Ultime recensioni

mercoledì 23 settembre 2015

PERFETTA PER TE di Lauren McGee



Lui è perfetto: alto, bello, ricco e di successo. E allora perché mai dovrebbe rivolgersi a un'agenzia di dating? Sandra non ne ha proprio idea, ma visto che le hanno appena stroncato una promettente carriera nel marketing cerca disperatamente di mettere a frutto il suo innato talento nel giudicare le persone per coronare i sogni d'amore altrui. Ma quando incontra il suo primo e molto promettente - cliente, si chiede in che pasticcio è andata a ficcarsi. Blake, dal canto suo, sa esattamente il tipo di donna che vuole, e che è esattamente l'opposto di Sandra. Lei è indubbiamente brillante e innegabilmente sexy, ma è troppo indipendente per un uomo come lui. Certo, ogni volta che si vedono scatta qualcosa, anche Sandra lo sente e l'idea di cercargli candidate adatte al ruolo di moglie diventa sempre meno attraente, a mano a mano che aumenta l'attrazione fra loro due


Perfetta per te, è un romanzo carino, saporito al punto giusto e ironico allo stesso tempo. Non pensate sia uguale alla serie dei contratti della Probst, anche se nella presentazione c’è scritto se avete amato la serie dei contratti e le sfumature, perché i romanzi della Probst sono un’altro paio di maniche… e le sfumature… beh, lasciamo perdere con quel film hanno rovinato l’intera trilogia, parere mio, ovvio.
A quanto ho capito è stato scritto a quattro mani da Laurelin Paige e Kayti McGee e ne è uscito Laurelin McGee. La prima nota per la serie dei romanzi della Fixed trilogy, noti i primi due in Italia con il titolo Sei la mia ossessione e Sei il mio rifugio. Ammetto, questo romanzo mi ha ricordato tanto Lady Cupido di S. E. Phillips, infatti come nel romanzo della SEP, anche in questo abbiamo a che fare con un’agente matrimoniale che ha a che fare con uno scapolo in cerca di una moglie che rientri nei suoi canoni, una Miss Match. 

Iniziamo con il parlare della protagonista, Sandra o Alex, il protagonista per infastidirla li userà entrambi, ma in situazioni diverse, come la si voglia chiamare, lei preferisce Sandra. Sandra Dawson è single, senza più un lavoro, il suo unico e precedente è stato alla Max Ellis, ma per un diverbio di condizione epiche è stata licenziata diciamo pure che l’ha combinata grossa, non ha una propria e vera esperienza lavorativa, ma nel suo lavoro è davvero brava. Vive con la sorella minore e deve trovarsi un impiego al più presto, infatti la sorella la sottoporrà ad accettare il lavoro d’agente matrimoniale per il signor Donovan, Sandra non è molto contenta a tal proposito, ma ci sono bollette da pagare, devono mangiare, così contro ogni sua volontà si presenterà al colloquio…

Donovan, il suo futuro capo/cliente è un gran figo, di quelli che ti fanno dimenticare il proprio nome. Quindi si focalizza su tutti i difetti di lui, solo così sarebbe sopravvissuta al colloquio. Donovan apparve interessato al colloquio e le spiega che era l’unica candidata che si era presentata senza proporsi come moglie, per questo motivo l’avrebbe assunta.

Blake Donovan è un uomo di 35 anni che non lascia trapelare nulla di se, nessuna pecca, nessuna debolezza, ma con il sfogliare le pagine scopriremo qualcosa di lui che ci farà sorridere, ad esempio è un amante dei flipper, nonostante non ami gli animali faticherà a separarsi da cucciolo che poi infatti terrà, è un uomo che legge e adora Downtown Abbey.

Blake rimane senza parole nel vedere Sandra come Alex Sandra Bullock Dawson di Corpi da reato, quella donna è diversa da tutti i suoi canoni estetici e non. Iniziava a trovare tutti i pregi nonostante i difetti che l’accompagnavano, dalla fossetta sulla guancia al suo corpo. 

Per esempio, non capiva se aveva voglia di baciarla o strozzarla. Di scoparla o licenziarla. No, questo lo avevo capito. La voleva intorno. La voleva vicino. Era irritante, illogica, femminile e assolutamente fantastica.

Con il passare dei giorni a stretto contatto con lei, inizia ad apprezzare persino i litigi, dal momento che gli riempiono ogni volta la patta dei pantaloni. Sandra è fuoco puro. Come da contratto lavorativo gli organizzerà appuntamenti con delle presunte future mogli, ma ogni volta si troverà a rifiutare un secondo appuntamento e non vi saranno neanche baci, perchè dopo il primo bacio scambiatosi con Sandra, lui non vorrà altro che lei. Lei e il suo sapore.

Non si stava solo legando: si stava innamorando e di brutto.

Inizierà così un rapporto a stretto contatto tra le mura del suo ufficio… Fino a quando entrambi non si accorgeranno d’essere innamorati l’uno dell’altra, ed è tutto così giusto e sbagliato allo stesso tempo.
Per colpa di un malinteso vi sarà anche una delusione d’amore…

Stava annegando nella sua essenza, eppure non si era mai sentita così ancorata.

Consiglio la lettura di questo romanzo. Non è impegnativo e può piacere a chi apprezza il genere. Sicuramente il secondo romanzo della serie sarà su Lacy la sorella minore di Sandra, la musicista…


Nessun commento:

Posta un commento