Ultime recensioni

lunedì 20 marzo 2017

ASSOLUZIONE di Sloane Kennedy


TITOLO: ASSOLUZIONE
AUTORE:  SLOANE KENNEDY
GENERE: GAY ROMANCE, CONTEMPORANEO M/M
SERIE: THE PROTECTORS #1

Dopo quattro anni all'estero, l'artista Jonas Davenport è tornato a casa per iniziare a costruire il suo sogno di un proprio studio d'arte e di una galleria d’esposizione. Ma non appena è pronto a gettarsi per sempre alle spalle l'oscurità del suo passato, quella ritorna rombando con una vendetta.

L'unica cosa che trattiene l'ex poliziotto Mace Calhoun dall'infilarsi la pistola in bocca, dopo una perdita impensabile, è il suo ruolo in un'associazione clandestina che cerca di ottenere giustizia per gli innocenti, togliendo le vite ai colpevoli. Mettere fine alla vita del giovane artista che ha commesso crimini innominabili contro le vittime più vulnerabili, dovrebbe essere la cosa più semplice del mondo. Allora, perché non riesce a convincersi a premere quel grilletto?

Dopo anni a combattere in una guerra senza fine, che gli ha risucchiato l'anima, il Navy SEAL Cole Bridgerton è tornato a casa per affrontare un'altra battaglia: gestire la scoperta che la sorella minore, scappata da casa otto anni prima, è persa per sempre. Ha bisogno di risposte e l'unica persona che può dargliele è un giovane uomo che cerca a fatica di ricomporre la propria esistenza. Ma non si sarebbe mai aspettato di provare qualcosa di più per il tormentato artista.

Cole e Mace. Uno vive secondo le regole comuni, l'altro si crea le proprie. Uno cerca giustizia attraverso la legge, l'altro con la propria pistola. Due uomini, uno la luce, uno l’oscurità, ritroveranno se stessi e si scopriranno l'un l'altro, una volta che saranno costretti a rimanere fianco a fianco per proteggere Jonas da un male invisibile, che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio per sempre il giovane artista.

Ma le cicatrici di ognuno sono profonde, e persino la forza di tutti e tre assieme potrebbe non essere sufficiente a salvarli...
Jonas Davenport, dolci occhi azzurri e capelli scuri, è solo un ragazzino quando confessa la propria omosessualità e all’epoca, vista la famiglia da cui proviene, sapeva benissimo di dover considerare la possibilità di essere cacciato di casa. Ciò che non si aspettava, però, è ciò a cui il suo gesto lo ha condannato. Un passato fatto di abusi, violenza, omicidi, in una Chicago tutt’altro che bonaria. Costretto a sopravvivere in un ambiente ostile, trova la forza di scappare e di aiutare chi sta subendo, o sta per subire, ciò che ha patito. A volte ci riesce, a volte no. Vive nella costante paura che chiunque possa fargli del male e, per questo motivo, non si avvicina a nessuno. Solo il tocco gentile della sua cara amica Casey – salvata dallo stesso Jonas e, ormai, felicemente sposata – riesce a farlo sentire a casa. Quello che non si aspetta, infine, è di essere sotto stretta sorveglianza di un uomo intenzionato ad ucciderlo. O forse più di uno, ma per motivi differenti?



Nell’attimo in cui Mace scomparve sotto il tavolo, cominciai a pianificare la mia fuga, perché sapevo cosa significava lo sguardo nei suoi occhi. No, non avevo idea di cosa l’avesse causato, ma l’odio era odio, ed io avevo imparato da tempo che ignorare quel tipo di occhiate equivaleva a firmare la propria condanna a morte.


Mace Calhoun ha un unico obiettivo nella vita, la vendetta. L’associazione clandestina per cui lavora, costituita per portare giustizia laddove la legge non assolve alla propria funzione, è stata per lui una famiglia, quando tutto il suo mondo è andato a rotoli. Una grave perdita, con la quale fa i conti ogni giorno, è il motivo che muove le sue azioni e la ragione per cui sorveglia Jonas Davenport, accusato di essere il molestatore di tre bambini e, presumibilmente, l’assassino di un quarto, il cui corpo non è stato ancora rinvenuto. Tuttavia, non riesce in nessun modo a premere il grilletto. Un annuncio di lavoro gli permetterà di avvicinarsi a Jonas, per capire il motivo della sua reticenza. Ciò che non si aspetta, è provare ciò che prova, guardando negli occhi del ragazzo. Occhi scuri e capelli di una strana tonalità tra il biondo e il castano, sovrasta Jonas di una decina di centimetri – questo lo avvicina probabilmente ai due metri – e la sua pelle ambrata, rispetto a quella chiara del ragazzo, sembra la combinazione giusta o, forse, l’unica possibilità di salvezza.

Per quella che era con tutta probabilità la millesima volta, guardai attraverso il mirino del mio fucile e poggiai il dito sul grilletto, mentre prendevo un respiro e lo trattenevo.

Cole Bridgerton, ventinove anni, occhi azzurri e capelli neri tagliati cortissimi, è un Navy SEAL, con una gloriosa carriera, viene congedato con onore, ma soffre incredibilmente per la perdita della sorella Carrie. Per un errore burocratico, scopre di questa morte solo dopo otto anni e va alla ricerca di colui che potrebbe dargli le risposte che cerca. Convinto eterosessuale, alla vista di Jonas sembra non avere più alcun dubbio sul proprio orientamento. Ma scegliere Jonas, vuol dire prendere l’intero pacchetto, Mace compreso e la cosa non sembra essere così campata in aria.

Lasciai vagare lo sguardo per un attimo sul giovane che aveva reso la morte di mia sorella molto reale e poi feci qualcosa che non avevo mai fatto in tutta la mia vita. 

Scappai.

Ma il pericolo incombe e, lui e Mace, si faranno in quattro per scongiurare la minaccia…

Assoluzione, dal latino ad solvere, rendere libero. I nostri tre protagonisti, ognuno a modo suo, hanno un disperato bisogno di sentirsi liberi. Liberi dal passato, liberi dal dolore, liberi da una vita che non hanno scelto di vivere, ma che si è accanita su di loro con ferocia. Tre personaggi che troveranno la libertà soltanto in quest’atipica relazione. Ognuno, con le proprie specificità, con le proprie singolarità, rappresenterà l’àncora di salvezza che impedirà di naufragare, quando il passato, con mani pesanti, tenterà di spingere nelle acque torbide di un mare di ricordi, impedendo il respiro. Assoluzione è una storia di salvezza, di redenzione, di protezione e di amore. Sloan Kennedy tratta, con molto tatto, una vicenda delicata, fatta di violenza e abusi. All’inizio, infatti, informa che il libro contiene riferimenti a un’aggressione a sfondo sessuale contro un bambino e prega di procedere con cautela qualora questo dovesse disturbare. La tematica non è affrontata nei minimi dettagli, ma si fa velatamente accenno, come dicevo, in modo molto delicato. Un libro davvero ben scritto, che lascia in bocca l’amaro in certi momenti, ma che riempie di gioia alla fine. Le scene di sesso, scarse nella prima parte, sono molto dettagliate e potrebbero infastidire se non si è amanti del genere M/M. In ogni caso, sono sempre piene di amore, soprattutto considerata la vita precedente di Jonas e l’inesperienza di Cole.
Non saprei dire chi ho amato di più, francamente.  Credo che ognuno dei tre mi sia entrato dentro per motivi diversi. La dolcezza di Jonas e il suo passato doloroso, che cerca  di superare con tutte le sue forze e l’aiuto di Cole e Mace, mi hanno catturata. La reticenza iniziale di Mace, il suo vedere oltre la condanna, oltre ciò che è scritto, mi hanno riempito di speranza: la speranza che esistano persone che non credono a ciò che gli si dice, ma a ciò che vedono non con gli occhi, ma con il cuore. Cole mi ha fatto capire che si può andare contro ciò che si ritiene “giusto” per gli altri e la necessità di vivere la propria vita come meglio si crede. In conclusione, consiglio Assoluzione perché ognuno di noi ha bisogno di capire e scoprire, che nonostante il dolore e le sofferenze, con l’amore è possibile guarire.
Inoltre, aspetto Salvation, perché credo che anche Ronan meriti il suo lieto epilogo.


Sloane Kennedy ha sognato di essere una scrittrice sin dall’adolescenza, ma non ha fatto il grande passo fino al marzo del 2015, dopo aver pubblicato, in sostanza, il suo primo romanzo come autrice indipendente. Da quel momento ha pubblicato ben diciotto libri, tra cui la serie Barettis Security, la serie Finding e la serie Protectors, di cui Assoluzione  costituisce il primo volume, e che in America è arrivata al sesto. Dopo aver pubblicato romanzi di genere M/F, ha scoperto il suo amore per i romanzi d’amore gay. Sloane Kennedy nasce in Germania e cresce tra Virginia e Wisconsin. Anche se attualmente vive nel Wisconsin, il luogo in cui si è sempre sentita più a casa è Seattle e molti dei suoi libri si svolgono in questa città. In Italia aspettiamo  Salvation, secondo volume della serie.

Nessun commento:

Posta un commento