Ultime recensioni

martedì 12 giugno 2018

FINO A TARDI PER VEDERE L'ALBA di Kody Keplinger



È una vera e propria guerra quella che è scoppiata al liceo Hamilton: l’odio tra il team di football americano e quello di calcio è insostenibile. E Lissa è stanca. Non aveva immaginato che fidanzarsi con Randy, il quarterback della squadra, significasse venire costantemente piantata in asso in nome di qualche vendetta. In almeno tre occasioni la macchina di Randy è stata bombardata da uova, mentre lui e Lissa cercavano un po’ d’intimità. È arrivato il momento di porre un freno a tutto questo: Lissa non ha più intenzione di contendersi le attenzioni del suo ragazzo con un branco di scimmioni sudati. Lei e le altre ragazze hanno in mente un piano per mettere fine a quella sciocca rivalità una volta per tutte: nessuna si farà più avvicinare dal proprio fidanzato finché le squadre della scuola non faranno pace. Uno sciopero in piena regola. Ma Lissa e le altre non hanno messo in conto una nuova forma di competizione: quella tra maschi e femmine. Vince chi è in grado di resistere ai propri istinti. Peccato che Lissa si senta irrimediabilmente attratta da Cash Sterling, il leader dei ragazzi…


Al liceo di Hamilton è in corso una faida decennale tra la squadra di calcio e quella di football, ma nessuno ne ricorda il motivo. Fin qui nessun problema, non fosse che questa stupida lotta sta mettendo in discussione il rapporto che Lissa ha con il proprio fidanzato Randy.

«Mi stai mollando per andare a fare a botte con i calciatori?», domandai. Infilai la maglietta dalla testa e mi voltai a guardarlo. «Ero convinta che volessi dimostrarmi che venivo prima di tutto».

La situazione assume dimensioni gigantesche e le rappresaglie tra le due squadre sportive arrivano a provocare danni fisici ai giocatori e questo genera la reazione di Lissa che decide di convocare le fidanzate e la sua migliore amica Chloe – che non è fidanzata con nessuno ma ha una reputazione non proprio rosea -  per esporre il suo piano: astenersi dal sesso finché i ragazzi non capiranno cos’è più importante.

«Giuro solennemente di astenermi da qualsiasi tipo di rapporto sessuale. Il giuramento riguarda qualsiasi attività che coinvolge gli organi al di sotto della cintura, ma non si limita a essi. La cintura di entrambi, inteso. Ah, anche le palpate sono escluse. Niente mani sotto la maglia». Mi sforzai di andare avanti, sebbene quel discorso mi facesse avvampare di vergogna. «Manterrò la parola data, anche nei momenti più duri, e resisterò alla tentazione fino alla fine della rivalità».


Lissa e Randy stanno insieme da un anno e il loro rapporto sembra abbastanza solido, anche se nel cuore di Lissa un piccolissimo pezzo appartiene a Cash Sterling, calciatore dai magnetici occhi verdi, con il quale c’è stato un bacio (anche più di uno) l’estate precedente, durante un periodo di riflessione tra Lissa  e Randy. Cash però non l’ha mai chiamata e la sua reputazione – quella di chi ti fa credere di poter essere qualcosa di più ma non va mai al sodo – porta Lissa a pensare di non essere abbastanza per lui, ecco perché decide di metterci una pietra sopra e tornare con Randy.

Nonostante il suo nome, degno di un romanzo, Cash Sterling non era un protagonista. Avevamo sempre frequentato le stesse scuole, da quando eravamo all’asilo, e in tutti questi anni non si era mai messo insieme a nessuna. Anzi, a quanto ne sapevo, non era neppure mai uscito con una ragazza. Però era un fico. […] se fosse stato una ragazza, tutti i maschi l’avrebbero chiamata “arrizzacazzi”.

La situazione però diventa difficile. Molto difficile. 
La mancanza di sesso sembra allontanare Randy e la faida non accenna a finire.

In quel momento, ebbi un’illuminazione e capii che io e Randy stavamo facendo lo stesso gioco. Io gli stavo negando il sesso, e lui mi stava negando… be’, tutto il resto. Evitando di parlarmi, mantenendosi a distanza, mi faceva sentire frustrata e insoddisfatta quanto lui.

La sera del ballo rappresenta una svolta: una terribile scoperta e un imbarazzante segreto cambiano le carte in tavola.
Gli equilibri si spostano. Non si tratta più di squadra di calcio Vs squadra di football ma di maschi contro femmine. Lissa è a capo della fazione femminile – che ha giurato su una copia di Cosmopolitan – Cash si mette a capo della fazione maschile.
E così come in  Lisistrata, una commedia di Aristofane, le due fazioni si fanno la guerra e solo una riuscirà ad avere la meglio.
Ma a che costo? Con quali sacrifici?
E, soprattutto, potrà il ricordo di un bacio estivo risvegliare sentimenti che si desiderava tenere nascosti?

Non mi ero mai sentita così, come se volessi infilarmi sotto la sua pelle. Come se desiderassi il suo corpo appiccicato al mio, centimetro su centimetro, come se volessi avvolgerlo e non lasciarlo più andare via. Non avevo mai baciato nessuno a quel modo. Neppure Randy.

Voglio fare una piccola premessa: odio i libri in cui non esiste descrizione dei protagonisti. Una parte di me ha bisogno di sapere com’è la persona che sta parlando e com’è la persona a cui sta parlando, quindi amiche mie, se non ho descritto Lissa è perché – esclusa l’unica informazione circa il colore dei capelli – non ce n’è notizia. Stessa cosa per Randy e Cash (in realtà di quest’ultimo si sa che ha gli occhi verdi e i capelli castani tagliati corti, e nulla più). 
Il libro è scritto dal punto di vista di Lissa, una diciassettenne (?) che è dovuta crescere troppo in fretta a causa di un incidente stradale che ha ridotto il padre sulla sedia a rotelle e l’ha resa orfana di madre. Mi è piaciuto tantissimo il personaggio di Chloe – migliore amica di Lissa – per la sua emancipazione mentale e il suo essere così diversa da tutte le altre, al punto che mi auguro di poter leggere un libro che la riguarda.
Randy mi sta antipatico. Nel vero senso della parola. Sembrava tanto carino e invece…
Cash è dolcissimo. Anche la sua situazione familiare non è delle migliori e ho amato il suo attaccamento e il suo senso del dovere.
Fino a tardi per vedere l’alba – se proprio devo dirla tutta, non ho ben capito cosa diavolo c’entri questo titolo con la storia, ma vabbè – è un libro molto carino e non  è una sorpresa per una scrittrice come Kody Keplinger, della quale ho amato particolarmente Quanto ti ho odiato (D.u.f.f). Rivisitazione contemporanea di una commedia greca, porta con sé i valori dell’amicizia, della lealtà e dell’amore.
Consiglio la lettura alle amanti del genere, con la speranza che vi piaccia così com’è piaciuto a me.
Buona lettura Cosmo!




Nessun commento:

Posta un commento