Ultime recensioni

venerdì 19 aprile 2019

Review Party: ALWAYS YOU di Veronica Scalmazzi



C'era una volta, in una piccola cittadina bagnata dal mare, una Principessa dai lunghi capelli rossi e con due occhioni verdi come l'acqua marina. La Principessa viveva felice nella sua dimora, circondata dall'affetto di mamma e papà, e del suo amato Principe. L'eroe del suo cuore.
Insieme si erano fatti una promessa sancita con il dono di un ciondolo inciso a mano dal Principe stesso.
Always. 
Una parola di sei lettere. 
Un legame destinato a non spezzarsi mai.
Ma la vita non sempre è una fiaba con il lieto fine, spesso può trasformarsi nel più crudele dei destini. Un destino capace di strapparti via il cuore dal petto e ridurti l'anima a brandelli, togliendoti tutto.
Non vivi più.
Non esisti più.
L'unica cosa che puoi fare è sopravvivere, ma senza respirare davvero.
Una Principessa e il suo Principe.
Madison e Jamie.
Due anime perse e in continua lotta contro se stesse.
Perché lei ama lui, e lui ama lei. 
Ma senza poterlo fare.
Perché loro sono fratelli. Perché il loro amore è un segreto proibito.

PS: Always You è autoconclusivo, ma consiglio vivamente di leggerlo dopo la lettura di Without You, in quanto alcuni avvenimenti importanti che danno il via al tutto sono descritti e trattati proprio in Without You.

Jamie è solo un bambino quando per la prima volta posa gli occhi su sua sorella Madison. L’improvviso astio che provava nei confronti di quella “femmina” venuta a sconvolgere le loro vite, vengono improvvisamente dimenticate quando i suoi occhi incontrano quelli color acquamarina di lei. Madison, con quei suoi occhi immensi e i capelli color del fuoco, è bella ed è impossibile non paragonare quella tenera bambina a una delle principesse di cui sente tanto parlare: Madison è la “sua” Ariel e lui non potrà che essere il suo Principe Eric pronto a proteggerla e a difenderla.
Sono un uomo a cui resta solo sognare e immaginare l’impossibile.
Un uomo che inciampa in assurde illusioni dettate dalla pazzia.
Tu sei la mia pazzia e non so come guarire.

Passano diversi anni, Jamie e Madison crescono uniti da un forte rapporto di fratellanza, ma entrambi sanno che quel sentimento è qualcosa in più, un sentimento e un legame che vanno al di là del semplice rapporto che lega un fratello a una sorella. Jamie ha paura di quello che sente, qualcosa di non sano, un sentimento pericoloso che non riesce a mettere a tacere, per questo decide di fuggire. Si arruola nei Marine, partecipa a missioni che sembrano essere più suicide che di salvataggio, mettendo spesso a rischio la sua vita; il suo comportamento però viene visto più come un atteggiamento di coraggio e per questo inizia a fare carriera, diventando Maggiore, responsabile di una squadra tutta sua, una squadra che sente come una famiglia, una squadra con cui stringe un forte legame, una squadra pronta a guardargli le spalle. E nonostante le missioni e quella guerra in grado di spegnere i sentimenti umani, il suo pensiero è sempre rivolto a Madison, l’unica che gli dà la forza di non morire sotto l’esplosione delle granate, diventando involontariamente il suo angelo custode.

Devo assolutamente trovarla e parlarle. Dirle ogni cosa. Confessarle che la amo più della mia stessa vita e che supereremo tutto. Che quello che esiste fra noi è un sentimento vero. Inspiegabile, ma dannatamente giusto. Perché amarla è la cosa più bella che potesse capitarmi.

Madison è una ragazza a pezzi. La partenza di Jamie l’ha distrutta. È tempo di voltare pagina, di andare avanti, di dimenticarlo. Fa una serie di scelte che la portano su una cattiva strada; frequenta un ragazzo che vuole solo usarla per distruggere Jase e ciò che ha di più caro; rischia la vita in un incidente che vede morire il suo accompagnatore e dal quale lei resterà profondamente segnata. Ha bisogno di cambiare aria, lascia Carmel per l’Italia, e Braies sembra riuscire a regalarle momenti di pura felicità, grazie al tornado di sua cugina Maddelena e ai continui battibecchi con Daniel. Eppure lui è sempre là, nei suoi pensieri più reconditi e in quel muscolo che le ricorda quanto è viva quando invece vorrebbe solo morire. Una serie di circostante la riporteranno a Carmel, i suoi occhi si perderanno ancora una volta in quelli di Jamie. Resistere alle tentazioni risulta impossibile, farsi travolgere dai sentimenti liberatorio.
Cosa succederebbe se entrambi decidessero di vivere quell’amore proibito? Quali conseguenze porterà questo loro gesto avventato nelle vite di chi li circonda?

La mia esistenza è sempre stata una scelta continua, tranne l’amore che provo per Jamie.
Jamie non è una scelta.
Jamie è un brivido improvviso, è il battito accelerato del mio cuore.

Secondo capitolo della serie Return to me. Jamie e Madison si sono fatti conoscere e amare nel romanzo precedente, Without you, e diventa difficile negare l’impazienza di poter leggere la loro storia, provare i loro sentimenti, vivere quell’amore appena accennato. Se Sarah e Jase sono stati in grado di entrarti dentro, conquistando riga dopo riga il tuo cuore, Jamie e Madison invece sono capaci di straziarti il cuore con quella storia tanto sofferta e proibita. Non si dovrebbero provare certi sentimenti nei confronti del proprio fratello, ma Madison non l’ha scelto, è successo e basta, e tra le righe di questa storia si riesce a cogliere tutta la sofferenza provata nel reprimere quello che il cuore le suggeriva. Ogni singola pagina, ogni singolo capitolo urla la loro disperazione, il loro dolore, il loro tormento. Entrambi hanno provato a combatterlo, a resistergli. Jamie si è arruolato per fuggire, Madison è partita con un biglietto di sola andata per l’Italia.
Se i sentimenti di Sarah nei confronti di Jase sono sinceri e puri, quello che Madison prova nei confronti di Jamie è qualcosa che va al di là della semplice logica e ragione.

«Il tuo sentimento è folle, rompe le righe della normalità, ma cosa è davvero normale al giorno d’oggi? L’amore non segue le logiche, non ha regole. Esiste e basta, e quando ti afferra non ti chiede il permesso. Lo fa senza guardare in faccia nessuno.»

Non mi soffermerò a dire quanto siano fighi i personaggi, quanto siano caratterialmente forti e coraggiosi per aver voluto osare, sfidando chiunque si mettesse sulla strada dei loro sentimenti. Non vi dirò quanto sia tormentata la loro storia, perché ci sono storie che devono essere lette e vissute. Vi chiedo solo di chiudere in un angolino della vostra mente l’ottusità che potrebbe ottenebrare la ragione, invitandovi a leggere questo romanzo a cuore aperto, ben consapevoli che il vostro stomaco verrà (forse) preso a pugni più volte durante l’intera lettura. Lasciateli entrare nel vostro cuore, si accomoderanno in un angolino e vi racconteranno la loro storia.

L'amore, quello vero e scritto nelle stelle, va oltre l'infinito. Vive per sempre, trovando riparo nel battito di un cuore avvolto dai ricordi. Perché non è il tempo a renderci eterni, ma gli attimi. Quelli che hanno dato un senso alla tua vita e che ti hanno insegnato a esistere.


Per leggere la recensione del capitolo precedente, cliccare sull'immagine!!

Nessun commento:

Posta un commento