Ultime recensioni

lunedì 17 dicembre 2018

Notti tranquille di Mary Calmes



Serie Storie di Mangrove
Kelly Seaton conduce una bella vita. Ha un’impresa di giardinaggio, una bella casetta e un migliore amico, Cosimo Renaldi, con una famiglia eccentrica che lo ha adottato trattandolo come se fosse uno di loro. Certo, la notte si sente un po’ solo ma è un buon compromesso, e Kelly non può rischiare di rovinare tutto lasciando trasparire di volere di più, di aver sempre voluto di più, da parte di Coz.
Poi il passato di Kelly arriva in città, portando con sé brutti ricordi e sentimenti feriti che iniziano a trascinarlo a fondo, e Coz non capisce perché l’amico non gli permetta di donargli sostegno e forza, come Kelly ha sempre fatto per lui. Hanno già affrontato una guerra, il terribile incidente di Coz e il doversi reinventare una vita a Mangrove, in Florida. Perché non dovrebbero finalmente affrontare i loro trascorsi tormentati per costruire un futuro fatto di notti tranquille… insieme?

Con questa seconda novella, dopo “Giorni nel blu”, torniamo in quel di Mangrove, Florida. Questa volta il protagonista è Kelly, già marginalmente incontrato in precedenza in quanto aveva sistemato il giardino di Dwyer e Takeo, ex militare adottato dalla famiglia dell’ex commilitone Cosimo, Coz. Ovviamente Kelly è segretamente innamorato dell’amico, ma non fa alcuna mossa per paura di perdere l’unica famiglia che gli è rimasta.
La trama non ha nulla di molto originale, ma la penna di Mary Calmes riesce comunque a coinvolgere il lettore e trasportarlo nella vita di Kelly. Nonostante si tratti di un libro di una settantina di pagine, non gli manca nulla. Abbiamo uno spaccato della vita di Kelly, del suo presente fatto di lavoro e partener occasionali più l’affetto del migliore amico Coz e della sua famiglia. Ma veniamo edotti anche del suo passato, del suo coraggio nel salvare la vita a Coz in guerra, del fatto che la sua vera famiglia l’abbia ripudiato e che si è arruolato per sfuggire all’ennesima delusione amorosa che si ripresenta giusto a Mangrove nei panni del nuovo collega della sorella di Coz.
Si può parlare di una storia a cottura lenta in quanto vi sono riferimenti al fatto che Kelly e Coz si stiano girando intorno da anni, ma nei fatti il loro passare da amici ad amanti è piuttosto veloce. Mi spiace che il personaggio di Coz sia stato un po’ penalizzato dall’unico pov di Kelly, ma è comunque ben delineato e non rimane relegato sullo sfondo. Anche la madre e la sorella di Coz non rimangono meri personaggi secondari, bucando le pagine con la loro personalità e coinvolgendo anch’esse il lettore.
Insomma, una storia breve, ma ricca di emozioni dove un uomo riesce finalmente a prendere coscienza della propria vita e a decidersi a mettersi in gioco per ottenere l’amore ed il futuro che sa di meritare. Una lettura scorrevole ed emozionante, perfetta per mettere da parte il freddo inverno e scaldarsi al caldo sole della Florida.



Lui era lo scoglio a cui mi ero aggrappato, la terra che avevo sotto i piedi, la mia àncora di salvataggio, il rifugio nella tempesta. Coz era casa.

Avere Coz sotto di me, che mi desiderava, il mio migliore amico pronto a diventare il mio amante, quasi mi sovraccaricò di felicità. Doveva essere così che ci si sentiva a vincere la lotteria, solo che io avevo vinto un premio che sarebbe durato per tutta la vita.

Mary Calmes crede nel romanticismo, nel lieto fine, e nella fiducia che mostrano i suoi personaggi nel poterlo raggiungere. Nelle sue vene scorre il caffè, pensa che la cioccolata dovrebbe essere un gruppo alimentare a parte, e attualmente vive nel Kentucky con un ninja peloso di tre chili che la protegge dagli uccellini, dai ragni e dai cani del vicino.



Nessun commento:

Posta un commento