Ultime recensioni

venerdì 28 settembre 2018

IL NOSTRO MONDO A PARTE di Lisa Arsani


Titolo: Il nostro mondo a parte
Autore: Lisa Arsani
Pubblicazione: Les Flaneurs Edizioni
Data: 27/09/2018
Genere: Romance New Adult

Zaccaria vive una vita a metà. 
Un incidente gli ha portato via le sue sicurezze. 
Leni, invece, vive per due. Una grave malattia le ha strappato la gemella e un pezzo di anima.
Entrambi conoscono il dolore della perdita e hanno blindato i loro cuori: Leni ha il terrore di lasciarsi andare e di ritrovarsi da sola un'altra volta, mentre Zac è convinto che nessuna donna potrà mai più desiderarlo.
Ma l'amore sceglie vie traverse e, come il destino, non può essere fermato.
E ciò che sembrava perduto per sempre tra le macerie dei loro mondi distrutti forse ne costruirà uno nuovo. Solo per loro.
Oggi vi parlo del nuovo romanzo di Lisa Arsani: Il nostro mondo a parte, un altro capolavoro edito da Les Flaneurs Edizioni. Ho conosciuto questa autrice grazie al suo precedente romanzo (La neve che accarezza le camelie) e mi sono subito innamorata della sua scrittura, che anche in questo caso non ha smentito le mie aspettative ed è riuscita, ancora una volta, a toccare le corde della mia anima. Questo romanzo è quanto di più toccante ed emozionante si possa immaginare. I protagonisti sono due giovani ragazzi la cui vita ha riservato un dolore immenso: entrambi subiscono il peso di una perdita. Zaccaria, a causa di un grave incidente che gli ha lasciato segni indelebili sul corpo, subisce le ripercussioni fisiche e psicologiche causategli da questo trauma. Da quando la sua vita è stata spezzata vive in uno stato di perenne insicurezza e disagio, sentimenti che lo allontanano dal mondo esterno, che lo rendono immeritevole di attenzioni altrui. Il suo cuore è una fortezza in cui la sua anima si è trincerata. Ma lui non sa che le la sua vita sta per cambiare, che uno sguardo, un gesto, una parola, possono spezzare quelle catene che con tanta premura si è allacciato intorno al cuore, solo perché la convinzione di non essere abbastanza e di non meritarsi l’amore è stata più forte della voglia di ricominciare a vivere.


“Con lei vicino ho come l’impressione che il carico che mi porto dietro sia fatto di piume invece che di pietre”

Leni sta ancora cercando di accettare la morte di sua sorella Maike, l’altra metà della sua anima, e ora si sente spezzata in due, sospesa tra la paura di dimenticarla e il senso di colpa a vivere una vita che fino a un attimo prima era costellata di progetti da condividere insieme, e per questo cerca in tutti i modi di colmare il suo vuoto e lenire i sensi di colpa vivendo non solo la sua vita, ma anche quella che sognava sua sorella, con i suoi tanti progetti e i suoi impegni nel sociale, quasi fosse un modo per tenere stretto il suo ricordo, per permettere a Maike di continuare a vivere nonostante la sua assenza fisica.  E questo fa di lei una ragazza determinata e intransigente che va dritta per la sua strada senza lasciare spazio ai sentimenti. Ma quando i suoi occhi incontrano quelli di Zac qualcosa le si smuove dentro. Non è solo attrazione fisica, è qualcosa di più importante, è come guardarsi allo specchio e riconoscere quello stesso dolore e quella stessa mancanza.


“Conosco bene il dolore della perdita. Certo, non quella del corpo, ma la morte di Maike mi ha strappato via metà anima. Ha sanguinato e ancora continua, come carne viva.”

Entrambi si aggrappano l’uno all’altra, in una condivisione e unione reciproca che a parer mio è stata la forza motrice di questo splendido romanzo: Leni cercherà in tutti i modi di aiutare Zac a sconfiggere le proprie paure e insicurezze con una pazienza e una delicatezza fuori dal comune. Gli insegnerà pian piano ad amare di nuovo, ignorando il fatto che con questo suo impegno, sta di nuovo spalancando le porte del suo cuore a qualcuno.


“Poi Zac si scioglie dall’abbraccio. Lo scudo caldo del suo corpo, il suo profumo e l’eco dolce delle sue parole si allontanano. E all’improvviso non sono più sicura di riuscire a fare a meno di lui per così tanto tempo. E non sono più sicura che tra noi due a stringere più forte fosse lui.”

Zac, nonostante la paura di cedere del tutto a questo sentimento, non può fare a meno di Leni. Pian piano riuscirà a farsi spazio nella piccola metà di cuore che tanto le manca, riuscendo a occupare quello spazio vuoto. Entrambi stanno percorrendo una strada lastricata di difficoltà emotive, ma comunque sempre l’uno accanto all’altra. Innamorarsi è inevitabile, ed è forse questo il più grande ostacolo da superare per Leni: l’idea di poter essere felice, nonostante creda sia sbagliato.


“Per alcuni istanti restiamo a fissarci. Le macchie d’inchiostro delle nostre pupille che in silenzio raccontano del nostro desiderio. Poi le sue labbra sfiorano le mie, solo per una frazione di secondo. Ma sembra invece che la Terra abbia ruotato sul proprio asse.”

Dire che ho adorato questo romanzo è poco, la penna di Lisa Arsani è pura poesia, ti entra fin sotto pelle e arriva dritta al cuore: ha costruito due personaggi la cui alchimia e sintonia è talmente palpabile e reale che non puoi fare a meno di emozionarti ad ogni pagina. I personaggi sono caratterizzati alla perfezione, ognuno con la propria identità, il proprio percorso, le sue peculiarità e differenze, tutte caratteristiche che li rendono vividi e reali nella tua mente. Zac è un cavaliere dall’armatura scintillante, la sua corazza forte, il suo fisico imponente, la sua spavalderia che quando esce intriga e stupisce, nascondono un animo fragile. L’autrice è riuscita a renderli umani ai miei occhi. L’amore tra Zac e Leni è un continuo crescendo, Lisa ti rende partecipe, pagina dopo pagina, di un amore che sboccia piano, quasi timido e impacciato ma che poi proseguendo la lettura diventa talmente grande ed emozionante da non riuscire a contenerlo in un cuore solo. Zac e Leni sono due personaggi complementari, due metà di un intero spezzato che non possono fare a meno di calamitarsi a vicenda per la sintonia che intercorre tra le loro anime.


“Ci stringiamo, così forte che ho quasi paura che finiremo per farci a pezzi, ma invece il nostro abbraccio li rimette tutti al loro posto.”

I loro giochi di sguardi, le loro carezze intime e delicate, i piccoli gesti che quotidianamente regalano l’uno all'altra ti fanno innamorare perdutamente di questa storia. L’autrice attraverso la sua penna delicata e coinvolgente ti mostra l’anima dei personaggi e per questo non puoi fare a meno di affezionarti a loro. Quello che più mi ha colpito è il modo in cui ci viene mostrato il percorso emotivo e psicologico dei singoli protagonisti e l’evoluzione della loro storia personale, dando così la giusta importanza e il giusto spazio alle loro problematiche e riuscendo, in questo modo, a creare quel legame profondo e invisibile tra lettore e protagonista. Nonostante in questo romanzo le tematiche affrontate siano emotivamente impegnative, Lisa Arsani lascia anche spazio all’ironia dei protagonisti e a una sdrammatizzazione che rende più leggero il tutto. La sua prosa così delicata, armoniosa e romantica rende la lettura scorrevole, frizzante e appassionante. Questo romanzo parla di un sentimento che come un fiore delicato riesce a sbocciare tra le crepe dell’asfalto, che resiste alle tempeste della vita. Questa non è una semplice storia d’amore, ma è qualcosa di più profondo e intimo, è una storia di condivisione e unione, di legami profondi, di gesti piccoli ma infinitamente potenti da far cambiare la prospettiva e il corso della vita. Il legame tra Zac e Leni è qualcosa che va al di là della semplice attrazione fisica, è un sentimento che scuote l’anima, che mette radici profonde in un terreno ostile e che supera ogni tipo di barriera e apparenza.  Un romanzo toccante, che fa riflettere e che emoziona. Questa storia è l’esempio lampante di quanto i sentimenti siano potenti, di come possano abbattere muri ed eliminare ogni tipo di pregiudizio, la dimostrazione effettiva che l’amore basta a compensare ogni forma di mancanza. Zac e Leni, nonostante siano ancorati ognuno al proprio mondo fatto di paure e solitudini, con un'inconsapevole ostinazione alimentata dall'amore che li unisce, daranno forma a una dimensione in cui coesistere, dove non ci sarà più spazio per i rimorsi e le insicurezze, ma in cui ci sarà solo lo spazio necessario a non contenere altro che loro due e il loro mondo a parte.



1 commento:

  1. Buongiorno! Il mio lo è di sicuro con una recensione così bella! Grazie di cuore Erika! Non sai che felicità nel leggere le tue parole!

    RispondiElimina