia sta per realizzare un progetto a cui tiene moltissimo: restituire il sorriso ai bambini in ospedale attraverso la pet therapy. Il grande amore romantico, però, non sembra proprio voler arrivare nella sua vita. O almeno, così pensa Mia, prima di conoscere Alberto, un medico affascinante, e Diego, un ragazzo sfuggente che si è appena trasferito a Torino dalla Puglia. Cupido sta finalmente per scagliare la sua freccia: riuscirà a colpire la persona giusta per il cuore di Mia?





Mia ha trent'anni, vive fuori Torino; ha un lavoro che ama, Bubu il suo cagnolone pelosone con cui condivide la sua vita, e un sacco di persone intorno che le vogliono bene.

L'amore con lei non è mai stato gentile, l'ha fatta soffrire, l'ha presa a calci lasciandola vuota; ma non si è lasciata abbattere, il vuoto che le è stato provocato nel cuore l'ha riempito con la sua passione più grande, gli animali. E così si ritrova ad avere una delle cliniche per animali più famose di Torino e con mille progetti per la testa. Le due cose che ama di più del suo lavoro sono la Pet Therapy e il poter salvare animali indifesi dalle grinfie di chi li tratta male.


Tramite questi due progetti Mia incontra due uomini che, per quanto possano essere diversi tra loro, faranno breccia nel suo cuore; Diego, poliziotto pugliese avvolto dal mistero, e Alberto, dottore nella clinica dove la ragazza svolge la Pet Therapy e forse un pochino troppo sicuro di se. Due uomini, come dicevo, diversissimi tra loro, che la mettono in confusione su quello che potrebbe essere il più giusto per lei. Da una parte c'è Alberto, abile corteggiatore, ma inguaribile bugiardo; dall'altra Diego, riscoperto vicino di casa, dall'animo sensibile e tormentato.

"Mia, imparerai che la vita è una continua fonte di sorprese. Non serrare il tuo cuore, ascolta sempre gli altri e concedi loro seconde possibilità"

Destreggiandosi tra il lavoro, una madre invadente e poco affettuosa (nonché veramente poco simpatica), un paio di problemi con alcuni clienti della clinica e con cuccioloni da salvare, Mia riuscirà finalmente a fare ordine nella sua vita scegliendo di avere finalmente una vita felice, e una persona da amare accanto a se.

"Dicono che il cuore sia l'organo più potente al mondo, e il più fragile da rompere. Lo so che il tuo è stato spezzato tante volte, ma sono certo che può aggiustarsi. E lo sto dicendo perchè l'ho provato, perchè sono cominciato a guarire grazie a te"

Primo romanzo di Lucrezia Scali, che è stato pubblicato prima su Amazon come self, e poi riedito dalla Newton, Te Lo Dico Sottovoce racconta una di quelle storie che ti fanno sognare, che ti fanno capire che per quanto ti ritenga soddisfatta della tua vita, forse manca qualcosa per renderla ancora migliore. Ho amato le descrizioni dei personaggi, delle attività svolte da Mia dentro e fuori la clinica, il rapporto che instaura giorno dopo giorno con Diego e l'amore incondizionato che prova per Bubu; tutto raccontato in maniera così realistica da farti vivere con Mia ogni esperienza della sua vita, come se lo stessi vivendo tu sulla tua pelle.




Lucrezia Scali è nata a Moncalieri nel 1986 e qualche anno più tardi si è trasferita a Torino. Il suo amore per gli animali l’ha guidata fino alla facoltà di Medicina Veterinaria di Grugliasco, dove studia ancora. Dal 2012 gestisce un blog, Il libro che pulsa. Te lo dico sottovoce, suo romanzo d’esordio inizialmente autopubblicato, è stato nella classifica dei libri digitali per oltre tre mesi, finché non è stato scoperto dalla Newton Compton.


2 commenti: