Ultime recensioni

venerdì 8 gennaio 2016

BACI RUBATI NEL VENTO DEL NORD di Sabina di Gangi






Lulworth Cove, una baia nella costa sud dell’Inghilterra, è un posto magico. Lo sa Lise, che vi è tornata dopo tanti anni. Lei ama camminare a piedi nudi sull’erba e osservare la natura che si riposa. Eppure né il profumo delle piante, il suono del mare, il vento che spazza via le nubi e nemmeno quel dannato vicino che continua a fare rumore riescono ad alleviare le paure e la solitudine che la opprimono.
Anche Daniel ama Lulworth Cove, e i colori che ha attorno lo ispirano. Lui che è un pittore introverso e scontroso, sempre in guerra con il mondo e con le donne troppo accondiscendenti e senza cervello, lì si sente in pace. Per ironia della sorte si ritrova come vicina di casa una impicciona rompiscatole… Ma Lise non è come le altre, e Daniel giorno dopo giorno se ne accorgerà.

Una storia d’amore calda come i colori dell’autunno, dirompente come il risveglio della natura in primavera.



Non mi sono mai concessa di leggere un romanzo Rizzoli della serie YouFeel e devo ammettere che meritano davvero tanto, almeno questo romanzo a parer mio merita la lettura, una scrittura fluida, morbida ed emozionante.

Benvenuti a Lulworth Cove, una piccola baia sulla costa inglese dove conosceremo l’irresistibile e “impicciona” Prudence, una donna anziana che farà da cupido. Lise e Daniel i protagonisti, Steve il poliziotto casanova e Vanessa la mamma di Lise affetta da tempo da una grave malattia e in fin di vita.
Lise e Vanessa ritorneranno in quella piccola baia, dopo una lunga assenza, in modo che Vanessa trascorra del tempo nel luogo che le sta più a cuore, grazie anche a Prudence il tempo passerà più piacevolmente. 
Lise è stata da poco licenziata, lavorava come fiorista per una ditta organizzatrice di eventi, ed ora si dedica principalmente e con tutta se stessa alla madre, una madre che si è sempre presa cura di lei che le ha fatto da mamma, da amica e da spalla su cui piangere nei momenti più tristi. Fino a ora son sempre state loro due e la paura più grande di Lise è quella di restare sola, senza nessuno al mondo. Ma proprio come un fulmine che all’improvviso squarcia il cielo scuro, Daniel entrerà a far parte delle sue giornate… Daniel è il vicino di casa di Lise, amico di Prudence e Steve, è un pittore e per concentrarsi ha bisogno di ascoltare musica ad alto volume e per sfogare la sua rabbia con tutto quello che lo circonda spacca legna, e non c’è nulla che irriti di più Lise del rumore, che come prima cosa si rivolgerà alla polizia e poi si presenterà, agli estremi della sopportazione, alla porta di Daniel… E l’incontro sarà del tutto inaspettato.

Quando si erano incontrati il suo cuore sembrava impazzito, ed era riuscito a malapena a domare l’istinto di prenderla tra le braccia e baciarla.
Lise è l’unica donna che sfiderà Daniel, non è una gatta morta e lui sarà affascinato non solo dalla sua bellezza ma anche da tutte le sfumature d’autunno che porta con se e vorrà fotografarla per poi riuscire a trovare ispirazione nei suoi dipinti, il tutto… rubandole dei baci.

C’era solo lei, Lise con le mille sfumature dell’autunno attorno al suo corpo
 Daniel sarà accanto a Lise nel momento in cui avrà più bisogno, gli farà da spalla, da pilastro e da punto di riferimento. Entrambi dovranno fare alcuni chiarimenti con se stessi, su quello che vogliono veramente, su ciò che provano l’uno per l’altra. Non voglio svelarvi altro, sono quindici capitoli carichi. È davvero un bel romanzo, una storia romantica, triste, dolce; in più le descrizioni sia dei personaggi che del luogo, ti fanno vivere pienamente la storia. Ha tutti gli ingredienti giusti. Complimenti Sabina! Consiglio la lettura.


«Te n’eri andata senza dire nulla. Non sapevo dov’eri e perché eri sparita. Senza salutarmi, senza dirmi addio o arrivederci… Mi avevi repentinamente cambiato la vita e un istante dopo me la stavi rivoltando di nuovo sparendo nel nulla.»





È nata nella caldissima Sicilia nel 1977 dove tutt’ora vive con il marito e i due figli.
Ha studiato musica diplomandosi in flauto traverso al Conservatorio di Palermo. La scrittura è il suo sogno e obiettivo giornaliero. Da piccola fingeva di essere una poetessa scrivendo con la vecchia Olivetti di suo padre e a scuola grazie ai temi riusciva ad alzare la media dei voti. Ama vivere immersa nella natura che sia il mare, la montagna o semplicemente la campagna. Conta di riuscire a trasferirsi in una casetta in campagna isolata dal mondo dove poter scrivere col solo sottofondo delle sue amate colonne sonore. L’esordio è stato nel 2011 con un romanzo storico, nel 2014 ha pubblicato in self Cercando di te e ha debuttato nella collana digital only Youfeel Rizzoli con il romanzo Canzoni, mirtilli e principi azzurri.




Nessun commento:

Posta un commento