Ultime recensioni

martedì 23 agosto 2016

Dimmi di sì di K.A. Mitchell


Serie Sì o no?, Libro 1 

Kieran Delaney-Schwartz – informatico pigro e poco ambizioso per sua stessa ammissione – vive una vita nell’ombra secondo il motto “chi non fa non sbaglia”. I suoi fratelli, tutti adottati come lui, ottengono risultati al di sopra della media grazie ai loro genitori aperti e incoraggianti, ma Kieran ha deciso che se lui non crea aspettative, nessuno finirà per essere deluso. Sta navigando con leggerezza i suoi vent’anni quando viene travolto da Theo, affermato produttore di Broadway. L’uomo, che ha dieci anni più di lui, lo cattura per tredici mesi in un dolce turbinio. Il giorno di San Valentino, però, la loro armonia finisce dopo un’inaspettata proposta di matrimonio fatta con un flash mob a Times Square. 

Ora tutti vogliono partecipare al matrimonio, tranne gli sposi…
Tengo stretto a me il dolce ricordo di quando mio marito mi ha chiesto di sposarlo. Non è stata una proposta convenzionale e non c’è stato alcun anello, ma per me non poteva essere più perfetto di così.

Quello che conta, non sono dimostrazioni plateali, ma i sentimenti. Condivido la riservatezza di Kieran, probabilmente una proposta di matrimonio a Time Square con tanto di flash mob avrebbe sopraffatto anche me, ma il resto delle sue reazioni non mi hanno affatto trovata solidale. Certo, un anno di rapporto non è un lungo lasso di tempo, ma sei mesi di convivenza incidono sicuramente molto sulla conoscenza che hai di una persona. Non sono proprio riuscita a capire i dubbi che assalgono Kieran ed il suo non volersi sposare, il suo sentirsi intrappolato ed il suo continuo scappare davanti alle decisioni importanti. Va bene essere insicuri, riuscire ad essere all’altezza delle aspettative del “principe azzurro” del proprio partner non è affatto semplice, ma il problema di Kieran, a mio avviso, è il suo pensare di non riuscire a rendere la realtà all’altezza dei sogni di Theo quando, in verità essa è molto meglio di qualsiasi sogno solo perché possono stare insieme. Il personaggio di Theo è molto positivo, a volte può risultare troppo accomodante, ma il suo voler piacere sempre a tutti con la sua affabilità non è che la sua corazza contro il mondo così da non lasciar vedere il ragazzino greco insicuro che si è visto voltare le spalle dalla sua famiglia quando ha rivelato la sua omosessualità.
Insomma, si tratta di una lettura scorrevole, una commedia romantica che fa riflettere sui motivi per cui le persone decidono di stare insieme e poi sposarsi, una riflessione sull’istituzione del matrimonio e su ciò che esse può rappresentare per una coppia. Il tutto condito da uno stile fresco e ricco di battute, ma l’autrice, a mio avviso, avrebbe potuto maggiormente approfondire diverse parti come il difficile rapporto dei protagonisti con le rispettive famiglie.


Indipendentemente da quanto lui lo desiderasse e da quello che Theo prometteva, non potevano tornare nella bolla dove c’erano soltanto loro due, e Kieran non poteva vivere così, sentendosi come se non possedesse nemmeno la propria pelle, con tutti che scavavano a fondo nella sua vita. Non poteva vivere in attesa della fine, quando Theo si sarebbe accorto che la realtà non avrebbe mai potuto competere con i suoi sogni.

“Lo senti. Sai che è vero dentro. Ma tu vuoi che quello si rifletta all’esterno, cosicché tutti vedano ciò che tu sai di provare. Così puoi vederlo quando guardi te stesso”.


Nessun commento:

Posta un commento