Ultime recensioni

martedì 12 aprile 2016

SORPRENDIMI di Megan Maxwell


Un’autrice da oltre 60.000 copie in Italia
Dall’autrice del bestseller Chiedimi quello che vuoi

Björn è un affascinante avvocato di Monaco che affronta la vita con il sorriso sulle labbra. È un uomo risoluto, allergico ai compromessi e ai legami, che ama la compagnia femminile, il sesso senza inibizioni privo di risvolti affettivi. Mel è una donna volitiva e piena di iniziativa; dopo la morte del compagno, predilige rapporti occasionali dove i sentimenti hanno poco spazio. E, come pilota dell’esercito americano, è abituata a vivere al limite, sebbene la sua missione più impegnativa sia quella di crescere da sola la figlia. Ma quando il destino pone Björn e Mel uno di fronte all’altra, la tensione fra loro sale alle stelle. Eppure, quello che all’inizio sembra uno scontro destinato a diventare un vero disastro, a poco a poco finirà per trasformarsi in un’attrazione reciproca e irrefrenabile. Riusciranno due personalità così forti ed egocentriche ad amarsi senza farsi troppo male?







Il sesso lo rilassava, lo affascinava, 
ma una parte della sua vita era incompleta. 
Non l’avrebbe mai ammesso, 
ma nel profondo del suo cuore bramava
 quello che avevano i suoi amici
 Frida e Andrés, o Eric e Jud. 
Una vita sessuale intensa con un partner che amavano.
Tuttavia era un uomo esigente, 
e non gli bastava una donna qualsiasi. 

Björn, già un nome che provoca sospiri in chi ha già conosciuto questo uomo, questo avvocato, nella serie Chiedimi quello che vuoi, di Megan Maxwell.
Nel dubbio, prometto di non fare spoiler sulla precedente serie.

Björn Hoffman sa cosa vuole, sa come ottenerlo e, soprattutto, ama la vasta scelta di donne che gli ronzano attorno al Sensations, il luogo dove lui ama passare certe serate dopo il duro lavoro che lo ha aspettato durante tutta la giornata, lo stesso luogo dove ci si può spogliare di ogni inibizione per far prendere vita ai sogni più sfrenati, ai desideri più nascosti e, perché no, dove dare una bella scossa alla propria libidine.

Non ci si può aspettare altro da un uomo così.
Una persona con uno spirito competitivo e "lievemente" dittatoriale, un'indole che sembra spiccare ovunque vada  e, come se non bastasse, capace di celare un mondo dietro a quegli occhi che riflettono il cielo più limpido che possa esistere.
Mi dimenticavo di un piccolo particolare, un uomo dall'appetito notevole che, per merito di quello stesso aspetto così sexy, riesce sempre a soddisfare.

Melanie Parker Muñiz all'anagrafe, per gli amici Mel e per i suoi compagni di lavoro Tenente Parker, è una donna di quelle non solo sicure di sè tanto da mettere in soggezione talvolta certi uomini, ma, in contrasto con questo suo essere, nasconde dentro di sè un cuore fragile che raramente mostra al mondo, preferendo rivestirsi di una dura corazza che tanto abilmente sa portare sul lavoro, evitando il più possibile le delusioni.

Donna dal passato turbolento, cerca in ogni modo di rivestire al meglio il compito di madre, soldato, figlia e, nel tempo che passa, anche quello di donna, anche se non è facile trovare tempo per se stessi quando si è sempre impegnati a dare il meglio di sè in ogni cosa.

Quale migliore posto dove cercare una distrazione se non al Sensations?
Con un passato non proprio roseo ma che è servito a farle scoprire cosa le piace e cosa la fa rabbrividire di piacere, che cosa c'è di meglio di un posto che offre ristoro agli amanti delle sensazioni estreme?

Con un fisico come il suo, gli uomini sembrano pendere dalle sue labbra solo per uno sguardo e, dato il luogo in cui la donna si trova, perché no, per un po' di intimità data dal privè.


 «Fa’ finta di niente e sorridi. Sami ci sta guardando e ci crede».
Scoprendo che in effetti la piccola con la coroncina rosa era al suo fianco, sorrise e,
 rivolgendosi di nuovo alla madre, mormorò: 
«Che ne dici se la principessa mi cura anche qualcos’altro?»
«Il cervello, forse?».
Si fissarono con aria di sfida e Björn replicò a denti stretti:
 «Be’, non mi offendo mica se lo chiami così. E nemmeno lui, te l’assicuro».

Inevitabilmente i due incroceranno i loro cammini e abbandoneranno le loro maschere, ma dove?
Se in mezzo alla gente fra loro son fuochi d' artificio, figuratevi cosa accadrà dietro alle porte del più rinomato locale del peccato.

Giorno dopo giorno i due si ritroveranno invischiati in una relazione dove la passione sembra scoppiare in ogni dove e, in men che non si dica, insieme ad essa sembra mischiarsi qualcos'altro.

Alla resa dei conti, però, cosa accadrà? Una volta che ogni muro sarà stato abbattuto, non resteranno che due anime a fissarsi, a cercare nell'altro una comprensione di sè.
Non basta far faville sotto le coperte, avere i medesimi gusti e avere una chimica favolosa per fare in modo che tutto funzioni perché, se c'è una cosa su cui l'avvocato Hoffman non transige, è l'onestà e la sincerità.
Il problema? Mel ha un segreto che tiene gelosamente nascosto agli occhi di quell'uomo che riesce a farla sentire una donna completa, e quel segreto non è la figlia che Björn adora, anzi.


Non si aspettava di vederlo, e resta di sale quando lui dice:


«Per continuare quello che abbiamo lasciato in sospeso l’altro giorno, ma non chiamarmi “cretino”, sai che lo odio». 
«Sei impazzito?» 
«Sì, e anche un po’ eccitato».
«Ma sono le nove di mattina». 
«Un orario fantastico per buttarci sotto le tue lenzuola, o le mie», ribatté.  «Lasciami!». 
«Casa mia, o la tua. A te la scelta»


Megan Maxwell di sicuro sa come far alzare la temperatura in una stanza con poche agili mosse che lasciano tutte a farsi aria con una mano, gli occhi sognanti a guardare le pagine che si susseguono e ce ne ha dato prova con questo romanzo sul bellissimo avvocato su cui, in molte, avevano già puntato gli occhi.





Nessun commento:

Posta un commento