Ultime recensioni

giovedì 23 giugno 2016

PUNK 57 di Penelope Douglas

Autrice della serie Fall Away series, torna alla ribalta in America con un nuovo romanzo, intitolato Punk 57, un nuovo new adult.

Il 20 settembre torna negli States Penelope Douglas con un nuovo romanzo stand alone e per voi le Cosmo hanno tradotto la sinossi.
Curiosi di saperne di più?
Continuate a leggere



Eravamo perfetti insieme. Fino a che non ci siamo conosciuti.

Misha

Non posso fare a meno di sorridere alle parole scritte nella lettera. Lei mi manca.

In quinta elementare la nostra maestra ci abbinò con un amico di penna proveniente da un'altra scuola. Pensando che fossi una ragazza, chiamata Misha, l'altra maestra mi mise in coppia con una sua studentessa, Ryen. La mia insegnante, credendo che Ryen fosse un bimbo come me, accettò.

Non c'era voluto molto per noi per capire lo sbaglio. In un batter d'occhio, noi discutevamo su qualsiasi cosa. dalla pizza da asporto, ad android contro iPhone, indipendentemente dal fatto che Eminem fosse il migliore rapper...

E questo fu l'inizio. Per i seguenti sette anni, quelli eravamo noi

Le sue lettere son sempre scritte con l'inchiostro argentato su di una carta nera.
Certe volte ne arriva una a settimana, altre volte tre al giorno, ma comunque ho bisogno di questi scritti. Lei è l'unica che mi tiene in riga, mi calma, e mi accetta per come sono.

Abbiamo solo tre regole: niente social media, nessun numero di telefono e nessuna foto. Stavamo andando bene, allora perché rovinare tutto?
Questo prima che mi imbattessi in una foto online, raffigurante una ragazza. 
Il suo nome è Ryen, ama la pizza di Gallo e adora il suo iPhone. 
Quali sono le possibilità che possa essere un'altra ragazza?

Che se ne vadano al diavolo le regole, ho bisogno di incontrarla.
Non credo di poter odiare ciò che troverò.

Ryen

Non ha scritto per tre mesi. Qualcosa non va. Era morto? Era stato arrestato? Conoscendo Misha nulla sarebbe stato strano.

Senza lui attorno sto diventando matta. Ho bisogno di sapere che ci sia qualcuno che mi ascolti. Questa è la mia unica colpa. Avrei dovuto farmi dare un numero, una sua foto o comunque qualcosa.

Lui potrebbe essersene andato per sempre.

O stare proprio sotto al mio naso e io non l'avrei mai potuto sapere.




Nessun commento:

Posta un commento