Ultime recensioni

mercoledì 8 giugno 2016

PAURA,SPERANZA E BUDINO DI PANE di Marie Sexton

Seguito di Fragole per dessert 
Parte della serie Coda 
Le famiglie dovrebbero allargarsi, non restringersi. Jon Ketcher lo pensava ancora prima di convolare a nozze con il compagno, il milionario Cole Fenton. Ora che sperano di adottare, Jon e Cole cercano una futura mamma che lasci a loro un figlio da amare, ma l’attesa interminabile li sta snervando. 
Jon è vicino a suo padre, George, ma prima di Cole, non aveva nessun altro. Ora George sta spingendo Cole a riconciliarsi con la madre lontana. Quando i tre passano il Natale con lei a Monaco, i risultati sono disastrosi. Jon e Cole riescono a restare ottimisti, ma non c’è speranza senza paura, e non possono fare a meno di chiedersi se per loro il sogno di diventare genitori sia semplicemente destinato a non avverarsi.

Probabilmente non sono la persona giusta per recensire un libro che affronta la delicate tematica dell’adozione, ma non posso rimanere indifferente allo stile dolce ed emozionante che caratterizza questa storia. A differenza dell’alto tasso di passione che contraddistingue solitamente i libri di Marie Sexton, qui viene messo in risalto il lato emotivo della relazione tra Jon e Cole, il loro desiderio di diventare genitori. L’intera storia viene narrata dal pov di Jon, ma delle mail scritte da Cole ed indirizzate a Jared permettono un maggiore approfondimento anche del suo punto di vista. Inoltre vi è un breve intermezzo dedicato a George, il padre di Jon e a Grace, la madre di Cole.
Ho veramente trovato estremamente tenero e vulnerabile Cole, con le sue insicurezze ed il suo pesante bagaglio emotivo. L’atteggiamento di Jon nei suoi confronti, il riuscire a capirlo e a supportarlo in ogni occasione, rende davvero speciale il loro rapporto.
Un racconto toccante, emozionante, ma a tratti anche divertente come solo i personaggi della serie Coda di quest’autrice sanno essere. 
Alla fine, la cosa veramente importante non è vincere la paura, ma non permettere che essa ci precluda la speranza. Speranza è il nome che ha questa storia, solo leggendola potrete appieno assaporare la vasta gamma di emozioni che attraversano i protagonisti nella lunga e dolorosa strada per il coronamento del loro sogno. Il grande cuore di Cole riuscirà finalmente a trovare più di una nuova persona da amare, viziare e per cui cucinare i suoi magnifici manicaretti.


Paura e speranza si bilanciavano a vicenda, due facce della stessa moneta. La immaginai mentre veniva lanciata in aria, girando e rigirando fino a raggiungere il picco del suo arco, per poi ricadere. Turbinava nel vuoto, mostrando un’alternanza di splendide aspettative e dell’ombra scura della delusione. Nessuno poteva sapere quale faccia avrebbe prevalso.

 “L’unica cosa che hai sbagliato l’ultima volta è stata provare a essere qualcuno che non sei.” 

“Volevo che le piacessimo.” 

“Lo so, ed è perfettamente comprensibile, ma non eri tu. Non te ne è mai fregato niente di ciò che pensa la gente, perché non avevi niente da perdere. E la maggior parte delle volte funziona. Riesci a conquistare le persone, e quando non ce la fai li mandi a farsi fottere, fine della storia.”

Era come se qualcuno fosse entrato nel mio corpo e avesse tolto il cuore, per poi metterlo tra le braccia di Cole sotto forma di una bambina urlante con il volto rosso.


MARIE vive in Colorado. Le piace più o meno tutto quello che riguarda giovani uomini muscolosi impilati l’uno sull’altro. In particolare ama i Denver Broncos e le piace andare alle loro partite con il marito. Spesso sono accompagnati dai suoi amici immaginari. Marie ha una figlia, due gatti e un cane. Tutti loro sembrano impegnati a distruggere ogni residuo brandello della sua sanità mentale. Lei li ama comunque.



Nessun commento:

Posta un commento