Ultime recensioni

martedì 14 marzo 2017

Blog Tour: L'universo nei tuoi occhi di Jennifer Niven


Ciao a tutti, Cosmo Friends!
Ieri è partito il Blog Tour dedicato all'ultima uscita di una delle autrici più amate dell'ultimo anno. Sto parlando di Jennifer Niven che è approdata in Italia con "Raccontami di un giorno perfetto" nel 2016, grazie a DeAgostini e che in pochissimo tempo ha conquistato il nostro pubblico. Oggi Gabriella ci racconta la storia di Finch e Violet, protagonisti del romanzo sopra citato, con l'augurio che riusciate ad amare la loro storia tanto quanto lei.


Protagonisti di Raccontami di un giorno perfetto sono Finch e Violet, due ragazzi di nemmeno diciotto anni, due vite differenti potremmo dire, ma che li hanno portati nello stesso posto.

Finch e Violet si incontrano, per così dire, in quello che potrebbe essere uno dei giorni più decisivi della loro vita: entrambi sono saliti sulla torre campanaria della scuola, entrambi mossi da qualcosa di ben radicato dentro di loro, come un mostro che poco alla volta sta togliendo loro la voglia di vivere.

Io non sono perfetta. 
Ho segreti inconfessati e sono incasinata. 
E a nessuno piace la gente incasinata. Preferiscono una Violet sorridente.

Da quando Violet ha avuto un incidente in macchina, l'anno precedente, molte cose son cambiate, primo fra tutti il fatto che lei ne sia uscita indenne mentre sua sorella è morta poco dopo. Da lì la sua scelta di non salire in macchina, di nascondere quel senso di perdita che sente dentro di se' dietro a sorrisi che indossa come maschera, come a dire al mondo che lei sta bene, talmente tanto che si ritrova sospesa a molti metri da terra, pensando a cosa accadrebbe se facesse un passo nel vuoto.

E Finch?  Nella sua famiglia nessuno sembra rendersi conto di ciò che accade, dalla madre quasi apatica al padre capace di comunicare solo a suon di urli e alzate di mani. Da troppo tempo ormai la sua vita è sostituita da periodi dove non prova altro che un vuoto dentro di se', come vivendo in una bolla le cui pareti non fanno intravedere la luce, a periodi in cui si sente sveglio, si ricorda.. E sarà proprio in uno di questi giorni in cui debella il buio dalla sua mente che si ritroverà a chiedersi cosa si prova quando il passo successivo ti porta ad una caduta di metri e metri da terra, la cui conclusione non può che portare alla morte.

Entrambi mossi da ragioni differenti, ma quasi per volere del destino lo sguardo di Finch si porterà poco lontano dalla punta del suo quarantasei di scarpe, fissandolo su di una ragazza: Violet.

Da qui la sua decisione di salvare la ragazza, benché il mondo pensi che sia lei ad averlo salvato.

«(...)Dimmi, che cosa hai imparato oggi?»
«Ho imparato che a questo mondo c’è qualcosa di buono, se si sa dove cercare. 
Ho imparato che non tutte le persone sono una delusione, me compreso, e che sopra una collina alta 383 metri si può provare un’ebbrezza maggiore che in cima a una torre, se hai accanto la persona giusta.»


Galeotto, così si dice, fu un progetto in coppia sulle meraviglie dell'Indiana, dove è proprio Finch che decide di prendere fra le mani il proprio destino, scegliendo come compagna proprio la giovane Violet.
Non gli basta più sapere della sua compagna di studi quello che il mondo percepisce, vuole sapere chi si cela dietro quel vero, e raro, sorriso che la ragazza sfoggia, arrivando al punto di iscriversi su facebook solo per lei, per avere un modo in più per poterle parlare.
E quando ciò non basta, perché non basterà, Theodore  (all'anagrafe si chiama così il nostro protagonista) sarà pronto a tutto, da una live su quella piattaforma a  lui ancora estranea, al presentarsi agli orari più disparati alla sua finestra.
E in un viaggio che ha come prima tappa Hoosier Hill, il punto più alto dell'Indiana, alla libreria Bookmarks o a Purina Tower, i due si ritroveranno sempre più costretti ad avvicinarsi l'uno all'altro, come se il filo che li lega via via si riducesse, senza nemmeno accorgersene.

Essere così giovani e avere al contempo un bagaglio simile al loro sulle spalle, sarebbe difficile da reggere per chiunque, contando solo sulla propria forza. E' solo grazie alla condivisione della propria storia che certe cose si riescono a tollerare meglio, creando inevitabilmente un'intimità tra i due.
Due giovani adulti alle prese con un mondo che sembra non aver spazio per loro ma che, al contempo, sembra quasi pronto ad ospitare un micro-mondo dentro di se', il loro, proprio nel mentre in cui i due scoprono il significato più profondo dell'amicizia, le mille sfumature di cui essa si può tingere quando entra in gioco l'amore.
L'unico problema? Il tempo, perché a volte è proprio questa l'unica cosa che non  possiamo controllare.

Perché non possiamo allontanare le cose brutte e tenere solo quelle belle? 
È quello che voglio fare con Violet: 
darle solo il bello e tenere fuori il brutto. 
Voglio che siano solo cose belle a circondarci.


Continuate a seguire le tappe di questo incredibile blog tour e non dimenticate di commentarle per farci sapere cosa ne pensare. I vostri pareri sono sempre la cosa più importante ;-)A presto Cosmo Friends!

2 commenti:

  1. Ogni volta che leggo una citazione di Raccontami di un giorno perfetto mi piange il cuore. Libro eccezionale!

    RispondiElimina
  2. Deve essere bellissimo! C'è l'ho in lista da tempo, ma lo passo sempre al secondo piano, mettendo altre letture prima! Dopo questa tappa, devo assolutamente leggerlo. Graziee!

    RispondiElimina