Ultime recensioni

giovedì 26 maggio 2016

TI PREGO, NON DIRE NIENTE di Silvia Carbone e Michela Marrucci




Ti prego non dire niente

di Michela Marrucci e Silvia Carbone
Casa editrice Compagnia editoriale Alibert

Genere: New Adult (romanzo breve)

Data di uscita: 25 maggio 2016

N. pagine 86

Formato: Ebook

Isbn: 9788893230827

Lisa Rogers ha ventiquattro anni e fin da piccola vive nel ranch degli Smith, dove la madre faceva la governante. Da sempre unica ragazza del gruppo dei cowboy di “Shooters”, Lisa considera tutti come fratelli maggiori… tutti tranne Liam Parker. Quest’ultimo, però, per poter realizzare le sue ambizioni, sarà costretto a fare delle scelte e ad allontanarsi da Lisa. Dopo un'assenza di due anni, Liam ritornerà a Hardin e dovrà fare i conti con i sentimenti e le emozioni che lo legavano a Lisa. Lei non è più la ragazzina spensierata che ha lasciato. È cresciuta ed è diventata una donna bellissima dalla quale è difficile star lontani. Battute al vetriolo e rancore caratterizzano il loro nuovo rapporto: il segreto che custodisce Lisa potrebbe allontanarli per sempre. “Ti prego, non dire niente” è lo splendido e frizzante spin-off di “Nel calore del tuo corpo”.

Questo romanzo breve, come specificato anche nei ringraziamenti delle due autrici, è nato su specifica richiesta di tutte quelle persone che, una volta terminato "Nel calore del tuo corpo", volevano sapere a tutti i costi cosa ne sarebbe stato dei due cooprotagonisti.
Che Lisa e Liam fossero fatti per essere una coppia, lo si era capito già alla loro prima apparizione l'uno affianco all'altra.
Scontato, penserete voi, e invece...
... invece le due autrici hanno spiazzato tutti cominciando questo spin-off con l'unica ipotesi che nessuno avrebbe mai preso in considerazione.
Lisa e Liam non sono una coppia felice, o meglio, lo sono stati ma all'inizio di "Ti prego, non dire niente" si trovano lontani, sia dagli occhi che dal cuore. 

E non è l'unica sorpresa che attenderà il lettore durante la lettura di questo romanzo breve perché le motivazioni che hanno portato i due amanti su strade diverse saranno come un fulmine a ciel sereno, in primis per Liam, da sempre convinto di essere stato lasciato dalla donna di cui era innamorato per il solo fatto di non essere abbastanza per lei.
Si voltò e guardò con intensità l’amico che l’aveva aiutata nei suoi momenti di sofferenza. «Devi promettermi che non gli dirai nulla.»
«Non pensi sia arrivato il momento di dirglielo tu stessa?»
«No Riley, e devi promettermi che non sarai nemmeno tu a farlo.»
«Quando lo saprà, mi ucciderà.» Sospirò l’amico.
Il battesimo di Archer, primogenito della coppia protagonista de "Nel calore del tuo corpo", segna per Liam e Lisa un momento di forte impatto.
Entrambi hanno delle convinzioni su quelli che sono stati per l'altro i due anni passati a comportarsi da estranei. Rivedersi e affrontare il fatto che la vita è andata avanti sembra quasi impossibile. 
Il lettore si sentirà una pallina da ping pong, un attimo prima Team Lisa, quello dopo Team Liam, per poi tornare al punto di partenza.
Credo che risieda proprio in questo la riuscita dell'impresa delle autrici, non sarà possibile schierarsi dalla parte di uno piuttosto che dell'altro...
... è stato comunque bellissimo imprecare di tanto in tanto durante le loro scelte, apparentemente incomprensibili.
Liam sospirò e si protese verso il suo viso. «Sei silenziosa, che succede? Siamo io e te, Lisa. Abbiamo sempre parlato di tutto senza imbarazzi e mi manca da morire. Tu mi manchi da morire.»
Quelle parole ebbero l’effetto di una morsa che le fece contrarre lo stomaco perché erano vere. Ogni frase pronunciata da lui aveva una sfumatura malinconica.
«Mi sei mancato tanto anche tu» ammise in un sussurro.

C'è chi ha storto il naso leggendo il numero delle pagine, eppure vi assicuro che succede molto più in questo romanzo breve che in molti altri romance.
Ed ecco che a questo punto della storia arriva un altro colpo di scena: i ruoli si invertono nuovamente, le carte in tavola vengono mischiate.
Questo è il momento per i protagonisti di chiedersi cos'è la felicità e qual è il posto giusto per raggiungerla.
Nessuno di noi vuole diventare cowboy professionista e coronare il sogno di una vita, eppure grazie al modo in cui vengono riportate le riflessioni di Liam si percepisce l'urgenza della scelta.
Non abbiamo un aereo da prendere per tornare di corsa al ranch, eppure viene voglia di prendere una valigia e aiutare Lisa a buttarci tutto dentro.
La rabbia e il risentimento si mischiano alla passione regalando momenti di una sensualità incredibile.

In quanto romance, l'happy ending è obbligatorio, ma anche sul finale le due autrici hanno voluto farci una piccola sorpresa.
Preparatevi anche questa volta ad urlare a gran voce "Vogliamo il prossimo!"
Il futuro che attendeva il ranch Smith era ancora tutto da scrivere.






1 commento: