Ultime recensioni

venerdì 28 settembre 2018

Quando si cade di L.A. Witt




Tucker Springs Serie, Libro 6

Dopo anni di risparmi, Nathan è finalmente riuscito a comprare il cavallo dei suoi sogni. Non vede l’ora di trascorrere l’estate a esplorare i percorsi da equitazione nelle montagne del Colorado sopra Tucker Springs in compagnia della sua Zarina. Purtroppo, durante la primissima uscita, un motociclista taglia loro la strada mettendo in fuga Zarina e lasciando Nathan con una gamba e una mano rotta, e un’estate rovinata.
Ryan è un solitario e un nomade, felice di accettare lavori a breve termine prima di trasferirsi in una nuova città. Sentendosi in colpa per aver provocato l’incidente che ha fatto finire Nathan con due gessi addosso, si offre di tenere in esercizio Zarina finché ilragazzo non guarisce.
A dispetto della pessima partenza, Nathan e Ryan presto diventano amici… e poi molto di più. Ma con un paio di pessime relazioni alle spalle, Nathan non vuole coinvolgimenti sentimentali, specie sapendo che Ryan non è tipo da mettere radici. Ma quando mai i sentimenti seguono una logica razionale?



Con questo libro torniamo, per la sesta volta, tra le montagne del Colorado, nella pittoresca cittadina di Tucker Springs. Come per gli altri libri della serie, incontriamo vecchi personaggi e andiamo a conoscerne di nuovi.
Nathan è il receptionist di Mike, protagonista di “Farsi forza”, primo libro della serie, e avevamo iniziato a sapere qualcosa in più su di lui in “Mai un eroe” quando aveva aiutato Owen ad avere più fiducia in sé stesso e a fare chiarezza nella sua vita. Insomma, un personaggio non del tutto sconosciuto, ma di cui erano state gettate le basi per stimolare la curiosità del lettore. Curiosità che qui viene ampiamente soddisfatta. Nathan è un giovane studente del college che arrotonda lavorando e che ha la passione per l’equitazione. Oltre questo, vedremo anche come sia estremamente indipendente, cocciuto e masochista (lasciatemelo dire, è un pazzo furioso).
Ryan, nonostante lo si conosca solo attraverso Nathan che è la voce narrante dell’intera storia, è un personaggio molto positivo, sembrerebbe un nomade biker, ma si rivela un ragazzo molto solo e timido. A volte, dimostra un’ingenuità che contrasta con quello che ci si aspetta da un solitario nomade che gira l’America senza meta.
Una storia semplice, ma ben scritta che racconta di due giovani che trovano il coraggio di mettersi in gioco e veder così sbocciare l’amore. Non sarà semplice, ma, come sempre, le cose migliori non si conquistano senza fatica. Una lettura dolce, ma anche hot, imperdibile per chi ha amato i libri precedenti della serie, ma che può essere letta anche come stand alone e non deluderà affatto.


«Anche se cominciassi a guardarlo con gli occhi a cuore e mi concedessi di pensare che sta diventando una cosa seria, rimarrebbe comunque un ragazzo che mi ha detto chiaro in faccia che l’unico impegno a lungotermine che abbia mai preso è un tatuaggio.» Feci un gesto sprezzante. «Non è capace di vivere nello stesso posto per più di un anno o due. Non si lascerà convincere a mettere radici, né io vorrei mai tenerlo bloccato.»
«Niente di tutto ciò significa che non ti affezionerai a lui.»


L’assenza di Ryan era come un taglietto da carta. Ne ero sempre cosciente. Bruciava ininterrottamente, tanto che era impossibile non notarla.


«Nessun luogo è mai stato “casa”. Non so cosa significhi sentirsi così in un posto, che sia una città o un edificio o qualsiasi altra cosa.» Con le dita che tracciavano la curva della mia guancia, sussurrò: «So solo che mi sento a casa quando sono con te.» 


L.A. Witt è un’anomala scrittrice di romance MM che al momento vi-ve nella scintillante e ultrafuturistica metropoli di Omaha, in Nebraska, con suo marito, due gatti e il cervello di un pinguino smembrato che comunica telepaticamente con lei. In aggiunta a scrivere roba porno e a disturbare i locali, si dice che L.A. stia lavorando con il governo degli Stati Uniti per perfezionare una modificazione genetica checonsentirebbe agli umani di vivere per sempre mangiando soltanto CornPops e carne secca. Questa è tutta una copertura, però, in quanto la sua primaria attività di svago è dare la caccia alla sua arcinemica, l’autrice di libri erotici Lauren Gallagher, che si dice anche lei viva da qualche parte a Omaha.



Nessun commento:

Posta un commento