Ultime recensioni

giovedì 8 dicembre 2016

PUNK 57 di Penelope Douglas

"We were perfect together. Until we met."

Misha
I can’t help but smile at the lyrics in her letter. She misses me.
In fifth grade, my teacher set us up with pen pals from a different school. Thinking I was a girl, with a name like Misha, the other teacher paired me up with her student, Ryen. My teacher, believing Ryen was a boy like me, agreed.
It didn’t take long for us to figure out the mistake. And in no time at all, we were arguing about everything. The best take-out pizza. Android vs. iPhone. Whether or not Eminem is the greatest rapper ever…
And that was the start. For the next seven years, it was us.
Her letters are always on black paper with silver writing. Sometimes there’s one a week or three in a day, but I need them. She’s the only one who keeps me on track, talks me down, and accepts everything I am.
We only had three rules. No social media, no phone numbers, no pictures. We had a good thing going. Why ruin it?
Until I run across a photo of a girl online. Name’s Ryen, loves Gallo’s pizza, and worships her iPhone. What are the chances?
F*ck it. I need to meet her.
I just don’t expect to hate what I find.

Ryen
He hasn’t written in three months. Something’s wrong. Did he die? Get arrested? Knowing Misha, neither would be a stretch.
Without him around, I’m going crazy. I need to know someone is listening. It’s my own fault. I should’ve gotten his phone number or picture or something.
He could be gone forever.
Or right under my nose, and I wouldn’t even know it.

*Punk 57 is a stand alone New Adult romance. It is suitable for ages 18+.

Dopo questa lettura, sono convinta che Penelope Douglas sia una delle migliori scrittrici new adult di questa generazione. Ancora una volta ha saputo magistralmente farmi amare e odiare i suoi personaggi; mi ha travolto facendomi dimenticare tutto quanto e pensare solo a terminare il suo romanzo. Allo stesso tempo, mi ha emozionata a tal punto da desiderare che non finisse mai, perché già sapevo che i protagonisti di questa nuova storia mi sarebbero mancati  una volta raggiunta la parola fine.

Adoro come i titoli stranieri riassumano tutto in poche parole ( per non parlare delle cover...ma potrei dilungarmi anche troppo, quindi è meglio lasciar cadere l'argomento). Punk 57 è essenziale, e una volta letto il romanzo, applaudirete la sua intuizione. Un'ennesima prova di come le scrittrici oltreoceano sia avanti anni luce rispetto a noi, assolutamente in tutto.

Misha e Ryan sono diventati amici di penna all'età di sette anni, per un progetto scolastico. Pur abitando a pochi chilometri di distanza, i due bambini hanno continuato a scriversi anche una volta terminato l'impegno preso a scuola.
Do you notice that, too? How all of us want to get through life as quickly and easily as possibile? And even though we know that without risk there's no reward, we're still so scared to chance it?
Gli anni sono passati e con loro sono state scritte centinaia di lettere, nelle quali i ragazzi hanno descritto le loro passioni, interessi e insicurezze; gli argomenti cambiano con il trascorrere degli anni: le prime esperienze sessuali, i dubbi tipici dell'adolescenza, capire cosa si vuole diventare da grandi.
Alcune di loro sono serie e impegnate mentre altre sono più leggere e divertenti. La forza delle loro parole si trasferisce inevitabilmente nei loro cuori creando una relazione, una connessione che nessuno di loro aveva previsto.
Non hanno mai osato cercarsi su Facebook o andare a casa di uno dell'altro per incontrarsi di persona; la paura di rovinare tutto è troppo forte e non se la sentono di rinunciare a quanto hanno creato.


Come vorrei entrare nel dettaglio con voi, perché desidero tanto poterne parlare con qualcuno ( quindi se lo avete letto in inglese: contattatemi!!)  ma, ahimè, non posso spoilerare nulla.
Vi basti sapere che i due avranno modo di incontrarsi e l'immagine brillante e integerrima che avevano creato nella loro mente, verrà sostituita con una totalmente diversa, più reale e non necessariamente più bella.
Quale delle due preferiranno? Quando ogni bugia sarà chiarita, cosa resterà del loro rapporto? Soprattutto: chi è Punk?
The world isn't always what's right in front of you, you know? It's below, it's above, it's out there somewhere.
Mi rendo conto di non aver approfondito  il romanzo, permettetemi di farvi innamorare dei personaggi.
Ladies first: Ryen. Il suo nome è stato confuso con quello di un maschio, per questo  motivo è stata accoppiata con Misha per il progetto di amico di penna. E' simpatica, sarcastica, nerd quanto basta. In realtà è insicura, ha una terribile paura di restare sola e per questo ha tradito, è diventata boriosa e irriverente. Ha tradito se stessa in cambio di una versione più "popolare". Ha troppi segreti e Misha è la sua valvola di sfogo; nelle loro lettere lei può essere la persona che ha sempre sognato di essere. Quando lui improvvisamente interrompe la  corrispondenza, si sente persa, un fallimento e trova un altro modo per esternare il suo animo.
Vi starete di certo chiedendo cosa c'è da amare in un personaggio tanto spregevole. Credetemi, saprà redimersi e riconoscere la gravità delle proprie azioni facendosi perdonare, non solo ai nostri occhi.         
"Why are you two different people, Ryen?"

Misha *grande sospiro*. Lui è un musicista, scrive canzoni e fa parte di una band che sta piano piano ottenendo un discreto successo tra i suoi coetanei.
Vive con un padre assente e una sorella deliziosamente fastidiosa; la madre se n'è andata senza voltarsi indietro.
Diversi avvenimenti lo porteranno a compiere azioni che apparentemente, per noi lettori, non hanno significato, per lui invece sono fondamentali per superare il periodo difficile che è stato costretto a vivere. Si è dovuto staccare da molte cose, ma non può farlo anche da Ryen. Le sue lettere lo hanno sempre tenuto con i piedi per terra, ispirato per la sua musica, strappato un sorriso quando si sentiva triste e fatto riflettere su argomenti importanti. 
Riuscirà ad ottenere tutto quello che vuole senza sacrificare la cosa più bella che gli sia mai capitata?
"They don't get you and me. I know what you're afraid of. You're perfect. I'm never in line. You're beautiful, and I'm bad, right?"

Gli argomenti trattati sono tipici tra i teenager: bullismo, indifferenza, incomprensione e voglia di popolarità. Tutti abbiamo già letto di questi soggetti, ma in questo particolare contesto, abbiamo una nuova prospettiva che non banalizza o annoia il lettore, direi che lo coinvolge di più.

Stilisticamente parlando, il libro è talmente perfetto da fare impressione. Dialoghi interessanti e coinvolgenti, un'analisi precisa esaltata dai piccoli estratti delle lettere dei protagonisti. Ci sono i Pov alterni ma non sono alternati ad ogni capitolo; è come se ciascuno di loro avesse bisogno del suo tempo per potersi raccontare.
Un'ottima trama, che apparentemente può sembrare banale ma sorprende al terzo capitolo, strutturata in modo da interessare sempre il lettore, facendogli desiderare di non avere tempo altro che per leggere.
Mi auguro che lo traducano presto in italiano, perché tutte voi meritate di leggere un simile capolavoro!!  



Nessun commento:

Posta un commento